QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rivolta delle nocciole in Italia: il produttore di Nudella vuole più nocciole dall’Italia, gli agricoltori si oppongono all’espansione

L’azienda italiana Ferrero utilizza una grande quantità di nocciole per i suoi prodotti. Un quarto di tutte le nocciole coltivate nel mondo finisce nei prodotti ferrosi. L’azienda acquisisce le proprie quote principalmente dalla Turchia, il più grande produttore di nocciole al mondo, ma ora vuole passare alla coltivazione italiana. Questi piani sono arrivati ​​dopo una critica al processo di raccolta turco che presumibilmente coinvolgeva i bambini.

Inoltre Ferrero vuole profilarsi ulteriormente come azienda italiana in termini di marketing. Soprattutto dopo che la rivale di Nudella, Parila, si è imbattuta nella crema al cioccolato “100% italiana”.

Gli agricoltori locali non hanno alcun controllo

Il coltivatore di noodle sta ora cercando di collaborare con gli agricoltori italiani e convincerli a sostituire i loro uliveti e vigneti con alberi di nocciolo. Ma secondo Patrick von Tomme, Bioingegnere e professore all’Università di Gent, Ferrero non tiene conto delle preferenze dei produttori locali. “L’azienda è andata molto veloce, volendo aumentare la superficie agricola del 30 per cento (circa 10.000 ettari). Non era niente”.

Secondo il professore, Ferrero dovrebbe prima sedersi con gli agricoltori locali e spiegare con calma i piani. In questo modo, tutte le parti possono raggiungere un accordo.

Paura della monocultura

A causa del cambiamento nella coltivazione, alcuni agricoltori e sistemi naturali hanno paura di un qualche tipo di coltivazione. Ripiantare la stessa coltura nello stesso terreno può avere effetti negativi sul bilancio idrico del suolo e su alcune specie animali.

Ferrero ha già sentito l’umore e ha promesso di concentrarsi maggiormente sulla coltivazione ibrida per rassicurare gli agricoltori.

Tuttavia, le nocciole sono già coltivate come un’unica coltura. Non è stabile ed è difficile passare alla coltivazione ibrida con altre specie. Ogni raccolto ha le sue esigenze”, afferma Van Tomme. Ferrero aveva già sentito le piogge e ha promesso di puntare maggiormente sulla coltivazione ibrida per rassicurare i contadini. “

READ  L'Italia vieta le navi da crociera a Venezia

Le nocciole prospereranno in Belgio? Secondo Van Tome, funzionerà sicuramente. “Si vede sempre di più la tendenza sull’agroforestazione qui, dove le colture annuali definiscono i campi con alberi e arbusti”. Secondo l’esperto, questo sistema con i noccioli può avere successo con noi. “Sarà sempre un po’ più dell’Italia, ma con qualche incoraggiamento dall’alto si può fare in linea di principio”.

Ascolta una conversazione con il bioingegnere Patrick van Tomme su The World Today tramite Select.

Fonte: vrt.be E “Il mondo di oggi”

Leggi anche: