QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Risultati del Tour de France in macchina 19. La tappa di salto si conclude con una vittoria per una nuova tappa per Jumbo-Visma, Christophe Laporte sorprende Peloton

Maglia gialla: Jonas Weinggaard

Maglia verde: Wout van Aert

Lampadina Jersey: Jonas Weinggaard

Maglia bianca: Tadej Pojjakar

Come è avvenuta la vittoria?

La storia della gara è stata scritta rapidamente. Fin dall’inizio, un gruppo di cinque persone si è allontanato: Quinn Simmons, Matej Mohorek, Taco van der Horn, Nils Polit e Mikkel Honoré. Dane di Quick-Step – Alpha Vinyl si è assicurato che i cinque compagni di squadra rimanenti non dovessero essere coinvolti nell’inseguimento in modo da potersi concentrare perfettamente su uno sprint veloce con Fabio Jacobsen. I cinque avevano solo progressi limitati e, stranamente, il viaggio sembrava finire dopo cinquanta chilometri. Proprio quando sembrava che i fuggitivi fossero stati catturati, Honoré attaccò di nuovo. Bullett si è deluso, e nemmeno gli altri compagni di volo, quindi ora abbiamo un gruppo di quattro in testa. Inoltre non hanno mai avuto più di un minuto.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Nel gruppo, il ritmo è stato determinato da Lotto-Soudal (Caleb Ewan), Alpecin-Deceuninck (Jasper Philipsen), Team BikeExchange (Dylan Groenewegen) e Team DSM (Alberto Dainese). I corridori non vogliono essere privati ​​di questa opportunità dopo tutte le sofferenze per il sorpasso delle Alpi e dei Pirenei.

Comunque, una tappa divertente, ma ad alta velocità. Sul Costa della città medievale di Lauzerte – Non ce la facciamo – Simmons e Mohorek sono più veloci. A poche miglia di distanza, Simmons andò da solo. Ovviamente, il pilota più giovane del gruppo Tour non è sconosciuto.

READ  "Noa Lang se ne va, Club Brugge arriva con un'alternativa sorprendente" | Calcio 24

Il gruppo si è diviso brevemente durante una delle salite di Classe 4. Fabio Jacobsen era nella seconda parte del gruppo ma tutto è tornato a posto. Simmons è arrivato primo sulla seconda pista di Categoria 4 ma dopo aver attraversato la cima della pista la sua avventura si è conclusa.

La partita finale è stata un po’ più difficile del previsto. Attack of… Pogacar ha presentato il gioco mobile definitivo. Fred Wright, Jasper Stoen e Alexis Jugerd si sono divisi mezzo minuto. I campanelli d’allarme hanno suonato nelle squadre di corridori, segnalando a Guillaume Van Keirsbulck di sdraiarsi di nuovo. Anche i compagni di squadra di Peter Sagan si sono uniti all’inseguimento del potente trio. Stuyven e i suoi compagni di squadra hanno creato tensione nel gruppo e quando anche Matteo Cattaneo ha ceduto, all’improvviso è toccato ai ranghi dei Ranking Knights e chiaramente non avevano alcun senso. Wout van Aert ha impostato il suo ritmo con calma e ha tradito che non avrebbe partecipato allo sprint.

Il trio ha continuato ad accelerare in avanti, ma il gruppo ha cronometrato perfettamente il suo sforzo. Nell’ultimo chilometro, i tre disertori erano lì a fare lo sforzo. Christophe Laporte ha cercato di evitare il nemico con la secessione. Il francese è rimasto fuori dalla presa del gruppo e ha regalato a Jumbo-Visma la quinta vittoria del round.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Cosa hai fatto di preferito?

Entra in sicurezza e risparmia le forze per provare l’ora di domani. Il gruppo ha ancora fatto a pezzi su una delle poche salite, ma i corridori della classifica generale erano tutti in testa.

Una giornata tranquilla di Jonas Weinggaard. © BELGA

Tadej Pogacar non ha saputo resistere ancora e ha deciso di sgranchirsi le gambe a oltre trenta chilometri dal traguardo. Lo stesso Wout van Aert ha deciso di chiamare il numero due della classifica. Le molestie tra i due ranghi, ne fanno parte!

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Che fine hanno fatto i belgi?

Check in servizio corridori. Philip Gilbert ha aiutato il corridore del lotto ad aiutare a stabilire il ritmo per il gruppo. Guillaume Van Keirsbulck ha fatto lo stesso con Alpecin-Deceuninck al servizio di Jasper Philipsen. Nella gara stessa, abbiamo dovuto guardare a Jasper Philipsen e Wout van Aert e se si sarebbe battuto per la vittoria di tappa. A causa della malattia di Mads Pedersen, anche a Jasper Stuyven è stato permesso di fare le sue cose. Ho già letto come è finita.

Qualcos’altro che dovresti sapere?

Enric Mas (Movistar) non è partito dopo un test corona positivo. Lo spagnolo era comunque all’undicesimo posto della classifica generale.

Il tour è stato interrotto per la terza volta dai manifestanti.

Il tour è stato interrotto per la terza volta dai manifestanti. © Reuters

Il palco è stato interrotto per la terza volta in questo round da attivisti che hanno bloccato la strada. I cinque fuggitivi, così come il gruppo, sono stati arrestati. Dopo circa cinque minuti, i cinque sono stati autorizzati a ricominciare con una differenza di 1’20”. Bradley Wiggins, non un grande fan degli attivisti che hanno interrotto il Tour, ha rilasciato questa dichiarazione: I suoi compagni di bar sono venuti in Francia per festeggiare il 10° anniversario della sua vittoria al Tour.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Risultato della corsa:

1 – Christophe Laporte (FRA)

2. Jasper Philipsen a 1″

3 – Alberto Dainese (ETA)

4 – Florian Basic (FRA)

5 – Tadej Pojakar (Slaw)

6. Amaury Capiot

7 – Dylan Groenwegen (Ned)

8 – Hugo Hofstetter (Fra)

9 – Luca Mezjek (Lento)

10 – Caleb Ewan (Australia)

Classificazione generale:

1. Jonas Weinggaard (Religione)

2. Tadej Pogakar (lento) 3’21”

3. Geraint Thomas (GBR) a 8′

4. David Godot (Fra) 11’05”

5. Nairo Quintana (colonnello) 13’35”

6. Louis Meintjes (ZAF) 13’43”

7. Alexander Vlasov (in russo) 14’10”

8. Roman Bardet (Fra) 16’11”

9. Alexey Lutsenko (Kaz) a 20’24”

10. Adam Yates (Gran Bretagna) 20’32”