QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scopri il più grande asteroide potenzialmente pericoloso in otto anni

Voto dell’utente: 5 / 5

Grazie alle osservazioni dell’aurora utilizzando la Dark Energy Camera del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti presso l’Osservatorio interamericano Cerro Tololo in Cile, un programma di NSF NOIRLab, gli astronomi hanno scoperto tre Near-Earth Asteroids (NEA) nascosti nel bagliore del Sole. Queste Terre vicine fanno parte di una popolazione sfuggente che giace nelle orbite della Terra e di Venere. Un asteroide è il più grande oggetto potenzialmente pericoloso scoperto negli ultimi otto anni.

Un team internazionale che utilizza la Dark Energy Camera (DECam) installata sul telescopio da 4 metri Víctor M. Blanco presso l’Osservatorio interamericano Cerro Tololo in Cile, un programma di NSF NOIRLab, ha identificato tre nuovi asteroidi vicini alla Terra (NEA) nascondendosi nel sistema solare interno, la regione all’interno delle orbite della Terra e di Venere. Questa è una famigerata sfida alle osservazioni perché i cacciatori di asteroidi devono fare i conti con il bagliore del sole.

Tuttavia, sfruttando condizioni di osservazione dell’aurora brevi ma favorevoli, gli astronomi hanno trovato un trio sfuggente di NEA. Uno di questi è un asteroide largo 1,5 chilometri chiamato 2022 AP7, che ha un’orbita che potrebbe un giorno metterlo sulla traiettoria della Terra. Altri asteroidi, chiamati 2021 LJ4 e 2021 PH27, hanno orbite che rimangono al sicuro all’interno dell’orbita terrestre. 2021 PH27, che riceve anche un’attenzione speciale da astronomi e astrofisici, è l’asteroide più vicino al Sole. In quanto tale, ha i maggiori effetti della relatività generale [1] Di tutti gli oggetti nel nostro sistema solare, durante la sua orbita, la sua superficie diventa abbastanza calda da fondere il piombo.

READ  Xbox Studio Rare "Molto soddisfatto" dell'arrivo di Banjo-Kazooie su Switch

“La nostra indagine sull’aurora scansiona la regione all’interno delle orbite della Terra e di Venere alla ricerca di asteroidi”, ha affermato Scott Sheppard, astronomo dell’Earth and Planetary Laboratory presso la Carnegie Institution for Science e autore principale dell’articolo che descrive questo lavoro. “Finora abbiamo trovato due grandi asteroidi con un diametro di circa un chilometro, una dimensione che chiamiamo killer planetari”.

“Probabilmente sono rimasti solo pochi nuovi pianeti di dimensioni simili, e questi grandi asteroidi sconosciuti avranno probabilmente orbite che li manterranno all’interno delle orbite della Terra e di Venere per la maggior parte del tempo”, ha detto Sheppard. “Finora sono stati scoperti solo circa 25 asteroidi con orbite all’interno dell’intera orbita terrestre perché sono difficili da osservare vicino al bagliore del sole”.

Trovare asteroidi nel sistema solare interno è una formidabile sfida osservativa. Gli astronomi hanno due brevi finestre di 10 minuti ogni notte per scansionare quest’area e devono fare i conti con lo sfondo del cielo limpido causato dal bagliore del sole. Inoltre, queste osservazioni sono molto vicine all’orizzonte, il che significa che gli astronomi devono vedere attraverso uno spesso strato di atmosfera terrestre, che può offuscare e distorcere le loro osservazioni. [2]

La scoperta di questi tre nuovi asteroidi nonostante queste sfide è resa possibile grazie alle capacità di osservazione uniche di DECam. Lo strumento avanzato è uno degli imager CCD a campo largo con le migliori prestazioni al mondo, consentendo agli astronomi di catturare vaste aree del cielo con grande sensibilità. Gli astronomi chiamano le osservazioni “profonde” quando raccolgono oggetti deboli. Quando si cercano asteroidi nell’orbita terrestre, è indispensabile la capacità di effettuare osservazioni a campo profondo e ampio. DECam è finanziato dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE) e costruito e testato presso il Fermilab.

READ  I giocatori di PlayStation 5 e PS4 giocano online gratuitamente questo fine settimana

“Sono necessari cieli grandi perché gli asteroidi interni sono rari e sono necessarie immagini profonde perché gli asteroidi sono deboli e devi combattere contro cieli crepuscolari limpidi vicino al sole e l’effetto distorsivo dell’atmosfera terrestre”, ha detto Sheppard. “DECam può coprire vaste aree del cielo a profondità non raggiungibili con telescopi più piccoli, permettendoci di andare più in profondità, coprire più cielo ed esplorare l’interno del sistema solare in un modo che non è mai stato fatto prima”.

Questa ricerca non solo scopre asteroidi che potrebbero rappresentare una minaccia per la Terra, ma è anche un passo importante verso una migliore comprensione della distribuzione di piccoli oggetti nel nostro sistema solare. È più facile rilevare asteroidi più lontani dal sole rispetto alla Terra. Pertanto, questi asteroidi distanti dominano gli attuali modelli teorici del gruppo di asteroidi. [3] La scoperta di questi oggetti aiuterà anche gli astronomi a capire come gli asteroidi viaggiano attraverso il sistema solare interno e come le interazioni della gravità e del calore del sole possono contribuire alla sua frammentazione.

“La nostra indagine DECam è una delle ricerche più grandi e sensibili mai effettuate per oggetti nell’orbita terrestre e vicino all’orbita di Venere”, ha detto Sheppard. “Questa è un’opportunità unica per comprendere i tipi di corpi in agguato nel sistema solare interno”. “Dopo un decennio di straordinario servizio, DECam continua a fare importanti scoperte scientifiche contribuendo nel contempo alla difesa del pianeta, un servizio importante che avvantaggia tutta l’umanità”, ha affermato Chris Davis, Direttore del programma NSF per NOIRLab.

DECam è stato originariamente progettato per il Dark Energy Survey, condotto tra il 2013 e il 2019 dal Dipartimento dell’Energia e dalla US National Science Foundation.

READ  Elec: le seguenti varianti pro su iPhone hanno un foro per la fotocamera invece di una tacca - Tablet e telefoni - Notizie

Commenti

[1] La teoria della relatività generale di Einstein spiega come gli oggetti massicci distorcono il tessuto dello spazio-tempo e come questo influenzi il movimento degli oggetti nell’universo. Nel nostro sistema solare, questo effetto può essere misurato direttamente, ad esempio, dal ciclo orbitale di Mercurio, che non può essere spiegato con precisione dalla sola fisica newtoniana.

[2] Osservare verso il sistema solare interno è impegnativo per i telescopi terrestri e impossibile per i telescopi spaziali ottici/infrarossi come i telescopi Hubble e JWST della NASA. La luce intensa e il calore del sole scalderanno l’elettronica sensibile. Pertanto, sia Hubble che JSWT sono stati a lungo più lontani dal Sole.

[3] Gli asteroidi Atria – conosciuti anche con il termine hawaiano di asteroidi Apohele – sono il più piccolo gruppo di asteroidi vicino alla Terra. Le loro orbite hanno un afelio (il punto più lontano dal sole) che è più piccolo del perielio (il punto più vicino al sole).

fonte: NOIRLab