QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Russia e Ucraina raggiungono un accordo sul grano e potrebbero prevenire la crisi alimentare globale

Ucraina, Russia, Turchia e Stati Uniti hanno firmato insieme un accordo che consente ancora una volta l’esportazione di grano ucraino attraverso il Mar Nero. Ciò potrebbe prevenire una crisi alimentare globale.

A causa dell’invasione russa, il grano ucraino fu bandito nei porti del Mar Nero. Di conseguenza, i prezzi dei cereali sono aumentati e c’era il rischio di penuria di cibo in molti paesi.

Dopo lunghe trattative, venerdì le quattro parti hanno firmato un accordo a Istanbul.

Nello specifico, un’alleanza tra Ucraina, Turchia e Nazioni Unite monitorerà il carico di grano sulle imbarcazioni nei porti ucraini. Le barche ucraine guideranno navi mercantili attraverso il Mar Nero, dove esistono ancora le mine. Le barche attraverseranno il Mar Nero verso la Turchia mentre saranno monitorate da un punto di coordinamento centrale a Istanbul gestito da rappresentanti delle Nazioni Unite, dell’Ucraina, della Turchia e della Russia.

Leggi anche. Schiave sessuali nei seminterrati, bambini violentati e orecchie tagliate: svelati nuovi dettagli sull’orrore della guerra russa

Nessun attacco a navi mercantili o porti

Le barche che entrano in Ucraina saranno controllate dallo stesso centro di coordinamento per assicurarsi che non ci siano armi a bordo.

Russia e Ucraina si sono impegnate a non attaccare navi mercantili o porti attivamente coinvolti nel trasporto di grano. I rappresentanti della Turchia e delle Nazioni Unite controlleranno il porto ucraino e garantiranno il rispetto delle regole dell’accordo.

Ucraina e Russia hanno firmato venerdì accordi separati con la Turchia e le Nazioni Unite, che hanno mediato.

Leggi anche. Gli aiuti all’Ucraina si stanno esaurendo, ma il bisogno è ancora grande: “Serve aiuto ora per evitare che le persone muoiano di freddo in inverno”

READ  Il primo ministro svedese rifiuta di rifiutare la promessa di estradare la Turchia all'estero

(sgg)