QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

recensione | Digimon sopravvivere – PlaySense

recensione | Sopravvivenza ai Digimon – Dopo anni di attesa e incertezza tra i fan, è finalmente giunto il momento: Digimon Survive è effettivamente disponibile e giocabile. Questo non è certamente troppo ovvio con lunghi silenzi, ritardi ripetuti e persino un cambio di sviluppatore che ha avuto modo di conoscere il gioco. Tuttavia, i mostri digitali sono riusciti a sopravvivere alla turbolenta evoluzione. Come un romanzo visivo oscuro con elementi di gioco di ruolo tattici, Digimon Survive si trova in acque in cui Digimon non è mai esistito prima. Digimon Survive sarà in grado di contribuire al lento revival di cui la serie Digimon ha goduto negli ultimi anni, o i fan rimarranno delusi dopo anni di attesa?

Perso in un altro mondo

Digimon Survive segue la storia di otto adolescenti con protagonista il quattordicenne Takuma Momozuka. A causa di una combinazione di circostanze, il gruppo di adolescenti finisce in un altro mondo in cui vive Kemonogami. I Kemonogami, o Digimon, sono creature venerate come divinità nel folklore locale da secoli, e il gruppo di eroi trova un legame con il loro partner Digimon, che incontrano poco dopo il loro arrivo nel mondo. Insieme dovranno sopravvivere mentre cercano di tornare nel loro mondo.

Finora Survive è ciò che ti aspetteresti da un gioco Digimon, ma è qui che si fermano le somiglianze con le precedenti modalità Digimon. I Digimon sono sempre stati più maturi dei Pokémon, ad esempio, ma Survive sta portando questo al livello successivo. Sebbene il gioco porti il ​​nome Digimon, l’attenzione si concentra principalmente sulle persone e sui problemi con cui tutti potremmo avere familiarità. Il gioco introduce temi oscuri con sfondi di personaggi realistici, intensi e talvolta scioccanti. Gli abusi fisici e verbali e le morti orribili non fanno eccezione in Digimon Survive. Mentre inizia lentamente, accelera più tardi e Digimon Survive riesce a coinvolgerti costantemente nella sua atmosfera oscura, con enigmi intriganti e scoperte di accompagnamento. Anche la posta in gioco è alta, perché la scelta sbagliata può portare alla morte, che il gioco è all’altezza del suo titolo.

Quello che semini raccoglierai

Digimon Survive ha una serie di importanti sistemi che determinano il corso della tua storia. Come vedi spesso nei giochi di storia, Survive offre al giocatore un grado di personalizzazione e controllo attraverso le opzioni di dialogo. Ci sono tre diversi tipi di interazioni conversazionali in Survive: interazioni che influenzano il tuo karma, interazioni che influenzano la tua affinità con altri personaggi e interazioni che spingono ulteriormente la trama. Ci sono tre direzioni che il karma può prendere: morale, arrabbiato e sintonizzato. Il gioco ha tre finali, uno per ogni direzione del karma in cui potresti finire. Inoltre, c’è anche un bonus per i giocatori che giocano di nuovo, che possono seguire il percorso del “True End” in NewGame+. Il tuo karma influenza anche il Digimon che il tuo partner, Agumon, ha formato in determinati momenti della storia.

READ  Samsung ha venduto 5,6 volte più smartphone pieghevoli nei Paesi Bassi l'anno scorso - tablet e telefoni - notizie

La vostra affinità con gli altri personaggi ha il minimo effetto sulla storia, fatta eccezione per alcuni momenti che non spiegheremo agli spoiler. Questo non significa che aumentare la tua vicinanza con altri personaggi sia inutile. Aumentando la tua affinità, puoi sbloccare soluzioni digitali Digimon partner dai tuoi compagni dopo un certo punto e otterrai diverse interazioni di supporto durante il combattimento. Quindi puoi pensare, ad esempio, alla guarigione o al danno aggiuntivo. Tuttavia, è un peccato che la vicinanza non influisca necessariamente sul rapporto tra il personaggio principale e gli altri personaggi. Dà l’idea che il sistema sia stato aggiunto come ripensamento, offrendo molto potenziale.

Esplorazione e scelte

Il gioco ha tre diverse fasi di gioco, che ritornano ogni volta: azione, esplorazione e storia libera. La fase della storia è composta da segmenti che seguono un percorso lineare con un numero ridotto di interazioni opzionali. La fase di esplorazione è costituita da parti che devi esplorare per fare progressi nella trama. Ciò potrebbe significare parlare con determinate persone, trovare determinate cose su una mappa o semplicemente andare in un determinato luogo. Puoi facilmente vedere i luoghi in cui puoi trovare determinati personaggi e puoi anche dire il luogo in cui la storia continuerà. Quindi non devi preoccuparti di continuare accidentalmente la storia mentre vuoi fare qualcos’altro. La fase finale è la fase “Freelance”, in cui puoi dare la tua interpretazione di ciò che stai facendo. Tuttavia, questo è limitato al numero massimo di azioni che puoi intraprendere. Quindi non sarai in grado di impegnarti in tutte le possibili interazioni con i personaggi.

Durante queste tre fasi, a volte potresti essere costretto a combattere, ma se sei interessato al gameplay tattico del gioco, dobbiamo deluderti. Le battaglie che emergono dalla storia sono relativamente rare. Nelle prime 3 o 4 ore di gioco, potresti aver avuto 5 combattimenti. Naturalmente, questo numero aumenta leggermente man mano che avanzi, ma non è il fulcro del gioco. Se vuoi rafforzare il tuo Digimon o reclutare nuovi Digimon, puoi farlo durante le fasi di libera circolazione ed esplorazione. Durante queste fasi, puoi fare un numero infinito di “battaglie gratuite”, che bilanciano in qualche modo il basso numero di battaglie nella storia. L’unico inconveniente delle battaglie gratuite è che rischi rapidamente di salire di livello troppo in alto per le battaglie della storia, il che riduce la sfida.

READ  Google chiude la sua applicazione del negozio per dispositivi mobili

Tatto?

Il che ci porta al gameplay del combattimento e, sfortunatamente, la piccola quantità di parti di battaglia nella storia riflette anche lo sforzo che va nel sistema di combattimento. Il sistema a turni funziona ed è ben fatto, quindi puoi decidere tu stesso in tradizionale stile Digimon quando hai creato il tuo Digimon partner durante le battaglie. Tuttavia, il sistema manca di profondità e di qualsiasi idea della difficoltà. I tipi di Digimon presentano il concetto di sasso, carta e forbici con Virus -> Dati -> Triangolo del polline e punti deboli di base che puoi sfruttare. A seconda della tua posizione, infliggi più danni, quindi se attacchi un nemico di lato, dietro o se ti trovi a un’altitudine più elevata. Tuttavia, è qui che finisce la profondità ed è un peccato, ma è comprensibile con il ruolo limitato che gioca il gioco di combattimento. Nuovi Digimon vengono reclutati anche durante il combattimento, dove hai la possibilità di iniziare una conversazione. Dopo tre domande, hai una percentuale di possibilità che 117 Digimon di interesse nel gioco si uniscano alla tua squadra.

qualità incoerente

Digimon Survive è e rimane un romanzo visivo. Grazie al prezzo del gioco, che è anche ben al di sopra della media delle visual novel, puoi aspettarti qualcosa da esso. In generale, la qualità della grafica e della traduzione del gioco è buona, ma ci sono ancora molte cose che potrebbero essere migliorate. Ad esempio, i movimenti della bocca dei personaggi non sono vari e spesso hai un’animazione costantemente ticchettio di una bocca che si apre e si chiude mentre parli. Inoltre, è stato possibile fornire ai personaggi diverse espressioni facciali. Ci sono anche molti miglioramenti da apportare in termini di localizzazione, ci sono ancora testi nel gioco come: “L’immagine e il testo del personaggio non appaiono qui”, i nomi dei Digimon vengono scambiati e le persone vengono citate in modo incoerente. Un minuto la persona è “lei”, poi “lui”. Molto confuso quando di solito puoi fare affidamento solo su ciò a cui si riferisce il testo. Trascurante per un romanzo visivo, ti aspetteresti che sia meglio prestare attenzione a questo.

READ  Intel: le prime schede desktop Arc Alchemist in arrivo quest'estate

La risoluzione di Digimon Survive non è male, con 1080p quando lo switch è agganciato e 720p quando si gioca a mano. Il frame rate è generalmente stabile a 30fps, ma delude comunque durante le clip di combattimento. Il processo di docking farà quindi fluttuare la frequenza dei fotogrammi di circa 20 fotogrammi al secondo, con fluttuazioni regolari verso l’alto o verso il basso quando si eseguono determinate azioni, come l’attacco con effetti sonori estesi. In modalità manuale, il gioco sembra andare un po’ meglio, ma il frame rate non è ancora sempre stabile. In generale, il suono del gioco è di alta qualità, con l’enfasi principale sulla colonna sonora. Le tracce musicali riescono ad ambientare magnificamente la scena, con l’unica critica che avrebbero potuto essere usati più pezzi. Infine, ci sono un certo numero di momenti in cui i caratteri registrati sembrano di qualità leggermente inferiore, ma fortunatamente questo è strano.

Giocato su: Nintendo Switch.
Disponibile anche presso: PlayStation 4, Xbox One, PC.

conclusione

Digimon Survive è un gioco che i fan aspettavano da molto tempo. Con una lenta introduzione, il gioco getta le basi per una storia che catturerà la tua attenzione, con molte sorprese lungo il percorso. Il gameplay è buono su tutta la linea, ma il sistema di combattimento ha un po’ di profondità, il che lo fa sembrare un po’ una delusione. Inoltre, il frame rate è instabile e non ha un bell’aspetto. D’altra parte, c’è una bella presentazione grafica e una bella colonna sonora, che rendono Digimon Survive un pacchetto di gioco completo che può attrarre sia i nuovi arrivati ​​che i veterani. Ciò è dovuto principalmente alla storia forte e oscura che il gioco ti offre. Nota, tuttavia, che Digimon Survive è principalmente un gioco progettato per i fan di Digimon e/o per i fan dei romanzi visivi.

Positivi

  • Storia interessante e accattivante
  • bei dipinti
  • Molti Digimon diversi
  • Ottima colonna sonora
  • Alta rigiocabilità

negativi

  • sistema di combattimento di superficie
  • semplice animazione del viso
  • Frequenza fotogrammi instabile
  • localizzazione sciatta