QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Se aderiscono all’UE, destabilizzeranno il quadro di bilancio dell’UE’

Il tema principale all’ordine del giorno del vertice europeo è in pieno svolgimento: l’Ucraina e la piccola Moldova possono candidarsi all’adesione all’UE? Nel frattempo, la risposta è diventata un sonoro “sì”.

Questo non sorprende il professore di politica europea Hendrik Voss (UGent). “La politica, anche a livello europeo, è pura emozione”, dice. “C’è una grande ondata di simpatia per l’Ucraina, che in questa guerra I bravi ragazzi essere. Vogliamo aiutarli e sostenerli in ogni modo possibile. Se poi quel paese chiede di poter entrare nell’Unione Europea, è difficile classificare la questione in verticale. Altrimenti rischi di essere visto come un cattivo”.

Una foto di gruppo dei leader dell’Unione Europea e dei Balcani occidentali al vertice di Bruxelles, dove non si tratta solo di questi ultimi, ma anche di Ucraina e Moldova.foto AFP

L’Ucraina è pronta per entrare? La corruzione è ancora diffusa, solo per citarne alcuni.

“Esatto. Nell’indice di corruzione di Transparency International, l’Ucraina si è classificata al 122esimo posto prima della guerra, tra una manciata di paesi tristi. Né l’Ucraina ha un buon punteggio nell’area della libertà di stampa. In circostanze normali potresti dire: un paese del genere non può diventa un paese candidato Questo deve prima dimostrare che il suo sistema è ben organizzato.

“Ora tutto questo è stato spazzato via un po’ sotto il tappeto. Queste cose ovviamente contano ancora, ma l’UE vuole inviare un segnale all’Ucraina che pensa che il paese lo risolverà”.

Quando vedete l’Ucraina diventare finalmente un membro a pieno titolo dell’Unione Europea?

“È difficile stabilire un lasso di tempo per questo. Non sarà comunque in nessuno degli anni seguenti. Anche se solo questa guerra dovesse finire prima. L’UE di certo non importerebbe la guerra”.

Anche l’Ucraina dovrà adottare regole europee. Parliamo di questioni come la sicurezza alimentare, la protezione dei consumatori, l’ambiente, il benessere degli animali e i piani climatici. È un lavoro enorme, ma se il Paese mostra davvero la volontà e l’ambizione politica, molto può cambiare in un tempo relativamente breve. Darà anche denaro all’Unione europea per aiutarla a farlo. Guarda i paesi dell’Europa centrale e orientale che hanno aderito in precedenza. Fino al 1989 avevano un sistema economico, politico e sociale completamente diverso, ma sono anche riusciti a cambiare in modo così completo in un buon periodo di dieci anni, che potevano essere combinati.

“Se l’Ucraina lo vuole davvero, è molto difficile per l’Unione europea dire: ‘Non lo faremo’. La piena adesione sarà per la prossima generazione”.

Professor Hendrik Voss.  Statua di Thomas Swertweiger

Professor Hendrik Voss.Statua di Thomas Swertweiger

Cosa significa questa adesione per la stessa Unione Europea? L’Ucraina è un grande paese con una popolazione di 44 milioni di persone.

“A dire il vero. Basti pensare alle sovvenzioni agricole. L’Ucraina è un paese agricolo per eccellenza, il che ribalterà il quadro di bilancio dell’Unione. L’Ucraina potrà anche fare soldi ingenti per aiutare le regioni svantaggiate, che è una voce importante della spesa dell’Unione. Ciò potrebbe avere conseguenze disastrose per l’equilibrio di bilancio all’interno dell’Unione europea.

Poi c’è il dominio del potere. Le priorità dell’UE si sposteranno più a est. E dove paesi come Francia, Germania, Paesi Bassi e Belgio hanno formato il loro nucleo, ora saremo in disparte. Quindi in qualche modo stiamo andando in un’UE diversa da quella che sappiamo finora”.

Facciamo un passo un po’ sconsiderato basato sull’emozione e sulla compassione?

Questo è spesso il caso in politica. Ciò che conta è che ci siano abbastanza diplomatici e politici sobri in background che guardano i mobili da preservare e proteggere. Per questo ci saranno condizioni associate all’adesione.

“Sarà importante consolidare la base su cui poggia l’Unione, in modo che non possa più essere smantellata. La base è composta da due parti. Innanzitutto i nostri valori fondamentali: l’Unione europea si basa su un sistema non autoritario di governo dove ci organizziamo democraticamente, con dibattito e rispetto per la diversità. Questo Qualcosa è già sotto pressione da Polonia e Ungheria. Quindi dobbiamo costruire abbastanza “meccanismi” qui per impedirne il deragliamento. E in secondo luogo, abbiamo un mercato libero che è regolamentato e tutela i consumatori”.

Ci sono ancora paesi nella sala d’attesa dell’UE, e alcuni da tempo. Cosa dovremmo fare con quello?

Stiamo parlando dei paesi dei Balcani occidentali, come la Serbia, la Bosnia ed Erzegovina e l’Albania. Tutto quello che possiamo fare è eliminare anche questi join e inserirli. Sarà difficile aggirare quei paesi. È tempo per quello. Abbiamo pensato a lungo che un ulteriore allargamento del sindacato non fosse un buon piano. Ma ora vediamo che se un paese non prende sul serio questo processo, non dovresti sorprenderti se i russi oi cinesi lo usano per rafforzare la loro influenza. La domanda allora è se tu, come paese dell’UE, non sei lontano dal tuo paese d’origine. Questa consapevolezza accresce il desiderio di espandersi”.

READ  Le associazioni femminili europee chiedono le dimissioni di Charles Michi ...