QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sami Nirnick segnala Tor, ma guarda avanti: ‘Ho di più da offrire’ | Televisione

Televisione“Ho più di quello che devo mostrare per ora”, dice Sammy Neyrinck, 45 anni, dopo aver fornito resoconti meravigliosi per “Vive le Vélo” sera dopo sera su ciò che sta accadendo a margine del Tour de France. “Sono puzzle e scacchi. Con meno soldi in VRT. Non è nemmeno una novità, ma la qualità ha un prezzo. Come tutto nella vita. ”

Sammy Neyrinck ha iniziato il suo millesimo anno con “Vive le Vélo” con quasi il miglior reportage possibile. Sulla tragica morte dell’ex ciclista danese Chris Anker Sorensen (37), morto in un lieve incidente stradale nel settembre dello scorso anno. Cinque minuti di televisione con testimonianze accattivanti hanno attirato circa 800.000 telespettatori. In questo modo, il giornalista abituale in servizio ha fissato ancora una volta standard elevati per se stesso. Quasi a livello standard.

“È molto difficile, ma dopo tutti questi anni sto ancora cercando di mostrare i veri sentimenti attraverso quel mezzo televisivo”, dice Sami nel “Village de départ” del tour. È chiaro che tali interviste non avvengono per caso. C’è molta preparazione per questo”, sembra. Inoltre, Sami fa sempre le sue “foto” in posti piuttosto interessanti. Dietro un camion della TV in una custodia da viaggio con gli amici di Chris Anker Sorensen, all’hotel Tadej Pojácar – con il suo fan club Al Bugibois – ea casa con l’ex presidente del tour Jean-Marie Leblanc.“Non è mai stato organizzato niente. L’autenticità migliora tutto qui. Trovo spesso che siano le piccole cose a fare la differenza. Non puoi pianificarlo, ma devi monitorarlo. Ho quel talento”.

READ  Reti dice un addio collettivo al cantante folk Jules Cabas: "Amava così tanto la gente, la gente lo amava" | Reti

Sami Nayrink è in tournée © rv

segno di prestazione

“Lavoro con VRT da vent’anni e sono in ‘Vive le Vélo’ da undici. E no, non è che apprezzo la certezza. Adoro fare questo lavoro”, aggiunge il giornalista. “Il tour è semplicemente una dipendenza. Vivo per queste tre settimane. Se dipende da me, verrò in tour per anni a venire per ‘Vive le Vélo’. Ma ora sono pronto a fare anche altre cose. Affrontare altri progetti, realizzare storie più grandi. Devo. Ne hai l’occasione, ovviamente. Sono stato valutato come un marchio di qualità più di una volta. È un grande onore, sì, ma ho molto di più da offrire di quello che faccio proprio adesso.”

“Perché non dovrei essere in grado di fare ciò che stanno facendo Martin (Vangramburn, editore) e Robin (van Guchte, editore)? Penso che ci sia ancora spazio per questa parte, ma farei qualcosa di completamente diverso. sono stato in viaggio per vent’anni. Con esperienza e torto. Sono un perfezionista, e questo non lo rende comunque facile. Ma non mi faccio nemmeno prendere dal panico facilmente. Mi evolvo con esso. Sono enigmi e scacchi. Con meno soldi in VRT. Anche questa non è una novità, ma la qualità ha un prezzo. Come per ogni cosa nella vita. (ride) “

“Vive le Vélo”, tutte le sere all’One, alle 21:15.

Guarda anche

Leggi anche

Dopo le critiche precedenti, tornano i premi mediatici fiamminghi: ‘Non è facile nelle Fiandre’

Il mestiere dietro Vive le Vélo: o come la ragazza di Karl Vannieuwkerke guadagna bene dal talk show estivo