QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Racing Genk perde 3 punti in uno slot pazzesco contro 10 giocatori Yupin | Jupiler Pro League 2021/2022

Dopo il colpo europeo contro la Dinamo Zagabria, anche il Racing Genk deve fare i conti con un’esplosione nella Jupiler Pro League. A Eupen, Genk ha rinunciato al suo vantaggio per 1-2 contro 10 uomini in una folle finale. Eupen guida la classifica grazie al triplo indice accanto ad Anversa. L’allenatore del Genk John van den Broom è rimasto deluso: “Mi vergogno di questo risultato, è davvero inaccettabile”.

Yubin – Racing Genk in poche parole:

  • momento chiave: Nonostante la maggioranza numerica, il Genk ha comunque ceduto i tre punti nella fase finale. Il pareggio di Privlejak manda nel panico gli ospiti, dopo che il tiro in profondità di Hyeres ai tempi supplementari li ha storditi.
  • uomo partita: Senza il mio obiettivo di Privlejack, non ci sarebbe stata una vittoria entusiasmante, ma è stato Jonathan Heres a interessarsi davvero al momento della serata. Con il suo tiro aereo al 93′ i tifosi della squadra di casa sono rimasti entusiasti.
  • Speciale: Dopo 3 sconfitte consecutive in campionato contro il Genk, l’Eupen può finalmente riprendere il pieno bottino contro il Limburgo. La vittoria precedente risale a quasi due anni fa. Amat, che ha preso il cartellino rosso stasera, ha segnato il 2-0.

Guarda i gol di Eupen – Genk (3-2)

Priviljak cancella rapidamente il gol del vantaggio di Thorstvedt

Il Genk voleva espellere al più presto la delusione europea contro la Dinamo Zagabria. A sorpresa, Van den Broom non ha contato su Onwacho per questo, il cecchino nigeriano è partito dalla panchina in favore di Ogbo.

La perdita di punti del Club Brugge ha permesso a Eupen e Genk di balzare al primo posto. Questa possibilità sembra ispirare in particolare Eupen. Vandevoordt aveva bisogno di una grande reazione dopo pochi minuti per evitare che Nuhu venisse colpito in anticipo Catturare.

Prima dello scadere dei primi dieci minuti, anche Amat ha avuto un’ottima occasione per calciare una punizione da Peters, ma da distanza ravvicinata ha sbagliato completamente il tiro. Poi Thorstvedt ha fatto molto meglio dall’altra parte un po’ più tardi. Dopo un attacco gentile, il norvegese ha subito portato in vantaggio gli ospiti.

Una doccia fredda per Eupen, il cui avvio forte non l’ha premiata. La parte ospitante non ha dovuto soffrire a lungo. Dopo la mano sfortunata di Munoz, la palla è finita in area di rigore e appena 5 minuti dopo il gol del vantaggio, Privleak ha pareggiato nuovamente i segnali.

In una partita aperta, entrambe le squadre hanno tenuto le loro possibilità, anche se il Genk non è riuscito a mettere alla prova Himmelmann. Vandevoordt aveva più lavoro da fare. Poco prima dell’intervallo aveva ancora ragione per il botto di Peters.

Amat perde una buona occasione perché è troppo sorpreso

Le mani del Genk vincono la partita

Il Genk è partito bene nel secondo tempo. Eto’o riesce a centrare la palla ea segnare con un calcio, ma il suo tiro colpisce il palo. Infine, un ogbo può anche essere messo in posizione e allontanato.

Eupen non ha perso la pressione e all’ora Amat ha dovuto tirare il freno di emergenza. Non aveva occhio per la palla e aveva lo sterno di Thorstvedt rotto. Il verdetto fu spietato: Eupen doveva ancora andare avanti per più di mezz’ora con un uomo in meno.

Il traffico a senso unico che si stava già formando prima che l’esclusione diventasse più certa. Con un tiro a giro, Thorstvedt si è avvicinato molto
1-2, ma non contava su una buona parata di Heimmelmann.

Si è rivelato essere solo un ritardo, perché a 20 minuti dalla fine, Ogbo è riuscito improvvisamente a colpire duramente l’area di rigore. Himmelmann è rimasto con la palla per un po’, ma non è bastato a parare il colpo.

Eupen sembrava un uccello gatto, Genk aveva tutto sotto controllo. Ecco come sembrava, ma in una folle fase finale i visitatori hanno rinunciato. Dopo un duro confronto, Beck è stato in grado di inviare Privlyak e portare Eupen al fianco di Eupen ancora una volta per un giro.

Balle per Genk ed è solo peggiorato. Nell’ultimo minuto dei tempi supplementari Peters è stato autorizzato a prendere un corner e con un tiro superbo, Heris Open ha già preso la vittoria. Non solo, Eupen è in testa anche al fianco di Anversa grazie al Triple Pointer

L’allenatore di Yubin spreca la canzone del club con i fan dopo aver battuto il Genk

Van den Broom: “Mi vergogno di questo risultato”

Non è un buon modo per iniziare la sosta per le nazionali per John van den Brum. Era anche un mistero per l’allenatore come il Genk fosse rimasto a mani vuote alla fine. “Continuo a non capire. Stavamo vincendo con un altro giocatore e abbiamo controllato la partita, ma l’abbiamo resa emozionante negli ultimi minuti con 2-2. Alla fine perdiamo, è davvero inaccettabile”.

“Stiamo facendo accordi reciproci su cosa fare contro 10 ragazzi. Ma se continuiamo ad andare avanti e non indietro sarete comunque nei guai. Questa è la seconda volta che ci succede, perché ci abbiamo già provato sul nostro suolo contro la Federazione. Speravo che avessimo imparato la lezione. C’è, ma sarebbe una lezione dura. “

“Mi vergogno di questo risultato. Anche per i nostri tifosi che si prendono la briga di stare qui in campo fino alle 23 di domenica sera e che poi se li portano a casa dopo la sconfitta. Non possiamo proprio farlo, non imparando dalle situazioni ci siamo già passati”.

Sapevamo cosa c’era in gioco. Volevamo davvero vincere qui per prendere il primo posto. Volevamo anche una risposta dopo giovedì scorso. L’interruzione internazionale è scomoda per noi ora, la sconfitta indugia più a lungo. Avremmo potuto essere davanti e consegnarlo. Conosciamo le nostre ambizioni, ma c’è ancora un’enorme differenza tra esprimerle e realizzarle davvero”.

Kramer: “Questa squadra non si arrende mai”

  • Stefan Kramer (allenatore Yobin): “Abbiamo giocato un ottimo primo tempo e ne sono stato molto contento. Dopo la pausa è andato un po’ più liscio nei primi 15-20 minuti, il Genk è stato chiaramente meglio. Dopo il cartellino rosso e il gol sapevamo che sarebbe andato a segno”. essere difficile. L’obiettivo era chiaro: volevamo difendere e poi rischiare. Di più negli ultimi minuti. A volte ci vuole un po’ di fortuna e oggi ce l’abbiamo fatta. Ma la mentalità di questa squadra è grande. Siamo anche al fisicamente al massimo. Ci abbiamo lavorato duramente durante l’estate. All’epoca i giocatori non erano contenti, ma ora stiamo raccogliendo i frutti. Inoltre, anche la fede è grande, questa squadra non si arrende mai. È un bene che ora siamo leader, ma per me è più importante che ci atteniamo al nostro processo e che i nostri giovani giocatori continuino a crescere”.
  • Steve Peters (Eupin): “È incredibile che ora siamo primi, soprattutto dopo 10 partite. È fantastico come è andata oggi, con 10 uomini. Non si vede. Il primo tempo è stato pari, nel secondo siamo stati un po’ più bassi. Con un uomo in meno , volevamo tenere 1-2 e poi rischiare un po’ di più dopo l’80’. Ci vuole un po’ di fortuna ovviamente, ma abbiamo ancora tante occasioni alla fine. Non è una vittoria rubata. Con la nostra mentalità possiamo rendere difficile per tutti nel nostro campo.” .
  1. Il secondo tempo, il minuto 95. La fine. Dopo una folle fase finale, Eupen si mette a dura prova contro Genk. Con un uomo in meno, trasforma uno svantaggio per 1-2 in una vittoria per 3-2. Eupen prenderà il comando al fianco di Anversa. .
  2. Il secondo tempo, al 94′, la partita è finita
  3. Il secondo tempo, minuto 93. Ecco la vittoria di Open! non credere! Eupen completa la trasformazione. Heres tira alla grande dopo un calcio d’angolo di Peters e batte Vandvoordt. .
  4. Un gol nella ripresa, al 93′, di Jonathan Heres, giocatore dell’Eupen Cup. 3, 2.
  5. Il secondo tempo, minuto 93. Il Genk è ancora sopravvissuto alla sconfitta! Peters passa la palla a Privlejack, che spara la palla attraverso il Preciado appena oltre l’incrocio. Jenk striscia attraverso la cruna dell’ago. .
  6. Secondo tempo, minuto 91. Peters butta via. La trasformazione era quasi completa. Peters ha già un’altra possibilità negli straordinari, ma sbaglia il tiro. .
  7. Secondo tempo, 90′, Heinen di testa! Jenk ha un’altra grande occasione per prendere di nuovo il comando. Heynen potrebbe incanalare un cross di Ito, ma non riesce a tenere la testa bassa. Jenk ora sta facendo del suo meglio. .
  8. Secondo tempo, 87′.
  9. Secondo tempo, minuto 86. Il Genk si allontana dal vantaggio! È improbabile che Eupen si scontri effettivamente contro il bancone nella fase finale. Dopo uno scatto di Nuhu, Beck ha passato la palla a Prevljak e ha tirato a sua volta. Jenk lo consegna qui. .
  10. Un gol nella ripresa, all’86’, di Ismael Privlijak di Kas Eupin. 2, 2.
  11. Secondo tempo, minuto 84. Risponde Eubin. Eupen può ancora essere pericoloso. Nuhu è stato licenziato improvvisamente a sedici anni e ha il tempo e lo spazio per andare avanti. Ma non lo fa bene, Privlejack non è accessibile e Questa può ripulire. .
  12. Secondo tempo, minuto 83. Sostituzione in KAS Eupen, Jerome Deom in, Jens Cools
  13. Il secondo tempo, minuto 83. Sostituzione in Coppa Yobin, dentro Siberi Keita, esce Konan Ndry
  14. Secondo tempo, minuto 83. N’Dri e Cools vengono portati a lato all’Eupen. Keita e Déom possono completare la fase finale con la squadra di casa. .
  15. Secondo tempo, minuto 78. Eupen non ci riesce più in contropiede. Jenk controlla tutto, anche se il margine è ancora molto stretto. Ci sarà un altro attacco finale da parte dei visitatori? O Eupen ha ancora qualcosa in serbo? .
  16. Secondo tempo, minuto 72. Missione compiuta per Ogbo. Van den Brom fa una tripla sostituzione. Il marcatore Ogbo è stato immediatamente eliminato per Onwacho. Tra le righe anche Preciado e Bongonda, che sostituiscono Munoz e Mike Trésor. .
  17. Secondo tempo, minuto 72. Sostituzione nel KRC Genk, entra Angelo Preciado e fuori Daniel Munoz
  18. Secondo tempo, minuto 72. Sostituzione nel KRC Genk, entra Theo Bongonda, esce Mike Tresor
  19. Secondo tempo, 72° minuto.
  20. Secondo tempo, min 72. Sostituzione in KRC Genk, Paul Onuachu dentro e Ike Ugbo
READ  Campione del mondo! Matthias Kass vince l'oro ai Mondiali di Judo di Budapest: “Oggi avrei potuto batterli tutti” | Notizie su Instagram VTM