QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sciensano indaga su casi sospetti di epatite in bambini fino a sette mesi di età

© BELGA

Sciensano torna il 1 ottobre per indagare sui casi sospetti della forma sconosciuta di epatite acuta nei bambini. Questo dice Stephen Van Gucht, virologo presso l’Istituto di Salute.

fonteBELGA

In Belgio ci sono ora due casi confermati. Si tratta di due bambini di età inferiore ai dieci anni che sono stati ricoverati in ospedale per un periodo di tempo a causa di un’epatite. Non c’è alcuna connessione tra i due.

Van Gucht prevede che il numero di casi confermati aumenterà la prossima settimana. Il virologo afferma che le indagini sono attualmente in corso su un “numero” di potenziali casi. Si tratta di bambini fino a 16 anni di età con epatite acuta per i quali non è stata trovata una causa, ma per i quali devono ancora essere eseguite ulteriori analisi.

Sciensano lavora anche in modo retrospettivo. L’istituto sanitario esaminerà i casi dal 1 ottobre. “Questo include problemi abbastanza vecchi”, afferma Van Guchte.

Pertanto, si verificano infezioni acute della vita per le quali da tempo non è stata trovata una causa. “Questo di per sé non è una novità”, ha detto il virologo. Ciò che ha fatto scattare il campanello d’allarme è che alcuni paesi hanno registrato più casi in un periodo di tempo più breve del previsto. Sembrava ancora più raro di prima”.

In tutta l’Unione Europea, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha segnalato giovedì 55 casi confermati di epatite acuta di origine sconosciuta in bambini in 12 paesi. Nel Regno Unito, il contatore la scorsa settimana si è attestato a 166.

Al momento non vi è alcuna spiegazione per la rivolta. Come possibile agente eziologico, l’attenzione si concentra principalmente sugli adenovirus. “Sono ovunque”, dice Van Gucht. Spesso questi possono portare all’epatite. Potrebbe dipendere, ad esempio, da cofattori genetici o di altro tipo”.

Entrambi i casi confermati in Belgio sono già risultati positivi agli adenovirus.

READ  Suggerimento: inviare l'autoesame alle donne per la ricerca sul cancro cervicale