QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ridurre il rischio di Alzheimer?  Ottieni molte esperienze divertenti

Ridurre il rischio di Alzheimer? Ottieni molte esperienze divertenti

Provare tante cose divertenti non solo ti rende una persona più felice, ma è anche legato a un minor rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Ma non si sapeva esattamente come la felicità riduca il rischio di malattia di Alzheimer. Finora. I ricercatori della Columbia University pensano di sapere perché le persone felici hanno meno probabilità di sviluppare demenza.

I ricercatori ritengono che molte esperienze positive prevengano il declino cognitivo e possano portare a una vita più lunga. Ma come possono i sentimenti di felicità e le belle esperienze avere un effetto fisico sul nostro cervello? In questo giocano un ruolo importante i cosiddetti mitocondri, le cellule che forniscono energia al nostro cervello, tra le altre cose.

Lo stato d’animo è legato alla biologia del cervello

La ricerca mostra che il meccanismo attraverso il quale le “fabbriche elettriche” convertono l’energia è più forte nelle persone che hanno sperimentato poco stress durante la loro vita, mentre i mitocondri sono meno robusti nelle persone con esperienze più negative. “Abbiamo dimostrato che l’umore delle persone anziane è legato alla biologia dei mitocondri nel loro cervello”, spiega Caroline Trompf, una delle ricercatrici. Questo è particolare perché, secondo lei, è la prima volta che viene scoperta la relazione tra le esperienze soggettive e lo stato fisico del cervello.

Secondo i ricercatori, i mitocondri nel nostro cervello agiscono come antenne, inviando segnali molecolari e ormonali al nucleo cellulare e modificando il comportamento delle cellule. “Se i mitocondri possono cambiare il comportamento delle cellule, possono cambiare la biologia del cervello, della psiche e dell’intera persona”, ha detto il ricercatore capo Martin Pickard.

READ  Trijn non è stato diagnosticato fino a dopo 11 anni di dolore: "L'eutanasia è la mia via d'uscita"

Dati provenienti da 450 anziani

In questo studio, Pickard e colleghi hanno utilizzato i dati di circa 450 americani anziani. Su di loro sono state raccolte informazioni psicologiche e sociali per un periodo non inferiore a vent’anni. Inoltre, dopo la loro morte, i partecipanti hanno donato il proprio cervello allo studio per ulteriori analisi. Ciò ha fornito anche dati sullo stato fisico del loro cervello.

Tutti questi dati mostrano che una parte dei mitocondri può essere collegata allo stato psicosociale di una persona: il meccanismo di conversione dell’energia. Questa è la parte dei mitocondri dove viene prodotta l’energia.

“Una maggiore felicità è stata collegata alla presenza di più proteine ​​nei mitocondri, che sono essenziali per la conversione dell’energia. “Quando c’era uno stato d’animo negativo, c’era una diminuzione del livello di proteine”, afferma Trompf. La ricerca mostra che lo stress e le esperienze negative lo sono dannoso per il nostro cervello. “Forse perché questo “Oppure ostacola la conversione dell’energia in alcune parti del nostro cervello.”

Maggiori informazioni sulla relazione tra la malattia di Alzheimer e le esperienze negative

nonostante questo studio Fornisce maggiori conoscenze su come le esperienze negative possano aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, ma non tutto è chiaro. Sebbene sia stato dimostrato un legame tra i mitocondri e il nostro stato d’animo, in che direzione funziona questo collegamento? I mitocondri cambiano il nostro umore o è l’umore a cambiare i mitocondri? Precedenti ricerche sugli animali hanno dimostrato che lo stress cronico colpisce i mitocondri, ma altre ricerche suggeriscono che funziona in entrambe le direzioni. “È possibile che questi meccanismi si rinforzino a vicenda”, afferma Trompf. “Lo stress cronico può alterare i mitocondri in modi che influenzano la percezione degli eventi sociali, il che a sua volta porta ad un aumento dello stress”.

READ  Origami di DNA meccanicamente adattabili per migliorare notevolmente il biosensing

Inoltre, secondo Pickard, non esiste ancora un modo per misurare lo stato dei mitocondri, anche se questo è in lavorazione. “Sarebbe utile monitorare i cambiamenti nella salute prima che si verifichino le malattie”.

Brett cammina su una montagna con un’asciugatrice sulla schiena per raccogliere fondi per il club di rugby

Perché correre fa bene al cervello?

Hai notato un errore? Scrivici. Ti siamo grati.

Commenti