QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scatola nera e limitatore di velocità intelligente: tutto questo sarà obbligatorio nelle nuove auto da domani | tagliare

Le auto nuove dovrebbero essere più sicure. Domani entrerà in vigore il regolamento Ue che rende obbligatori molti sistemi di assistenza per le auto nuove. Alcuni sono noti da tempo e hanno già dimostrato il loro valore, altri sono alquanto controversi. Ad esempio, presto ogni nuova auto sarà dotata di una scatola nera e di un limitatore di velocità intelligente.

Molte auto moderne sono già dotate di vari sistemi di sicurezza che aiuteranno a ridurre significativamente il numero di morti per incidenti stradali. E funziona, perché il numero delle vittime della strada è in calo da anni. Ma dovrebbe essere più sicuro, ritiene l’Unione europea, motivo per cui auto, furgoni, camion e autobus di nuova concezione devono essere dotati di una serie di nuovi sistemi di sicurezza a partire dal 6 luglio, che rientrano nel nome Advanced Driver Assistance Systems, o ADAS . Dal 7 luglio 2024 ADAS farà parte dell’equipaggiamento obbligatorio per tutti i nuovi veicoli venduti sul mercato europeo.

L’assistente di velocità intelligente più controverso

Il più controverso è il cosiddetto ISA, o Intelligent Speed ​​Assistant. Si tratta di un sistema di assistenza alla guida che avvisa il conducente della velocità massima consentita tramite sistemi come il cruise control adattivo, la navigazione e la segnaletica orizzontale. Sebbene il sistema possa essere disattivato, si riattiva ad ogni avviamento del veicolo.

Oltre a questo “limitatore di velocità”, il regolamento di fine 2019 dell’UE contiene alcuni regolamenti più radicali, di cui l’Event Data Recorder (EDR) è il più controverso. È il registratore di dati sugli incidenti, ad es scatola nera o scatola nera. Questo sistema, già presente in diverse auto nuove, memorizza i dati di pochi secondi prima dell’incidente, come velocità, posizione dello sterzo e se le luci dell’auto sono accese.

READ  Bpost chiede anche ai dirigenti di consegnare pacchi durante il picco di fine anno

Domande sulla privacy su “Black Box” in Cars

Sebbene i dati vengano effettivamente memorizzati solo in caso di incidente (gli ultimi trenta secondi prima della collisione e dieci secondi dopo) e, ad esempio, le conversazioni tra passeggeri non lo siano, la procedura solleva molte questioni di privacy. I dati possono essere consultati solo dalle autorità nazionali e dalle stesse case automobilistiche allo scopo di indagare sulla causa di un incidente. L’Unione Europea afferma che le compagnie di assicurazione non potranno accedervi. Ma i critici temono che possa succedere in futuro.

Dal 6 luglio sulle nuove auto sono inoltre obbligatorie cinture di sicurezza aggiornate, telecamera per la retromarcia, frenata di emergenza, sensori di parcheggio, assistenza alla corsia, sistemi di avviso di affaticamento e utilizzo di smartphone e un parabrezza con vetri di sicurezza per proteggere gli utenti della strada vulnerabili in caso di collisione e in preparazione. Per sgranocchiare alcol.

Sistemi impeccabili.

Secondo la Dutch Association of Business Drivers, ci sono un certo numero di sistemi che non funzionano perfettamente. “La rete stradale non è sufficientemente regolamentata per consentire a questi sistemi di assistenza alla guida di funzionare in ogni momento”, afferma la direttrice Mariska Hustings. “Ad esempio, poiché non ci sono segnaletica orizzontale, il sistema non funziona correttamente. Ma riteniamo che la sicurezza stradale sia molto importante e l’esperienza dimostra che i cosiddetti sistemi avanzati di assistenza alla guida contribuiscono a questo”.