QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ridurre i rinvii non necessari per il dolore toracico

Uomo che indica con un dito (concentrarsi sulla mano)


VieCuri e AmbulanceZorg Limburg-Noord avviano una ricerca per ridurre i rinvii non necessari in ospedale per dolori al petto.

È probabile che il numero di pazienti con dolore toracico che vengono ricoverati in ospedale venga ridotto inutilmente. Questo grazie al nuovo metodo diagnostico per i medici di base e l’assistenza in ambulanza, sviluppato da VieCuri in collaborazione con Siemens Healthineers. Il paziente viene esaminato a casa e riceve immediatamente maggiore chiarezza. Inoltre, aiuta l’operatore sanitario a escludere un infarto o a mostrarlo più rapidamente. Se la ricerca mostra che questa innovazione sanitaria funziona, l’uso nazionale di questo metodo potrebbe far risparmiare 20 milioni di euro all’anno in costi sanitari.

esperienza dolorosa

Più di 2.500 pazienti con dolore toracico ogni giorno nei Paesi Bassi si presentano al proprio medico di famiglia o al proprio medico di famiglia al di fuori degli orari di ufficio o all’ambulanza. Non è sempre facile per un operatore sanitario stimare correttamente i sintomi del dolore toracico. Per non perdere una diagnosi seria come un infarto, molti pazienti vengono urgentemente indirizzati al pronto soccorso. Ciò significa indagini ingombranti, costose e dispendiose in termini di tempo.

Solo il 15% di questi rinvii urgenti riguarda una situazione pericolosa per la vita in cui un rinvio è veramente necessario. Braim Rahel, cardiologo VieCuri: “I pazienti il ​​cui esame ha dimostrato di non aver avuto un infarto spesso hanno sperimentato lo stress della loro visita al pronto soccorso. Il nuovo metodo diagnostico offre ai pazienti una chiarezza istantanea in un ambiente domestico e non sperimentano un’esperienza traumatica.

metodo unico

Laddove i medici di base e gli operatori delle ambulanze fino a poco tempo fa dovevano fare affidamento sulla loro conoscenza ed esperienza, ora possono utilizzare un piano passo-passo scientificamente provato, sviluppato appositamente per la prima assistenza cardiaca o di emergenza: il punteggio cardiaco. Sulla base dell’esito, può essere presa una decisione responsabile se il paziente può rimanere in sicurezza a casa o se deve essere portato urgentemente in ospedale per ulteriori valutazioni e cure. Tra le altre cose, viene utilizzato un esame del sangue “troponina 1 ipersensibile” basato su una semplice puntura del dito.

READ  Contaminazione da PFOS: "Niente panico" (tossiologi) - Belgio

L’uso della puntura del dito è unico al mondo. Usando questo è possibile determinare se c’è un danno al muscolo cardiaco in soli otto minuti. Il test è stato ampiamente esaminato con il laboratorio di chimica clinica di VieCuri. Marcel Janssen, chimico clinico di VieCuri: “La qualità del nuovo esame del sangue è paragonabile a un test di laboratorio in un ospedale”. Oltre a questo esame del sangue, il medico di famiglia o l’infermiere dell’ambulanza esegue sul posto un questionario e un film cardiaco mediante il quale è possibile determinare tempestivamente e in modo appropriato il rischio di infarto. Joanne Meder, cardiologa Viory: “Ci aspettiamo di essere in grado di ridurre il numero di ricoveri non necessari in ospedale di almeno il 10 per cento”.

Assistenza personalizzata al paziente

Al fine di convalidare queste previsioni, Lisa Frink, medico e ricercatore presso il Dipartimento di Cardiologia di Vikuri, inizierà uno studio clinico-scientifico in Ambulance Care sotto la supervisione dei cardiologi Joan Meder e Prem Rachel il 1 luglio 2021. La ricerca è condotto in collaborazione con AmbulanceZorg Limburg-Noord e Siemens Healthineers e altri ospedali della zona. Serge Bougels, infermiere di ambulanza: “Per noi, questo corso HEART significa un’estensione delle nostre risorse di ricerca.

I dati oggettivi generati da questa constatazione ci danno l’opportunità di lasciare il paziente a casa in maniera responsabile. Questo ci consente di fornire un’assistenza personalizzata ai pazienti.” Lisa Frink: “La ricerca promuove la collaborazione tra il servizio di ambulanza ei cardiologi ospedalieri. Le considerazioni dell’infermiere dell’ambulanza sull’opportunità o meno di indirizzare il paziente sono più chiare e questo porta a un migliore trasferimento”.

  • Premio del pubblico STZ Innovation Challenge
READ  Vaccinazione Corona a Van der Pigalle a Coulomb

Ogni anno, gli ospedali Best Collaborating Clinical Training (STZ) invitano i propri 27 ospedali affiliati a partecipare alla STZ Innovation Challenge. Su 86 voci, VieCuri ha vinto il Premio del Pubblico il 17 giugno 2021 utilizzando questo metodo diagnostico unico. La sfida non è ancora conclusa: vincendo questo premio, VieCuri si assicura un posto nella fase finale, che si svolgerà in autunno.

Fonte: VieCuri