QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Recensione | Ultra Firewall: PlaySense

Recensione | Ultrafirewall (PS VR2) – Sì, anche noi di PlaySense aspettavamo con impazienza il lancio del titolo PlayStation VR2. Che gioia è stata quando abbiamo ricevuto il codice da Firewall Ultra. Un seguito di Firewall: Zero Hour, che ha funzionato molto bene con i precedenti visori VR di Sony. Siamo lieti di essere riusciti a rivoluzionare nuovamente il visore VR, perché è davvero un pezzo di tecnologia straordinario. Tracciamento oculare, feedback tattile e un’ottima coppia di controller. Grida di essere usato, ma ne esce ben poco. Ora ecco Firewall Ultra, ma è un peccato che il gioco sia così sottosviluppato.

Menù, pronto?

Comincia subito ad andare male. Navigare nel semplice menu è un compito enorme in questo gioco. Non c’è tracciamento oculare in questo gioco, quindi una delle funzionalità più innovative di PlayStation VR2 viene buttata via subito. Non è inoltre possibile la navigazione tramite cursore o qualcosa di simile. Come veri e propri idioti, ci siamo mossi in tutte le direzioni per forzare qualche forma di risposta, anche nel menu principale. Non ci siamo mai sentiti così stupidi con un gioco di realtà virtuale come adesso. Si scopre che devi puntare la fronte verso le diverse opzioni del menu, mentre qui è difficile trovare una parvenza di precisione.

Beh, non eravamo ancora in partita ed eravamo già stanchi per tutte le buffonate che dovevamo fare. Ma ora passiamo al gioco, cos’è Firewall Ultra? Un gioco sparatutto PvP a cui giochi in squadra. Gioco VR2 in linea. Per imparare i trucchi del mestiere inizierai inizialmente con un tutorial (fit and start), che di fatto è un livello formativo. Questo è un modo per spiegare il gameplay, ma non possiamo prenderlo troppo sul serio. Tutte le fantastiche funzionalità di PlayStation VR2 non sono incluse nel gioco. Tutto procede in modo molto goffo, il che ci ha dato pochi incentivi per continuare a giocare.

READ  La settimana della moda maschile e dell'alta moda di Parigi è stata annullata

Cosa sta succedendo?

Puoi raccogliere oggetti stando vicino a qualcosa e tenendo premuto L1. Questo è dolorosamente lento e non sempre funziona bene. Puoi cambiare arma facendo apparire la ruota delle armi (tieni premuto il cerchio) e scegliendo ciò che ti serve. In effetti, la selezione di qualcosa non funziona in modo ottimale, così come la navigazione nei menu del gioco. Fortunatamente, premendo Cerchio è facile passare da un arsenale all’altro, eliminando parte della frustrazione. Sparare si spiega da sé: metti la mano sinistra sull’arma usando il pulsante L1 e così puoi mirare con maggiore precisione. Vuoi “davvero” la pubblicità? Quindi premi L2 e premi la tua arma sul petto. Tuttavia, questo ti farà muovere dolorosamente lentamente e goffamente, perché ti farà sentire bloccato. Cosa che abbiamo subito evitato e che ci ha fatto anche sentire la mancanza del sistema di Resident Evil 8: Village, perché in quel gioco tutto funzionava insieme attraverso il completo eye tracking.

Firewall Ultra non è affatto ottimizzato per PlayStation VR2, il che rende il gioco scarno. Poiché non viene utilizzata nessuna delle funzionalità, giochi in modo normale, il che lo rende semplicemente non davvero speciale. Andare in giro, guardare e scattare sembra primitivo perché è rozzo. Hai solo due modalità nel gioco: PvP 4v4 e cooperativa a 4 persone. In PvP è importante disabilitare il laptop dell’avversario, senza ovviamente ucciderlo. Nella versione multiplayer cooperativa del gioco, devi raggiungere e difendere tre laptop mentre i soldati nemici dell’IA vogliono farti piovere proiettili. La cooperazione con altri giocatori è il punto forte di questo gioco, perché devi elaborare strategie e assumere posizioni tattiche. È un peccato che funzioni tutto così male.

READ  Chromecast con Google TV 4K a € 49,99

Inoltre, non aiuta il fatto che i soldati abbiano un’intelligenza artificiale debole: la sindrome di Ubisoft, in cui i soldati ti attaccano direttamente senza alcuna forma di tattica. Inoltre vieni abbattuto da due proiettili e non c’è alcuna opzione di respawn se sei morto. Ciò rende le sessioni di gioco a due round molto brevi. Ciò che non aiuta è che stai guardando la schermata di caricamento tra tutti i momenti. Ciò significa che passi da una schermata di caricamento all’altra più di quanto stai effettivamente giocando. Il gioco è molto hardcore, paragonabile a Rainbow Six Siege, ma a causa della scarsa esecuzione del concetto (morte rapida, giochi brevi e gameplay goffo), le modalità non funzionano bene. Ciò che non aiuta è che nel PvP 4v4 dobbiamo aspettare che la lobby sia completamente piena, perché se ci sono troppo pochi giocatori, il gioco non inizierà. Non c’è alcuna intelligenza artificiale per riempire i posti e non c’è nemmeno la possibilità di iniziare il gioco con un giocatore in meno.

Ancora un punto luminoso molto piccolo

Graficamente il gioco sembra mediocre, ma si può fare. Alcuni dettagli interessanti sono che in alcuni livelli devi occuparti dell’illuminazione. Ad esempio, su una nave portacontainer e nel livello di addestramento, vedrai dei punti scuri che potrai utilizzare strategicamente a tuo vantaggio. Incentivato anche l’uso della luce elettrica. C’è un altro livello, quello del Medio Oriente, che crea molta confusione perché ci sono così tanti punti di vista che puoi prendere come squadra, il che crea tensione. Se parliamo delle prestazioni del gioco, allora è molto bello. Pensiamo che il gioco giri a 60 fps per occhio, anche se potrebbe essere un po’ più fluido con un frame rate leggermente più alto. Tuttavia, non abbiamo riscontrato problemi come la balbuzie durante il gioco. Per quanto riguarda il suono, siamo in parte soddisfatti: puoi sentire dove sono i tuoi compagni di squadra (se giochi con le cuffie), anche se a volte i passi degli avversari vogliono saltare il mix sonoro. Infine, la colonna sonora non è proprio memorabile e le armi non suonano niente di speciale.

READ  Rumor: le APU per laptop AMD Rembrandt ottengono core Zen 3+ e GPU RDNA 2 - computer - notizie