QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Riesci ancora ad ascoltare la musica di un potenziale molestatore sessuale?

Il cantante e premio Nobel Bob Dylan è stato perseguito in un tribunale di New York per un crimine sessuale dal 1965. Anche se il cantante nega, molti fan sono disperati: puoi ancora ascoltare la musica di un potenziale molestatore sessuale?

Una nuova icona della musica minaccia di cadere dalla sua base. Bob Dylan, un musicista di statura quasi divina, doveva essere una ragazzina di 12 anni nel 1965 drogato e abusato per settimane. Nell’atto d’accusa, la vittima descrive come il cantautore abbia abusato del suo status e della sua influenza per guadagnarsi la sua fiducia. Il 68enne chiede un risarcimento per le accuse di aggressione, aggressione, percosse e detenzione illegale.

Un portavoce del cantante ha confermato che le accuse erano “false” e che “avranno una risposta vigorosa”. L’altra parte afferma di avere prove convincenti che la vittima era effettivamente nella stanza d’albergo di Dylan in quel periodo.

Il 1965 è l’anno dei presunti fatti e l’inizio del picco creativo del cantante Dylan nel documentario non guardare indietro Appare come un giovane arrogante ed egoista che mostra poca o nessuna simpatia per coloro che lo circondano, come la cantante Joan Baez, con la quale Dylan ha una relazione da un po’. Dylan era anche severo con le anfetamine in quel periodo.

Sorpresa

Ma a differenza di artisti come Michael Jackson e George Michael, non ci sono state accuse di violenza sessuale su Bob Dylan. “Non so nulla del caso, ma sicuramente ha abusato di una bambina molto giovane, una bambina”, afferma l’autrice e fan di Dylan, Saskia de Coster.

DeCoster collega la cantante allo stesso tempo con un’immagine conservatrice delle donne: “Bob Dylan è in realtà un grande sessista: donnaiolo che in realtà ha abusato emotivamente delle donne. Lo si vede anche nelle sue parole: dalla bambina innocente in “Proprio come una donna”, all’uomo totalmente paternalistico che chiede alla donna di stare accanto al fuoco in “Il tuo amore è vano?”

Nonostante ciò, Dylan porta con sé un leggendario spettacolo musicale che ha recentemente vinto un premio Nobel. Se i fatti sono provati, la domanda rimane: riesci ancora ad ascoltare la musica dell’artista “sbagliato”?

“Penso che sia molto difficile togliere dal piedistallo qualcuno che ha avuto questa situazione”, dice il professore di musica pop Jeroen Doe (KU Leuven). “È davvero uno straordinario. Penso che le persone appariranno prima sconcertate e incredule, ma poi cercheremo di nuovo il punto di riferimento di Bob Dylan. Questo è lo schema che vedi anche in altre discipline artistiche come il cinema”.

Struttura

Secondo il filosofo della musica Marles de Monck (UAntwerp), non sembra inconcepibile che nei prossimi mesi alla radio si ascoltino meno canzoni di Dylan. E se vengono riprodotti, sarà con la cornice. “Viviamo in un’epoca Avvisi di attivazione. La gente ora si aspetta che queste cose vengano inquadrate. Non è una brutta cosa se è un modo per aiutare le persone a distinguere tra arte e persona”.

De Munck nota che la sensibilità è in aumento, rispetto al passato: “Si sente che Zeitgeist È cambiato e la tendenza è molto maggiore a vedere gli eventi della vita personale dell’artista con l’arte.” Secondo De Munck, questa influenza è più forte quando la personalità dell’artista è strettamente legata alla produzione artistica, come con Bob Dylan: “Certamente perché del significato politico del suo lavoro, può essere che abbia solo un effetto.”

Indipendentemente da quest’altra interpretazione, il lavoro di Dylan conserva il suo valore, de Coster ritiene: “Ho notato che viviamo in tempi incredibilmente morali e austeri in cui tutto è in una sorta di liquidazione. Trovo che sia un problema enorme. Anche Lana Del Rey canta di essere una donna flaccida e affidabile, in realtà non è così Potenziamento, ma debole, dall’aspetto e descrittivo. Dovrebbe esserci spazio per questo nell’arte”.

READ  La reazione dell'attore Bob Odenkirk dopo la rottura sul set: "Io...