QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricostruzione mammaria con tessuto adiposo | Radio di notizie BNR

sull’episodio

Per alcune donne con cancro al seno, una mastectomia completa è il miglior trattamento. In alcuni casi, come quando qualcuno sembra avere un aumentato rischio genetico di sviluppare il cancro al seno, questo viene effettivamente fatto preventivamente.

Ci sono diverse opzioni per la ricostruzione del seno dopo questo trattamento, se tale ricostruzione è necessaria. Comprese le ben note protesi mammarie, che non sono realizzabili in tutti i casi e non sempre si sono dimostrate sicure. Oppure usa la pelle e il tessuto adiposo dell’addome. Ma questo trattamento ha anche degli svantaggi. L’operazione richiede molto tempo, dalle sei alle otto ore, e lascia una cicatrice sull’addome.

Quindi i ricercatori dell’UMC+ Maastricht University erano curiosi del terzo metodo: la mobilizzazione dei lipidi. Il chirurgo plastico utilizza ad esempio il grasso dell’anca, delle cosce o dell’addome e lo inietta nel torace.

Questo è già utilizzato per riempire i difetti dopo una precedente ricostruzione o per la ricostruzione parziale, ma non si è ancora dimostrato sicuro ed efficace per la ricostruzione completa del seno.

La ricerca fino ad oggi ha esaminato 91 pazienti sottoposti a ricostruzione utilizzando il proprio tessuto adiposo e 80 pazienti sottoposti a trapianto. Secondo i ricercatori, non vi erano indicazioni che il trattamento con il loro tessuto adiposo non fosse sicuro e questo gruppo ha riportato una migliore qualità della vita dopo la procedura.

L’Istituto nazionale di assistenza sanitaria ha ora stabilito che le cure saranno rimborsate dal 1° gennaio 2023, a determinate condizioni.

Leggi di più: Nuovo metodo di ricostruzione del seno dopo la ricerca UMC+ di Maastricht