QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Robin Feldman, allenatore dell’Anderlecht: questo non gli si addice dopo la sua difficile vittoria sul Lisp in Coppa | tazza da croquet

Con sangue, sudore, lacrime e un po’ di fortuna, l’Anderlecht è riuscito ad avanzare al turno successivo della Croque Cup ieri sera allo stadio della squadra di seconda divisione Liers K. L’allenatore dell’Anderlecht Robin Feldman non era soddisfatto della prestazione della sua squadra.

Dopo 120 minuti e 20 rigori, Robin Feldman ha potuto tirare un sospiro di sollievo. La qualificazione per la Coppa 1/8 Croque era una realtà.

“Siamo felici di continuare”, ha detto Feldman. “Il risultato alla fine è quello che conta. Non sono soddisfatto dei due gol subiti. Non hanno per niente senso. Perdiamo palla facilmente”.

“Siamo stati anche a 16 partite a Liersey 70 volte e abbiamo semplicemente creato pochissime occasioni. Non deve essere eccitante per molto tempo e per me non vale l’Anderlecht”.

“Eravamo motivati ​​in modo offensivo, ma Lierse ha difeso con anima e felicità e ha fatto di tutto per bloccare la porta. Ovviamente questo significa che dobbiamo anche fare di più per creare occasioni e questa è la lezione più grande per noi. Questo momento”.

Abbiamo qualcosa da mettere davanti alle masse. Meritano più di questo.

Robin Feldmann (allenatore dell’Anderlecht)

“Dovremo davvero fare il passo successivo in termini di purezza”, continua Feldman. “Affronteremo questo scenario per tutta la stagione e ovviamente giochiamo per segnare”.

La Coppa del Mondo è dietro l’angolo, quindi anche i club avranno una pausa per la Coppa del Mondo. Chi è venuto?

“Non voglio ancora pensare alla pausa dai Mondiali, perché ci sarà un’altra partita contro il Genk questo fine settimana. Questa è una partita importante per noi e penso anche che abbiamo qualcosa da sistemare in termini di tifosi dopo quella. . La partita di stasera e meritano di più.”.

READ  Timothy DuPont cerca una nuova squadra dopo un anno pieno di drammi umani: "Nessuna pietà, ovviamente" | Ciclismo