QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricercatori di Anversa vicini alla medicina contro…

© An Nelissen

Gli scienziati dell’Università di Anversa hanno sviluppato un potenziale farmaco contro l’epatite. Il farmaco, che sta entrando nella sua fase finale, sarà il primo farmaco per una grave condizione che colpisce 1 persona su 40 in tutto il mondo.

Fonte: belga

Quando le persone pensano alle malattie del fegato, la prima cosa che viene in mente sono gli effetti del consumo di alcol, ma l’infezione del fegato è comune anche nelle persone con obesità o diabete. Circa il 2,5 per cento della popolazione mondiale ha la NASH: steatoepatite non alcolica o steatoepatite non alcolica.

Il professor Sven Frank dell’Università di Anversa ha studiato la condizione per quindici anni. “Se il grasso si accumula troppo nel fegato, può portare a infiammazioni croniche e cicatrici. Come paziente, questo non ti dà molto fastidio in primo luogo. Al massimo hai un vago dolore nell’area del fegato o ti senti di più stanco.”

Tuttavia, le conseguenze sono più gravi nel lungo periodo. Le cellule del fegato muoiono e il fegato può avvizzire. Dopodiché, la cirrosi e il trapianto di fegato o il cancro al fegato non sono lontani per alcuni pazienti.

livello di zucchero nel sangue

Al momento non esiste un farmaco per curare la malattia di Nash, ma il team di Frank sta cercando di fare qualcosa al riguardo. Un potenziale farmaco sta ora entrando nella terza e ultima fase. “Nel nostro studio, abbiamo confrontato due gruppi di pazienti con steatoepatite non alcolica per sei mesi. Un gruppo ha ricevuto il farmaco, l’altro un placebo. Nel gruppo che ha ricevuto il farmaco, abbiamo notato due miglioramenti: primo, avevano meno infiammazione, ma inoltre le cicatrici che avevano sul fegato – a causa di questa infiammazione – si sono ridotte”.

Inoltre, il candidato al farmaco ha avuto un altro vantaggio: i livelli di zucchero nel sangue dei pazienti sono migliorati quando hanno assunto il farmaco. I risultati, secondo i ricercatori, sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Secondo Franco, è fondamentale che la malattia venga messa di più sulla mappa. “È molto importante che la malattia venga rilevata più rapidamente. Una diagnosi rapida può limitare i danni. Le persone con diabete dovrebbero sottoporsi a controlli regolari. Sarebbe positivo se venisse aggiunto anche lo screening NASH”.

READ  "85% in meno di ricoveri ospedalieri e morti" - De Daily Standaard