QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricerca per ottenere farmaci con vibrazioni sonore in modo più efficace nel cervello

Venerdì 11 marzo 2022 – 14:02 Aggiornamento: 03-11-2022 14:13

vibrazioni sonore

Secondo Amsterdam UMC, utilizzando le vibrazioni sonore, potrebbe essere possibile aprire temporaneamente e in sicurezza la barriera ematoencefalica, il meccanismo protettivo naturale del cervello. Lo fanno utilizzando una tecnologia innovativa che utilizza le vibrazioni sonore. Ciò consente ai farmaci di raggiungere il cervello più facilmente. Collaborando con esperti in vari disturbi cerebrali, i ricercatori sperano di offrire trattamenti migliori al maggior numero possibile di pazienti.

Una ricerca di 4 anni finanziata dalla Dutch Brain Foundation, con un importo di 2,5 milioni di euro

La Brain Foundation finanzia la ricerca per 2,5 milioni di euro. Lo studio richiederà quasi quattro anni e sarà guidato da Danis van Voorden, oncologo pediatrico del Princess Maxima Center. Dall’UMC Amsterdam è in carica il direttore scientifico dell’Alzheimer’s Center Amsterdam Wiesje van der Flier e c’è un’ampia collaborazione con i ricercatori dei dipartimenti di radiologia e medicina nucleare.

Alzheimer

Inoltre, esiste una stretta collaborazione con UMC Utrecht e LUMC. Inizialmente, sarà studiato come funziona questo trattamento nei bambini e negli adulti con neoplasie del tronco cerebrale e nelle persone con malattia di Alzheimer. In definitiva, questa tecnica può essere efficace nel trattamento di molteplici disturbi cerebrali.

meccanismo protettivo naturale

“Uno degli ostacoli nel trattamento dei disturbi cerebrali è la barriera ematoencefalica”, afferma Van Vorden. Assicura che il cervello sia ben protetto da sostanze pericolose. Ma questo meccanismo di difesa naturale rende il cervello in gran parte indisponibile ai farmaci, rendendo inefficaci i trattamenti per molti disturbi cerebrali.

Tecnologia Fus

Esiste ora una tecnologia che consente di aprire temporaneamente la barriera ematoencefalica per consentire il passaggio dei farmaci: gli ultrasuoni focalizzati (FUS). Grazie a questa tecnologia, puoi verificare se i farmaci esistenti e quelli nuovi sono efficaci contro i disturbi cerebrali consentendo loro di penetrare meglio nel cervello. FUS è un’innovativa tecnologia guidata dalla risonanza magnetica che utilizza vibrazioni sonore ultrafini e minuscole bolle nel flusso sanguigno per aprire temporaneamente e localmente i vasi sanguigni nel cervello senza la necessità di aprire il cranio. Ciò consente ai farmaci di agire dove ne hai bisogno, nel posto giusto nel cervello. Ricerche precedenti hanno dimostrato che questa tecnica è sicura. La FUS è attualmente oggetto di studio in studi di trattamento negli Stati Uniti e in Canada, tra gli altri paesi.

READ  RTV Maastricht - MUMC+ vuole far uscire dall'isolamento un paziente COVID più velocemente

Distribuzione farmaci

Nello studio, finanziato dalla Dutch Brain Foundation, i ricercatori hanno utilizzato le scansioni PET-CT per monitorare come i farmaci si diffondono nel cervello. Per il morbo di Alzheimer, stiamo anche studiando quanta parte del farmaco arriva effettivamente al cervello. Finora sono state fatte solo stime in merito, aggiunge van der Vlaer. Questo è un metodo di ricerca unico sviluppato dal Dipartimento di Medicina Nucleare dell’UMC Amsterdam. Il tracker può misurare la quantità di farmaco che entra nel cervello; Questo ci fornisce molte informazioni preziose che possiamo utilizzare nello sviluppo di un farmaco per l’Alzheimer e altre malattie del cervello.