QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Recensione PlayStation VR2 – Tweaker

Recensione PlayStation VR2 – Tweaker

PlayStation VR

PlayStation VR2 è un visore accessibile e di alta qualità. Il collegamento e la configurazione sono un gioco da ragazzi e l’auricolare è eccellente da regolare. Grazie a due schermi OLED, che offrono una risoluzione di 2000 x 2040 pixel per ciascun occhio, tutto appare bello e nitido, fino a quattro volte più nitido rispetto al PS VR originale. Con un rombo nelle cuffie, il tracciamento degli occhi e un campo visivo di 110 gradi, gli occhiali hanno alcune funzionalità che non apparirebbero fuori posto in una suite VR per PC di fascia alta. Sony ha anche eliminato l’effetto zanzariera e i raggi divini che erano ancora un problema per la prima versione. Tuttavia, l’effetto di mura ritorna di nuovo, il che per alcuni limita notevolmente il divertimento. Questi occhiali possono anche essere vissuti come più stressanti rispetto ad altri occhiali per realtà virtuale, sebbene ciò sia in definitiva soggettivo. I contenuti disponibili ora sono buoni e con Horizon: Call of the Mountain e Gran Turismo 7 offre due fantastiche esperienze VR. Tuttavia, diventerà importante quanto contenuto di alta qualità verrà aggiunto nei prossimi mesi e anni, poiché questo generalmente rappresenta una sfida maggiore per i giochi VR rispetto alla disponibilità di un ottimo hardware.

È più piccolo di quanto pensassi. Di tutte le cose che già sapevo di Aloy, tutte le cose che avevo vissuto negli ultimi anni nel meraviglioso mondo di Horizon, questa era qualcosa che potevo sperimentare solo in VR: difendermi, trovarmi faccia a faccia con il eroina di Horizon: Zero Dawn e Horizon: Forbidden West e concludere che questa donna di statura enorme è in realtà piuttosto minuta. No, ovviamente la mia altezza non è necessariamente visualizzata correttamente nel gioco e quindi non è possibile determinare l’altezza relativa di Aloy, ma dice tutto sull’esperienza. Con PlayStation VR2, vedi letteralmente il mondo di Horizon in un modo diverso.

READ  Trattengo sempre il respiro quando gli orizzonti si aprono

PlayStation VR2 è ovviamente il successore di PlayStation VR, il dispositivo di realtà virtuale che ha debuttato su PlayStation 4 alla fine del 2016. Ecco una porta aperta: il nuovo è meglio. Molto logico. Sony ha impiegato più di sei anni a migliorare la prima versione in tutti i modi e può contare anche sull’hardware di PlayStation 5, che è ovviamente superiore al suo predecessore. Faremo confronti tra i due occhiali, ma è interessante vedere come il PS VR2 si confronta con il livello attuale nel più ampio mercato VR. Certo non possiamo davvero fare questo paragone, se non altro perché non abbiamo o non abbiamo potuto provare tutti gli occhiali, ma almeno possiamo dare un’idea di come si comporta nel complesso PS VR2.

I miglioramenti di PS VR2 rispetto all’originale iniziano subito. Questa si è rivelata non solo confezione, ma anche un utile contenitore per cuffie e controller: rimetterle a posto e portarle con sé è semplicissimo. Forse non il più importante, ma utile. Quello che ottieni dalla confezione è limitato alle cuffie con un lungo cavo USB-C, i controller e un cavo USB-C per collegare i controller. Non ci sono pazzi cavi o scatole extra da mettere tra la console e il visore: uno dei maggiori inconvenienti del primo PS VR. Questa nuova versione richiede solo un cavo per essere collegata alla PlayStation 5. Il cavo è ovviamente più che nessun cavo, ma il cavo difficilmente si intromette durante il gioco. La lunghezza è sufficiente per muoversi liberamente, ma non la libertà che hai con Meta Quest 2, per esempio. Riuscivo a malapena a preoccuparmi del filo, ma Woot si sentiva vincolato da esso e in Horizon aveva voglia di girare meno velocemente e usare di più la levetta, perché si sentiva attaccato a un cavo.

READ  I render mostrano Google Pixel Watch 3 XL con un display più grande da 1,45 pollici - Tablet e Telefoni - Notizie

Eccellente per la modifica

Collegare PS VR2 è un gioco da ragazzi. Colleghi i controller Sense inclusi con un cavo USB-C e l’auricolare funziona non appena lo accendi e spegni. È molto semplice. L’auricolare viene fornito con un cinturino che puoi facilmente rimuovere e tirare sopra la testa. Quindi stringi la cinghia con un disco e puoi cambiare la posizione degli occhiali premendo un pulsante e spingendo gli occhiali verso i tuoi occhi. Quindi puoi usare un altro quadrante per regolare la posizione delle lenti in base alla posizione delle tue pupille. Grazie alla montatura in gomma attorno agli occhiali, è del tutto possibile trovare una posizione comoda che funzioni bene, poiché quasi nessuna luce esterna raggiunge i tuoi occhi. Ciò che si nota con il sistema PS VR2 è che le cuffie possono sembrare un po’ anguste. Abbiamo ottenuto la migliore qualità dell’immagine tendendo correttamente la cinghia, che esercita troppa pressione sulla testa e lascia una bella impronta sulla fronte.

Una domanda di follow-up su questo punto, che abbiamo visto molto anche nei commenti all’interno dell’anteprima del CES, è: come va per chi indossa gli occhiali? Se la migliore qualità dell’immagine si ottiene con una vestibilità aderente, puoi farlo con gli occhiali? Risposta: È certamente possibile, ma perderai in termini di perdita di luce. L’auricolare deve essere posizionato leggermente lontano dalla testa. La buona notizia è che questo può essere un ottimo risultato per chi indossa gli occhiali, ma la gomma sigillerà un po’ meno saldamente che se si potesse adattare perfettamente il PS VR2 alla testa senza indossare gli occhiali da soli.

READ  \"Un'app pericolosa viene creata per il telefono Android ogni 8 secondi\"