QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sale a 37 il bilancio delle vittime dell’attentato in Congo: “uccisi con machete e armi da fuoco” | All’estero

ModernizzazioneAltri dieci corpi sono stati trovati a Beni, nella Repubblica Democratica del Congo orientale, dopo un attacco dei ribelli. Lo hanno riferito l’esercito e un’organizzazione locale. Questo porta il numero totale delle vittime dopo l’attacco di sabato a 37.

“Sabato abbiamo recuperato 27 corpi e ne abbiamo recuperati altri 10”, ha detto domenica sera Kinos Katoho, capo di un’organizzazione locale della società civile. Aggiunge che le vittime sono state uccise con machete e armi da fuoco nelle loro case nel villaggio di Bio Manyama dai ribelli dell’ADF.

Un portavoce dell’esercito ha confermato il rapporto e ha affermato che l’esercito ha ucciso sette combattenti della coalizione sabato.

Sabato, osservatori sul campo hanno scritto su Twitter che almeno 27 persone erano state uccise: “Almeno 27 civili sono stati uccisi sabato nel villaggio di Bio Manyama, vicino a Mamovi (nel territorio di Beni, Nord Kivu). Si ritiene che dietro l’attacco c’è l’ADF». KST ha monitor nell’area ed è un’iniziativa del Congo Research Group (NYU) e dell’ONG Human Rights Watch.


Stato d’assedio

Il massacro è avvenuto dopo un mese di relativa calma a Beni, dove le forze militari congolesi e sudanesi stanno conducendo operazioni congiunte contro i ribelli dell’ADF dalla fine di novembre.

READ  Un morto e 12 dispersi dopo che una nave si è capovolta al largo della costa di Loewe ...

Venerdì, nella provincia di Irumu sono stati trovati altri 17 corpi decapitati, forse di persone rapite dall’Alleanza delle Forze Democratiche.

Le province dell’Ituri e del Nord Kivu sono soggette alla legge marziale da un anno, una misura eccezionale in base alla quale l’amministrazione civile è stata sostituita dall’esercito e dalla polizia. Ma non ha ancora posto fine alla violenza.

Il gruppo armato ADF, descritto dal gruppo terroristico dello Stato Islamico come il suo ramo centrafricano, è stato accusato di essere dietro la morte di migliaia di civili in Congo. Si dice che il gruppo abbia anche compiuto attacchi jihadisti in Uganda.

Secondo gli Stati Uniti, in Congo sono attivi circa 130 diversi gruppi armati. La maggior parte di loro vuole controllare le materie prime di cui è ricco il Paese.



Leggi anche:

Medici Senza Frontiere si scusa per l’immagine di una ragazza violentata

L’ostetrica anziana Sabine dal Congo scrive in Mothers in Africa: “Avresti dovuto farlo per darle un posto”.

Il 20 giugno il Belgio restituisce i resti di Patrice Lumumba alla sua famiglia