QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rischio di gravi danni al fegato durante l’uso di Mavenclad

con l’uso di Cladribina (Mavenclad) Possono verificarsi danni al fegato. Ciò è dimostrato dai dati di sicurezza rivisti da Mavenclad. I pazienti di solito hanno disturbi lievi, ma ci sono anche segnalazioni di pazienti con disturbi gravi. Il danno epatico è elencato come effetto collaterale nelle informazioni sul prodotto Mavenclad con frequenza “non comune”. Sono incluse anche raccomandazioni per controllare il fegato e per interrompere il trattamento se necessario.

Cladribina

Cladribina è usata in pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante (SM) altamente attiva. La SM è una malattia cronica in cui il sistema immunitario del corpo attacca il cervello e il midollo spinale. I segnali dal cervello non arrivano più correttamente. Questo può causare tutti i tipi di reclami. Pensa alla stanchezza, ai disturbi agli occhi e alla vescica, alla perdita di forza, ai disturbi sensoriali, ai problemi di coordinazione e ai problemi cognitivi. Nella SM recidivante, i sintomi progrediscono in un movimento ondulatorio: periodi di episodi si alternano a periodi di guarigione.

Consigli per i pazienti

  • Fai attenzione ai sintomi che indicano danni al fegato:
    • mancanza di appetito, nausea e/o vomito;
    • mal di stomaco;
    • fatica;
    • La pelle o gli occhi ingialliscono.
    • urina scura;
  • Chiama subito il medico se pensi che questi sintomi si stiano verificando.

Consigli per gli operatori sanitari

  • Prima di iniziare il trattamento, raccogliere un’anamnesi completa del paziente di disturbi epatici sottostanti o eventi di danno epatico durante l’assunzione di altri farmaci;
  • rivedere i test di funzionalità epatica compresi i livelli sierici di aminotransferasi, fosfatasi alcalina e bilirubina totale prima dell’inizio del primo e del secondo ciclo di terapia;
  • Durante il trattamento, eseguire e ripetere i test di funzionalità epatica in base ai segni e sintomi clinici. Se il paziente sviluppa danni al fegato, Mavenclad deve essere interrotto o interrotto.
READ  I microbiologi hanno lanciato l'allarme: gli antibiotici non hanno effetto su centinaia di batteri intestinali mobili | Generale

lettera informativa sui rischi

Merck BV ha inviato una lettera al riguardo, chiamata Direct Health Care Professional Contact (DHPC). La lettera contenente queste importanti informazioni sui rischi è stata inviata in consultazione con il Ministero della Salute e della Gioventù e l’Ispettorato della Salute e della Gioventù (IGJ) a neurologi, neuroinfermieri, infermieri della SM, assistenti neurologi, medici MDL specializzati in epatologia e farmacisti (ospedalieri) (tutti i medici e i farmacisti citati) In formazione).

L’identificazione e l’analisi degli effetti collaterali durante l’intero ciclo di vita del farmaco è chiamata farmacovigilanza o farmacovigilanza. Questa è una missione fondamentale del Consiglio di amministrazione del Medio Oriente. In caso di problemi di sicurezza urgenti e/o importanti, i professionisti sanitari sono informati dal DHCPC.

documenti

Autore: Consiglio di valutazione dei farmaci

Il Medicines Evaluation Board (MEB) valuta e monitora l’efficacia, i rischi e la qualità dei medicinali per l’uomo e gli animali. MEB valuta anche la sicurezza di nuovi alimenti per l’uomo.