QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rinviato di sei mesi il rientro dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale |  Notizia

Rinviato di sei mesi il rientro dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale | Notizia

Tre membri dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, che devono rimanere lì per il momento a causa di un malfunzionamento della loro astronave, non torneranno sulla Terra fino a settembre. Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, ha dichiarato che la loro missione sarà estesa di circa sei mesi.

I cosmonauti russi Sergey Prokopyev e Dmitry Petlin e il cosmonauta americano Francisco Rubio si sono recati alla Stazione Spaziale Internazionale lo scorso settembre. L’equipaggio di solito ritorna a marzo. A metà dicembre, la navicella Soyuz ha avuto una perdita, il che significa che non possono tornare con questa navicella.

Per radunare l’equipaggio, la Russia invia un’astronave sostitutiva alla Stazione Spaziale Internazionale. Dovrebbe iniziare venerdì. Una volta arrivata la variante, la navicella perforata tornerà sulla Terra senza umani a bordo.

La perdita nell’astronave è probabilmente causata da un cosiddetto micrometeorite, che è un piccolo pezzo di spazio granuloso nello spazio. Il liquido di raffreddamento scorre dal radiatore attraverso un foro di dimensioni inferiori a 1 millimetro.

La velocità media dei micrometeoriti è di circa 100.000 chilometri all’ora vicino alla Terra e la Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra a più di 27.000 chilometri all’ora. A tali velocità, piccole collisioni possono effettivamente causare danni ingenti. Grandi pezzi di detriti spaziali vengono occasionalmente schizzati dalla Stazione Spaziale Internazionale, ma possono essere monitorati dalla Terra da immagini radar e i piccoli granelli non sono visibili.

Aspetto. Le immagini mostrano una perdita della capsula russa Soyuz: è pericolosa?