QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricerca sugli accordi sui prezzi per le mascherine per la bocca nei supermercati…

L’autorità belga per la concorrenza sta indagando da più di un anno sui potenziali accordi sui prezzi per le maschere per la bocca nei supermercati. Lo conferma il Revisore generale per il controllo della concorrenza.

La catena di supermercati belga Carrefour ha menzionato un’indagine sulle “comunicazioni tra vari distributori in merito alla vendita di maschere protettive al pubblico e al governo belga” nella sua relazione annuale. Non è chiaro quali altri grandi negozi stiano partecipando.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato conferma che l’istruttoria è ancora in corso. È iniziato nel giugno dello scorso anno, poco dopo che i supermercati hanno iniziato a vendere mascherine. “Poi abbiamo visto cose che ci sembravano un po’ strane”, sembrava.

A spiccare sono stati i prezzi delle mascherine. Si sospettava che fosse stata presa una decisione congiunta per “fissare il prezzo a un certo livello”. La legge vieta di fissare i prezzi tra concorrenti.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha posto quesiti alle società interessate. I sospetti erano alla fine abbastanza forti da aprire un’indagine formale. Questo potrebbe richiedere qualche mese in più.

La catena di supermercati Delhaize ha risposto che l’anno scorso ha anche ricevuto domande dall’autorità garante della concorrenza su potenziali accordi sui prezzi. “Abbiamo collaborato con l’indagine e non abbiamo sentito nulla per un anno”, ha detto il portavoce Roel Declver. “Abbiamo prezzi indipendenti per ogni prodotto, non solo per le maschere per la bocca”.

READ  Riepilogo della discussione su Bitcoin con Musk e Dorsey Wood