QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scioglimento dei ghiacciai almeno 7 morti e 18 dispersi in Italia: “probabilmente salirà il bilancio delle vittime”

Le alte temperature nelle Dolomiti italiane hanno causato la rottura di un grosso pezzo di ghiaccio da un ghiacciaio sul Monte Marmolada domenica sera. Decine di alpinisti sono stati sepolti sotto una massa scivolante di neve, ghiaccio e roccia. Almeno sette di loro non sono sopravvissuti, otto sono rimasti feriti e diciotto sono stati dichiarati dispersi lunedì. “Gli sport di montagna stanno diventando più pericolosi a causa del cambiamento climatico”.

“Abbiamo sentito un forte rumore, di solito una frana. Poi abbiamo visto una specie di valanga, rocce e ghiaccio che scendevano ad alta velocità”, ha testimoniato il proprietario di un rifugio alpino che si affaccia sul sentiero per Punta Rocca. Era la vetta della Marmellata nelle Dolomiti italiane dove domenica sono cadute le vittime. Con cime a 3.342 metri, la Marmolada è la montagna più alta delle Dolomiti e una meta ambita dagli scalatori.

Lunedì è stato recuperato un altro cadavere. Per questo motivo, il bilancio delle vittime della valanga è salito a 7. Quattro di loro sono già state individuate: due guide italiane, una veneziana e una ceca. Almeno otto persone sono rimaste ferite, due delle quali in modo grave

I soccorritori temono che il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente. Ai piedi della cresta, dove iniziano le vie di arrampicata, sono state contate sedici auto, il cui proprietario non è stato ancora trovato. “Non sappiamo ancora se le auto appartengano a persone morte o scomparse oa persone estranee all’incidente”, ha detto Maurizio Fugatti, responsabile della Regione Trento.

Secondo l’agenzia di stampa italiana Anza, 18 persone sono ancora disperse. Secondo l’agenzia di stampa, la maggior parte dei dispersi sono italiani, ma ci sono anche rumeni, un francese, un austriaco e un ceco. “Le possibilità che le persone scomparse vengano ritrovate vive dopo diverse ore sono molto basse”, ha affermato Giorgio Cager, capo della squadra di soccorso. “Purtroppo, il bilancio delle vittime probabilmente aumenterà”.

READ  Pagine bianche sul leader dell'opposizione Salvini più venduto in Italia - Libri

I feriti sono stati trasportati in aereo in vari ospedali. Diverse squadre di soccorso, con o senza cani da fiuto, e cinque elicotteri hanno fatto tutto il possibile per localizzare i dispersi e portarli in salvo il più rapidamente possibile. È una corsa contro il tempo per rischiare la vita. Perché la possibilità di altre valanghe è reale. L’effetto delle temperature estremamente elevate sul monte. Domenica è stato registrato un record di 10,3 gradi Celsius.

I maggiori pericoli

Gli effetti delle temperature estreme sono enormi. ‘La roccia, che fino a poco tempo fa era sempre gelata, ora si scioglie quando la temperatura aumenta in montagna. Nel tempo, la roccia si sgretola’, afferma la guida alpina Bart Overlade, che ha 43 anni di esperienza in montagna. ‘Alla fine, intere formazioni rocciose possono cedere. Anche i ghiacciai si stanno sciogliendo e collassando a causa del riscaldamento globale. con il rischio di essere colpiti da un masso o seppelliti sotto una coltre di ghiaccio in scivolata.’ Se non facciamo nulla contro il riscaldamento globale, il 90 per cento di tutti i ghiacciai in Europa scomparirà entro la fine di questo secolo. Alcune delle vie di ghiaccio e di arrampicata sono già scomparse.

Secondo Overlate, la salita sta diventando più dura e tecnica. Consiglia di pianificare le salite all’inizio dell’anno: maggio e giugno invece dell’intera estate e di notte invece del sole cocente.

Imprevedibile

“Gli sport di montagna sono sempre stati uno sport pericoloso, ma a causa del riscaldamento globale sta diventando ogni anno più imprevedibile”, afferma Bruno Vermeeren, direttore della Federazione di arrampicata e sport di montagna. ‘Anche per i visitatori più esperti e assidui nel corso degli anni, queste aree sono in continua evoluzione e imprevedibili. Incontri nuove condizioni ad ogni salita.’

READ  Equilibrio dopo la prima Jiroweek: i 'vecchi' sopravvissuti, l'arrivo del Landismo e la tragedia dell'Italia

‘Un corso base di alpinismo non guasta mai. Chiunque voglia andare in montagna quest’estate senza esperienza – escursionismo o arrampicata – dovrebbe assolutamente essere informato su ciò che è possibile fare in loco. I proprietari dei rifugi, ma l’ufficio turistico e altri alpinisti possono certamente parlarvi delle condizioni.