QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ragazza di 15 anni violentata dal capo della polizia: in protesta uccide 63 persone nella città iraniana | All’estero

Il bilancio delle vittime dopo le proteste scoppiate la scorsa settimana nella città di Zahedan, nella provincia sudorientale del Sistan e del Baluchistan, è salito a 63, secondo l’ONG iraniana per i diritti umani. La tensione è aumentata dopo che il capo della polizia ha violentato una ragazza di 15 anni.

“Gli omicidi a Zahedan sono crimini contro l’umanità”, ha affermato la Ong in una nota. In un bilancio precedente, Iran for Human Rights ha riportato 41 morti nella regione di Zahedan e 92 in tutto il paese dal 16 settembre.

Il Sistan e il Baluchistan, al confine con il Pakistan, ospita la minoranza baluch. La maggior parte dei membri aderisce all’Islam sunnita.

Iraniani arrabbiati lanciano pietre contro una stazione di polizia a Zahedan. © AFP

Dopo la preghiera del venerdì, i manifestanti si sono radunati a Zahedan per protestare contro lo stupro di una ragazza di 15 anni da parte del capo della polizia. La manifestazione è stata brutalmente repressa dai servizi di sicurezza.

Le proteste contro lo stupro della ragazza sono arrivate a margine delle manifestazioni, dopo la morte della donna di 22 anni, Muhassa Amini. Stanno andando avanti da diverse settimane.



READ  Mascherine per la bocca e test corona obbligatori per i funzionari statunitensi non vaccinati al di fuori del paese