QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Recensione | Roccat Vulcan 2 Max

Recensione | Roccat Vulcano II Max – Roccat è particolarmente eccentrico quando si tratta dei suoi design. Molti dei prodotti che abbiamo potuto recensire utilizzano principalmente l’illuminazione a LED in modo piuttosto accattivante. Che si tratti di un mouse da gioco o di un auricolare, è a dir poco distintivo e colorato. Ora abbiamo l’opportunità di dare un’occhiata più da vicino alla nuova tastiera Vulcan. Il Vulcan II Max (mini è la versione TKL) è qualsiasi e fa un ottimo uso dell’illuminazione a LED, che può abbagliarti… o addirittura farti indossare occhiali da sole.

Molto accattivante

Ciò che ha reso la prima linea di tastiere Vulcan così speciale sono stati gli interruttori. Ogni chiave ha una base illuminata con il cappuccio sulla parte superiore, che la rende unica e, soprattutto, una bella presentazione. Con il nuovo Vulcan (463 mm x 236 mm x 33,5 mm) questo principio è stato mantenuto con un ulteriore vantaggio. Un secondo LED è integrato nel nucleo della parte illuminata dell’interruttore, offrendo un doppio effetto. È molto particolare da vedere, anche se ora è inclinato verso uno stravagante albero di Natale. Il poggiapolsi incluso è la ciliegina sulla torta a questo proposito. Questo semplicemente non può essere visto.

Il pezzo di plastica bianca trasparente è una descrizione migliore e non sembra un vero poggiapolsi perché è così piatto. Lo fai scorrere nella parte inferiore della tastiera, che viene quindi completamente illuminata. È estremo e non necessariamente carino. Siamo un po’ sorpresi che Roccat abbia raggiunto questo obiettivo, perché è piuttosto intenso quando i colori dell’arcobaleno si accendono sulla tua scrivania. Essenzialmente ciò che sta accadendo qui è che il poggiapolsi non si allinea affatto con il layout della tastiera, perché contrasta così male. Da un lato, la tastiera stessa è piuttosto imponente a causa dei tasti speciali, ma il poggiapolsi la rende un’unità incoerente dall’altro. In altre parole, avrebbe potuto essere migliore in termini di design.

READ  Questi sono i giochi PlayStation 4 e PlayStation 5 più hot dell'autunno (2021)

Specifiche tecniche

All’interno del Vulcan II Max sono presenti gli interruttori Titan II Linear Optical Red. In altre parole, non è l’ultimo tipo di test che può essere molto utile, soprattutto ai fini agonistici. La distanza totale della corsa è di 3,6 mm, con un punto di attivazione di 1,4 mm. La pressione è di 45 g, che in pratica significa che la digitazione può essere abbastanza veloce, ma infiliamo un po’ le dita nella tastiera in termini di sensibilità. Soprattutto con i tasti un po’ più grandi (Shift, Control, ecc.), l’inclinazione dei tasti sembra un po’ innaturale. Una chiave è concava, l’altra è convessa (fila inferiore di chiavi); Sembra un po ‘diverso e ci vuole un po’ per abituarsi.

Altre specifiche hanno più a che fare con il lato software. Ad esempio, la tastiera ha una frequenza di polling di 1000 Hz. Inoltre, puoi salvare fino a 5 profili e passare da uno all’altro a piacimento, anche se devi impostare tutto in anticipo tramite il software Roccat Swarm. Inoltre, non siamo i più grandi fan di questo programma, poiché può essere eseguito molto lentamente e ha un’interfaccia utente disordinata. Tuttavia, hai la possibilità di impostare praticamente tutto, il che è carino. Siamo solo delusi dal modo un po’ rigido e limitato in cui sono impostati i colori dei LED. L’opzione AIMO (Roccat Color Display) è ovviamente qualcosa da leccarsi le dita per l’utente medio, ma a parte questo non c’è molto da modificare in quest’area. Altre opzioni per la regolazione dell’illuminazione a LED possono essere definite abbastanza standard e non molto speciali.

Qualità molto discutibile

Con una tastiera Roccat, hai la possibilità di utilizzare diverse opzioni tramite la funzione SMART KEY, che ti consente di utilizzare più funzioni con un solo pulsante. Questo è tutto Sharp su questo modello e funziona molto bene. Tuttavia, sono gli aspetti hardware del Vulcan II Max che non sono all’altezza. È necessario collegare la tastiera a un computer utilizzando un doppio cavo USB-A per ottenere le migliori prestazioni, sebbene non sia presente alcuna porta USB-A aggiuntiva sulla tastiera stessa per collegare componenti aggiuntivi. Quando alcuni pulsanti di scelta rapida (come l’apertura diretta di Swarm) non funzionano sempre in modo reattivo, ci chiediamo se il prezzo di € 229,99 sia giustificato.

READ  Non è necessario attivare questa nuova funzionalità in iOS 16.2 (Aggiornamento)

Sentiamo anche scricchiolii e scricchiolii durante la digitazione e l’ulteriore utilizzo della tastiera. Nonostante il robusto corpo in alluminio della tastiera, non abbiamo proprio l’idea che stiamo andando con qualcosa di così alta qualità. Sembra che abbiamo un risciò che potrebbe usare del petrolio. Sono quelle piccole cose che non sono consentite quando devi pagare un sacco di soldi per questo. Certamente se confrontiamo alcune altre tastiere con la Vulcan II, ci sono semplicemente alternative che hanno una qualità software e hardware leggermente migliore.

conclusione

Roccat sa nascondere ingegnosamente tantissime funzioni sotto i tanti tasti della tastiera con la sua funzione SMART. È qualcosa che fanno bene e quando lo combini con uno dei design di tastiera più belli disponibili, crea una storia interessante. Con Vulcan II (Max), Roccat potrebbe aver fatto molta strada. La tastiera va bene da usare, ma il prezzo ci ha fatto grattare la testa per tutti i difetti che avevamo. A € 229,99 mancano alcuni interessanti extra hardware. Il poggiapolsi trasforma la tua scrivania in un’esperienza Cyberpunk 2077 e il software non è ancora ottimizzato. Di per sé, la Vulcan II Max è un’ottima tastiera per il gioco (e la digitazione), ma poiché sul mercato esistono alternative (più economiche) che sono meglio sviluppate in termini di funzionalità, attendere uno sconto non è del tutto imprudente.

Positivi

  • Buono da usare
  • Scrivere/suonare bene
  • Molte opzioni di configurazione

Negativi

  • Costoso per quello che è
  • Il poggiapolsi non è per tutti
  • I programmi non sono sempre reattivi