QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scoperta di anticorpi rivestiti di zucchero che predicono la progressione della malattia

(annuncio)


I nostri anticorpi – essenziali nella lotta contro SARS-CoV-2 – sono ricoperti di zuccheri

All’inizio della pandemia di COVID-19, i ricercatori di 15 dipartimenti del Leiden University Medical Center (LUMC) hanno scoperto che avrebbero potuto fare di più per i pazienti se avessero collaborato. In questo modo, il gruppo BEAT-COVID sta rapidamente acquisendo conoscenze sul COVID-19, sul ruolo del sistema immunitario e – più recentemente – sulla prevedibilità del decorso della malattia.

“I nostri anticorpi, essenziali per combattere la SARS-CoV-2, sono ricoperti di zuccheri. A seconda di come sono ricoperti, gli zuccheri possono cambiare il modo in cui si comportano gli anticorpi. Sulla base del nostro studio, che ha coinvolto 159 pazienti ospedalizzati (che avevano malattia sia lieve che grave) e coloro che hanno ricevuto esami di follow-up dopo la dimissione dall’ospedale), abbiamo scoperto che alcuni modelli di rivestimento possono essere osservati durante le prime fasi dell’infezione e questi riflettono il modo in cui la malattia progredisce “, spiega Tamas Bongrach, dottorando presso il Center for Proteomics and Metabolism (CPM) presso LUMC. I risultati del gruppo di ricerca BEAT-COVID sono stati pubblicati in eBioMedicinacome parte di The Lancet Discovery Science.

alla clinica
“Questa è un’ottima notizia dal punto di vista clinico”, afferma Anna Rockins, MD, internista nella divisione delle malattie infettive presso LUMC. Secondo Roukens, ci sono grandi differenze tra i pazienti che vengono ricoverati nel reparto generale o nell’unità di terapia intensiva (ICU): “Ecco perché dobbiamo sapere chi dovrebbe rimanere in ospedale e chi può essere dimesso in sicurezza per malattia”. Tuttavia, durante tutta la pandemia, l’identificazione delle persone a maggior rischio di esacerbazione della malattia ha posto sfide significative. “Abbiamo visto innumerevoli volte che i giovani che all’inizio sembravano in forma sono finiti improvvisamente in terapia intensiva. Ma ora sappiamo che alcuni zuccheri e modelli di rivestimento agiscono come un ‘marcatore’ che può aiutarci ad anticipare la gravità del COVID-19 e decisioni più sicure sul ricovero.

Dagli stili alle funzioni
“Nonostante la nostra nuova visione dell’aspetto di questi anticorpi nei pazienti ricoverati con vari gradi di malattia, non siamo ancora sicuri di cosa facciano effettivamente durante il corso del COVID-19. Ad esempio, lo studio suggerisce un legame tra i modelli di rivestimento dello zucchero e infiammazione., Ma resta da esplorare il modo in cui contribuiscono ai meccanismi della malattia”, osserva Bongrach. Per affrontare questo problema, il passo successivo del ricercatore consiste nell’esaminare la funzione dell’anticorpo presso il Wistar Institute di Filadelfia. “Una volta scoperto, possiamo vedere se siamo in grado di affrontare la gravità del COVID-19 nei pazienti sottoposti a interventi medici”, conclude Rockins.

Vuoi saperne di più su BEAT-COVID? Guarda Anna Rockins parlare di PEP Youtube


Informazioni aggiuntive…

Consultare la fonte e/o il fornitore per ulteriori informazioni su questa lettera. Le notizie possono cambiare e includere errori o imprecisioni. Leggi anche disclaimer E Rapporto Si prega di inviare messaggi, commenti e/o foto che sono in conflitto con Requisiti

Fai clic sui tag sottostanti per i post correlati, se presenti…

Nome dell’autore e/o editore di: LUMC
Fotografo o agenzia fotografica: INGImages
Fonte di questo articolo:: LUMC
Qual è l’URL di questa risorsa?: https://www.lumc.nl/over-het-lumc/nieuws/2022/Mai/beat-covid-team-ontdekt-antibodies-met-suikerlaagje-die-zaadverloop-voorspelen/
titolo originale: Il team di BEAT-COVID scopre gli anticorpi rivestiti di zucchero che predicono la progressione della malattia
il pubblico di destinazione: Professionisti sanitari e studenti
Data: 03-05-2022

Articoli con tag simili…

READ  Meno focolai di malattie di origine alimentare nel 2020