QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Riconvocato il vertice di governo sull’uscita dal nucleare

Il nucleo del governo si sta ancora una volta riunendo attorno a un’uscita nucleare. Saranno presenti anche il ministro dell’Energia Tine van der Straiten (verde), il ministro degli Interni Annelies Verlinden (CD&V) e l’amministratore delegato Elijah Chris Peters. Non è certo se la decisione finale verrà presa stasera, ma “l’obiettivo è una buona penetrazione”, affermano i dipartimenti del governo.

I due vicepremier federali, affiancati dal ministro degli Interni Annelies Verlinden (CD&V) e dal segretario per le pensioni Karen Lallieu (PS), sono insieme al 16 di rue de la Loy dalle 19:00. Sul tavolo la chiusura definitiva delle centrali nucleari nel 2025.

Resta da vedere se la decisione verrà presa stasera o stasera. “Speriamo di sì”, suonava questa mattina negli ambienti governativi, ma altrove si diceva che potrebbe essere “un’altra tappa verso la fine”. In ogni caso, il presidente del Consiglio tiene le carte molto strette al petto.

Al suo arrivo, il vice primo ministro Ekolo George Gilkenet ha rilasciato una dichiarazione alla stampa. “Spero che abbiamo una soluzione”, ha detto. Dobbiamo prepararci per il futuro, ed è quello che fa il ministro (da Energy, editore) Van der Straiten è ottimo sin dall’inizio.

Gilkinet ha sottolineato che per lui dovrebbe essere “sicuramente il Piano A”. Questo si riferisce alla chiusura completa di tutte le centrali nucleari nel 2025. Quindi “Piano B” si riferisce all’estensione della vita dei reattori più piccoli, Doel 4 e Tihange 3.

Potrebbero esserci anche altre soluzioni sul tavolo, come la modifica della legge che consente di prendere in considerazione nuove centrali elettriche a gas in Manage o Seraing. Devono quindi assorbire la potenziale perdita di una centrale elettrica a gas ancora da costruire a Vilford, che il ministro fiammingo dell’Ambiente e dell’Energia Zuhal Demir ha rifiutato di concedere il permesso.

READ  La Commissione europea avvia un'azione contro la Germania dopo "precedenti pericolosi"

Il tempo stringe sul “Piano A”, il volo base

Finitura Halen?

Nelle ultime settimane, alti ministri si sono incontrati più volte a proposito di un’uscita dal nucleare, senza risultato. La questione della sicurezza dell’approvvigionamento sarà ancora sospesa come la spada di Damocle, finché la centrale elettrica a gas di Vilford non avrà un permesso.

A causa del lungo periodo prima dell’uscita del nucleare, il fascicolo è sempre più aggravato. E chiunque abbia pensato che il presidente dell’onorevole George Louis Bochese avrebbe tranquillamente fatto il suo turno fino a quando il fascicolo non fosse arrivato sano e salvo, ne è valsa la pena. Continua a lottare senza sosta.

È meglio prendere una decisione prima piuttosto che dopo. È difficile per il primo ministro de Croo permettere che il fascicolo si incrini nel suo governo per un periodo più lungo. Vivaldi prevede anche di prendere una decisione entro la fine dell’anno. Mercoledì, il tempo del governo sarà assorbito di nuovo da un comitato consultivo in cui verrà esaminato se le nostre mura difensive possono resistere alla variante avanzata dell’omikron. Quindi è graduale tempo di denaro.