QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ritiro nel gruppo: questi corridori lasciano la bici in garage | Ciclismo

Sui social vediamo come i corridori stanno riprendendo l’argomento. Dopo alcune settimane di tregua senza bici, gli allenamenti riprendono dolcemente, ma per molti piloti sta emergendo una nuova classe senza allenamenti e orari serrati. Non vedremo più questi top rider nel 2022.

nel tuo paese è Jill Vanendert (36) Il nome più eclatante che conservava il costume del cavaliere.

Il Limburger ha avuto il suo momento di gloria nel 2011 sul Plateau de Beille Tour e ha guadagnato diversi posti d’onore nelle classiche valloni, ma al Bingoal Pauwels Sauzen-WB la sua candelina si è spenta negli ultimi anni.

Anche questa squadra ha annunciato Shawn DeB (30) Dì addio. Gli piace il ruolo di direttore sportivo, ma attualmente è concentrato sul business del vino.

Bert de Bakker Ha unito gli ultimi (37) anni della sua carriera al ruolo di analista nella cronaca di Sporza e ha concluso la sua carriera alla Paris-Roubaix.

Anche il suo ex team di B&B Hotels lo è ora Jonas van Gensten (35) in Frederic Beckert (31) Cancellazione dal libro paga.

Van Genechten ha vinto una tappa alla Vuelta nel 2016 e il figlio di un contadino Backaert è stato particolarmente incantato come attaccante del Wanty-Groupe Gobert.

Elenco dei cittadini denso da pistier Kenny de Keitel (36), Roy Ganz (31), Jasper Plus (24), Ludovico d’Inverno (28) Peter Vansbroek (34) in Valle di Boris (28)

GUARDA: La più grande vittoria di Gilles Vanendert sul Plateau de Bell

Sinonimo tedesco e irlandese

Il gruppo internazionale ha lasciato alcune cheerleader di rilievo. Lista d’onore Andre Greipel (39) Ha bisogno di poche presentazioni, tra cui 11 tappe al Tour, 7 tappe al Giro e 4 vittorie alla Vuelta. Ci sono 158 vittorie al suo nome, che è un record.

A quel tempo, Greipel mise il naso nella finestra del Team High Road, dove era un compagno di squadra Tony Martin (36), un altro finto capo del ciclismo tedesco.

Der Panzerwagen è diventato campione del mondo nelle prove 4 volte, ha vinto tappe al Tour e alla Vuelta ed è diventato un leader su strada al Jumbo-Visma, ma dopo alcune gravi cadute non ha più voluto correre i rischi della professione. Ha concluso la sua carriera in grande stile a Bruges con il titolo mondiale della staffetta mista.

con lo stesso nome Daniele Martin (35) Quindi l’Irlanda perde una delle sue bandiere. Martin ha vinto due memorial con Liège-Bastogne-Liège (2013) e il Giro di Lombardia (2014) e ha completato il circuito questa primavera: dopo il Tour e la Vuelta, ha vinto anche il Giro.

Martin vuole dedicare più tempo alla sua famiglia e alle riunioni di famiglia potrà fare un giro nostalgico con suo cugino Nicolas Roche (37). Non poteva assolutamente eguagliare l’albo d’onore di padre Stephen, ma era un “fratello maggiore” per i giovani nel DSM, che con sua sorpresa non ha ricevuto una nuova offerta.

GUARDA: Tony Martin fa tappa a Leuven con un altro titolo mondiale di dessert

Guarda: il momento di gloria di Daniel Martin a La Doyenne

Il tormento di Aru e Van Garderen e la maledizione della caduta

Fabio Aru (31) Non voleva più sedersi al tavolo delle trattative. Al Qhubeka-NextHash il futuro era comunque incerto, ma l’italiano si è liberato con il ritiro dopo alcuni anni pieni di miseria e infortuni. Aru ha vinto il titolo Vuelta nel 2015, al Giro è rimasto bloccato sul podio.

Inoltre Tejay Van Gardenen (33) Al Tour ci si aspettava un grande futuro, ma l’americano non ha reso tangibili quelle aspettative. Se c’è stata una caduta da qualche parte, Van Garderen era spesso lì, ma lo scalatore dice di essere in pace con il suo addio.

Kreuziger romano (35) Ha anche guadagnato il titolo di ciclista da turismo nei suoi primi anni di carriera con una vittoria assoluta al Giro di Svizzera e posti d’onore al Tour de France. Si è anche messo sulla mappa nella sua attività di un giorno con l’Amstel Gold Race nel 2013 come eccezione, ma negli ultimi anni i cechi sono caduti sempre di più dopo un ruolo molto apprezzato come caposquadra.

Guarda: Fabio Aro ha percorso i suoi ultimi chilometri alla Vuelta

Orologio: Roman Kreuziger ha vinto l’Amstel Gold Race 2013

Questi corridori avranno anche altre priorità in futuro:

  • Marcel Seberg (39): L’alto tedesco è stato per anni un collegamento importante sul treno da corsa di Andre Greipel
  • Pietro Vacock (29): Il vincitore del Brabantse Pijl 2016 ha visto una corsa per il naso dopo essere caduto violentemente sul palco in Sud Africa nel 2018.
  • Fumiyuki Beppu (38): Il giapponese ha iniziato la sua carriera con il team Lance Armstrong e si considera un promotore di biciclette e un costruttore di un ponte tra Europa e Giappone
  • Michel Golass (37): Il servitore polacco non ha lasciato la squadra di Michal Kwiatkowski per un secondo ed è salito sull’auto Bahrain Victorius
  • Fabio Sabatini (36): Ha condotto corridori come Alessandro Petacci, Mark Cavendish, Marcel Kittel ed Elia Viviani a innumerevoli vittorie.
  • Filippo e Slippen (33): Come pilota di motocross ha colpito il suo guinzaglio e la sua storia è stata scritta anche sulla strada
  • Tomash Marczynski (37): Il palo robusto ha deliziato Lotto-Sudal nel 2017 con una vittoria in due tappe al Giro di Spagna
READ  Besiktas van Batshuayi perde senza possibilità contro l'Ajax e perde Sailemakers e compagni nella finale dell'Atlético | Champions League