QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Race Against Time per preparare Sakur per Tokyo: “Ha funzionato davvero male negli USA” | Atletica

Gli osservatori di atletica leggera notano che il talentuoso Jonathan Sacoor non ha fatto progressi, piuttosto arretrato da quando si è trasferito negli Stati Uniti 2,5 anni fa. La sua rottura dall’Università del Tennessee e il suo ritorno al gruppo di addestramento di Jack Burley potrebbero essere una manna dal cielo da questo punto di vista.

Padre Burley disse a Sporza che la preparazione di Sakur per Tokyo sarebbe stata una corsa contro il tempo. “Dopo il primo test, si è riscontrato che ha una capacità portante molto ridotta. Dopo 200 metri è completamente svuotato. Quindi questo sarà il primo compito: fare in modo che Sakur sia all’altezza dello standard”.

L’allenatore Burleigh conta su un buon mese per questo. Quindi, seguirà l’opera d’arte di 400 m specificata. L’obiettivo è avere ancora una volta Sacoor quel corridore leggero che sembra fluttuare sulla pista. L’allenatore e l’atleta avranno quindi un mese e mezzo di tempo.

“Sarebbe sicuramente un bene per la staffetta”, dice Burley. “Vedremo di nuovo il miglior Sakur lì. Ma Jonathan deve ancora camminare il minimo indispensabile per poter partecipare individualmente. Il tempo stringe”.

Il miglior tempo per Sacoor all’aperto in questa stagione è di 47 “45, il minimo olimpico dovrebbe correre 2,5 secondi più veloce. Ma quando il periodo di costruzione fisica finisce e la sua tecnica migliora di nuovo, l’ex campione del mondo junior avrà solo una o due possibilità di correre alla volta. Sharp, poiché il periodo di qualificazione olimpica termina il 29 giugno.

Il compagno di Bert Streux Radio Jonathan Sakur ha visto un peccato per le staffette mondiali in Polonia. L’allegro lembo di ieri era scomparso. Ovviamente, questo aveva qualcosa a che fare con scarsi risultati, ma anche il conflitto con la sua università americana ebbe un impatto enorme.

READ  Tappa 18 al Giro: la missione più lunga d'Italia, tutta all'offensiva? | Giro d'Italia 2021

Jack Burley: “Lasciatemi dire prima che in Tennessee hanno fatto davvero male con il miglior talento che Jonathan fa di sicuro. Ignorano tutti i consigli che ho dato loro.”

“Fondamentalmente Jonathan ha dovuto correre molte competizioni e sembrava che non ci fosse tempo per crescere in buona forma. Non lo so ancora, ma Jonathan ha anche avuto difficoltà a concentrarsi al 100% sul suo sport”.

“Quindi nelle prossime settimane lavoreremo anche sul lato mentale per renderlo di nuovo un grande atleta. Sarebbe una sfida, ma penso che potrebbe lavorare a Tokyo”.