QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rifugiato iraniano muore in aeroporto durante le riprese di “Terminal”

L’AFP ha appreso da una fonte dell’aeroporto che Mehran Karimi Nasseri, un rifugiato politico iraniano che ha trascorso più di 18 anni all’aeroporto Roissy Charles de Gaulle di Parigi, è morto sabato.

Mehran Karimi Nasseri, noto anche come “Sir Alfred”, è nato nel 1945. Ha iniziato a vivere all’aeroporto Charles de Gaulle di Roissy, a nord di Parigi, nel novembre 1988 dopo una serie di peregrinazioni a Londra, Berlino e Amsterdam in cerca del suo madre. Ogni volta veniva espulso dalle autorità perché non poteva fornire alcun documento. Nel 1999 gli è stato concesso lo status di rifugiato e il permesso di soggiorno in Francia.

Divenne un’icona in aeroporto e divenne oggetto di innumerevoli servizi radiofonici e televisivi, sia in Francia che all’estero. Nel 2004, la sua storia è stata trasformata in un film dal regista Steven Spielberg in “The Terminal”. Tom Hanks ha interpretato il ruolo del Nazareno.

Dopo il film, l’uomo sarebbe finito in un manicomio in Francia. Si dice che abbia speso la maggior parte dei soldi guadagnati per il film e sia tornato all’aeroporto alcune settimane fa. Lì, nell’edificio 2F, è morto poco prima di mezzogiorno di sabato. Mehran Karimi Nasseri è morto per cause naturali. Aveva ancora in tasca diverse migliaia di euro.

READ  La salute della regina britannica non è ancora finita: "Ho deciso...