QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rivolta che ha fulminato il poliziotto durante l’attacco al Campidoglio grida: ‘Sono un pezzo di stronzata’ e ‘Trump ci ha chiamato’ | Assalto al Campidoglio

Un tribunale degli Stati Uniti ha rilasciato un video di interrogatorio in cui un rivoltoso ha ammesso di aver aggredito un ufficiale con una pistola elettrica stordente durante l’assalto al Campidoglio il 6 gennaio di quest’anno. Daniel Rodriguez, 38 anni, crede di essere stato convocato dal presidente uscente Donald Trump.


Stefano Allen


Ultimo aggiornamento:
02-12-21, 21:07


Fonte:
Huffpost, CNN




Martedì Rodriguez ha chiesto alla corte di invalidare la sua confessione. Dice che gli interrogatori hanno fatto troppa pressione su di lui e non lo hanno informato adeguatamente dei suoi diritti. Il giudice distrettuale Amy Berman Jackson ha suggerito che solo una piccola parte del suo interrogatorio di oltre tre ore potrebbe non essere valido durante un’udienza reale, poiché gli agenti hanno letto rapidamente i suoi diritti.

Attacco di cuore

Il filmato dell’interrogatorio mostra Rodriguez che ammette di aver fulminato l’agente Michael Fanon. Fanon è svenuto e ha avuto un lieve infarto e danni cerebrali. I filmati di bodycam di quel giorno sono diventati virali in tutto il mondo, così come le sue testimonianze sul suo incubo. “Ho figli!” Fanon ha pianto quando i rivoltosi lo hanno picchiato e hanno temuto per la sua vita.

Quando Rodriguez è stato arrestato a marzo, la gravità delle sue azioni lo ha dimostrato. Si definisce “stupido” e “un pezzo di stronzata”, tra le altre cose, e non è stato in grado di rispondere alla domanda sul perché ha fulminato Fanon. Singhiozzava “Mi dispiace, non lo so”. “È umano e ha dei figli. Non è un cattivo ragazzo, sembra che stia facendo il suo lavoro e io sono un idiota”.

READ  Il presidente dell'Unione europea Charles Michel vuole rafforzare le relazioni con i paesi arabi per un accordo energetico | All'estero

Gli ufficiali Aquilino Gunnell, Michael Fanon, Harry Dunn e Daniel Hodges hanno testimoniato a luglio in un’udienza sull’attacco del 6 gennaio. © AP

Commissionato da Trump

Rodriguez credeva di aderire ai desideri del presidente uscente Trump. “Trump ci ha chiamato a Washington”, dice. Se è il leader supremo e il leader del nostro paese. Se ha chiesto il nostro aiuto… pensavamo che stesse chiedendo aiuto. Pensavo che stessimo facendo la cosa giusta”.

“Sono d’accordo con la sua autovalutazione”, ha detto l’agente Fanon con disprezzo. Ma vede l’ammissione principalmente come un serio avvertimento: “Penso che mostri quanto sia pericolosa la retorica politica”, ha detto alla CNN. È chiaro che queste persone sono state ingannate dalle bugie di Donald Trump e dei suoi seguaci. Credevano che fosse stato loro comandato di andare lì e che sarebbero stati mandati lì. Hanno fatto la cosa giusta”.

Guarda anche:

Daniel Rodriguez e Michael Fanon.

Daniel Rodriguez e Michael Fanon. © screenshot