QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scaffali vuoti a Delhaize e Lidl per conflitto di prezzo con Danone

© Gianni Barbeaux

Le catene di supermercati Delhaize e Lidl attualmente non forniscono più i prodotti caseari Danone. Hanno sottolineato che i rivenditori non erano d’accordo con il colosso alimentare francese sui prezzi elevati. Aldi dice anche che le trattative non stanno andando lisce, ma dice che ha ancora delle scorte.

tgfonte: BELGA

A portare la notizia il sito specializzato RetailDetail. Ci sono etichette nei negozi Delhaize che “a causa di difficili trattative” molti prodotti sono temporaneamente non disponibili.

Il portavoce di Delhaize Roel Dekelver ha sottolineato che la lotta sui prezzi è la chiave. Gli aumenti di prezzo suggeriti da Danone non sono accettabili. Ognuno deve fare uno sforzo, il fornitore non può trasferire completamente i suoi maggiori costi al cliente. Abbiamo un ruolo sociale nel rendere i prodotti accessibili”. Danone addebiterà costi molto più elevati rispetto ad altri fornitori di prodotti simili.

Una cinquantina di prodotti caseari Danone sono scomparsi dagli scaffali dei negozi Delhaize. “Ci sono molte alternative al servizio clienti”, afferma Declver.

La portavoce Isabelle Colbrandt ha confermato che anche Liddell non è riuscita a raggiungere un accordo con Danon. L’effetto è meno significativo lì, perché Lidl offre solo un numero limitato di prodotti caseari Danone. Ci auguriamo che si raggiunga presto un accordo.

Aldi tiene la gamba rigida

L’amministrazione ha sottolineato che i colloqui tra Aldi e Danone sono stati difficili. Ma al momento c’è ancora qualche stock. Se i negoziati continuano a fallire, “c’è la possibilità che presto i consumatori debbano scegliere i nostri marchi come alternativa ai prodotti Danone”, ha affermato il portavoce dell’azienda Jason Seifester.

“Nelle salite sproporzionate, manteniamo la rigidità delle gambe”, afferma Seifester. “Il nostro ruolo è proteggere il potere d’acquisto dei nostri clienti in caso di aumenti di prezzo non realistici e portarli a livelli realistici”.

Danone risponde

In una risposta scritta, Danone ha affermato che l’azienda sta lavorando duramente per ridurre al minimo l’impatto sui consumatori in “condizioni di mercato senza precedenti”. “I rivenditori sono quelli che stabiliscono il prezzo finale per il consumatore”, afferma il libro.

“Siamo in un dialogo costruttivo e stiamo lavorando a stretto contatto con i rivenditori interessati per riprendere le consegne il prima possibile”, ha affermato Natalie Guillaume, portavoce di Danone.

Leggi anche. È in arrivo una grande guerra dei prezzi: il prezzo è già aumentato molto nel tuo supermercato

READ  Le borse europee aprono in forte ribasso