QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Romain Bardet aiuta Julian Alaphilippe, caduto duro e perde l’occasione a Liegi-Bastogne-Liegi: ‘Aveva davvero bisogno di aiuto’

In un grave incidente a circa 60 chilometri dal traguardo di Liegi-Bastogne-Liegi, Julien Alaphilippe (Quick-Step Alpha Vinyl) è caduto a diversi metri di distanza. Roman Bardet (Team DSM) è venuto in aiuto del suo connazionale. “Ero davvero sotto shock”.

Colpo di scena: il connazionale Roman Bardet ha visto succedere tutto e ha dato il via alla sua stessa strada. Nel profondo della valle per prendersi cura di Alaphilippe. “Ho visto che Julien era più profondo di tre metri”, ha detto a RMC Sport il francese del team DSM. “Era cosciente, ma non poteva parlare o respirare. Non riusciva a respirare. Sono rimasto davvero scioccato. Era in cattive condizioni.

Romain Bardet, che era ancora terzo a Liegi-Bastogne-Liegi nel 2018, ha rinunciato alle sue possibilità di vincere. La strada è completamente bloccata. Nessuno è venuto e aveva davvero bisogno di aiuto. Io ero spaventato. Ho gridato aiuto, ma ci è voluto un’eternità. «Almeno tre o quattro minuti», disse Bardet visibilmente impressionato. Biciclette e compagni erano ovunque e questa non era più una gara ciclistica. Caddero a una velocità di ottanta chilometri all’ora.

Bardet: “Fammi pensare alle nostre responsabilità condivise”

Il giorno dopo, Bardet ha pubblicato un’ampia risposta sui suoi social media. “Faccio ancora fatica a esprimere gli eventi di ieri, sono ancora ansioso quando torno alle foto dei piloti infortunati”, ha scritto Bardet.

“Sono stato commosso dai tanti messaggi che ho ricevuto, ma sono sicuro che chiunque nella mia situazione avrebbe fatto lo stesso”, ha detto lo scalatore. “Non c’è competizione quando l’integrità fisica di qualcuno è compromessa. Questa rottura mi ha anche fatto pensare alla nostra responsabilità condivisa di evitare un incidente del genere, che potrebbe finire tragicamente in futuro. Sul rispetto che dobbiamo avere tra i ciclisti. Potrebbe essere la responsabilità che ce la prendiamo quando corriamo il rischio di andare in un posto difficile nel gruppo per i 100 concorrenti dietro di noi. Non lancio un sasso a nessuno e non ho il monopolio della verità. Ma semplicemente: Diamo il nostro corpo e la nostra mente a uno sport e può diventare tragico in un lampo e ostacolare la bellezza di questo sport.