QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Se hai vaghe lamentele, faresti meglio a farti controllare

Ulteriore ibridazione incrociata nel modello in vitro: questo è tutto ciò che serve per identificare la celiachia cronica nel sangue, afferma Catherine Wellens, una dietista specializzata nella malattia. Tuttavia, molti casi rimangono sotto il radar.

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse per la malattia autoimmune celiachia (“koilia” è una parola greca che significa “pancia”), nota anche come intolleranza al glutine. I supermercati offrono sempre più prodotti gluten free, i ristoranti puntano sugli ingredienti gluten free e oggigiorno non si tratta più di cercare un ricettario senza glutine.

Questa è una buona notizia per i pazienti con questa malattia cronica. Il consumo di glutine, una proteina presente in vari cereali come pane e pasta, provoca un’infiammazione della mucosa intestinale. Di conseguenza, i nutrienti non possono più essere assorbiti correttamente.

La celiachia è considerata meno rara di quanto si pensasse inizialmente. Il numero dei casi è in aumento. “In Belgio, questo riguarda da 1 persona su 100 a 1 su 200 con intolleranza al glutine”, afferma Catherine Willens, dietista registrata presso Char, che lavora presso UZA.

I pazienti che sono molto sensibili al glutine e quindi hanno evidenti lamentele sono solo la punta dell’iceberg

È difficile stabilire se ci siano casi più efficaci rispetto al passato o se vi sia un maggiore interesse a rilevare la malattia più rapidamente. Tuttavia, a migliaia di persone celiache non è stata ancora diagnosticata. Wellins ritiene che “i pazienti molto sensibili al glutine e che hanno evidenti lamentele siano solo la punta dell’iceberg”.

Quali sono le cause della sottodiagnosi della celiachia?

WellinI potenziali disturbi sono molto diversi, rendendo la malattia difficile da rilevare. La celiachia veniva classificata come una malattia infantile con il classico quadro clinico di un bambino con flatulenza e disturbi come diarrea e malassorbimento di alcuni nutrienti. Nel corso degli anni, abbiamo dovuto modificare un po’ questa malattia. I sintomi odierni possono anche essere: costipazione, estrema stanchezza, carenza di ferro, anomalie dentali, ulcere della bocca, screpolature dolorose agli angoli della bocca, gonfiore, scarsa crescita nei bambini, perdita di peso o aumento troppo poco, pelle pallida e capelli spenti. Spesso un medico pensa di non avere subito la celiachia e le persone che soffrono di stitichezza o flatulenza continuano a camminare con i loro disturbi per anni. A volte non lo ottengono fino all’età di 70 anniH Diagnosticato o addirittura mai.

READ  Lo studio ha scoperto che la variante delta potrebbe raddoppiare il rischio di ricoveri ospedalieri per le persone non vaccinate

Quali sono le conseguenze di non curare la celiachia?

Wellin: In caso di celiachia non diagnosticata, i disturbi peggiorano o si sviluppa una carenza di ferro, vitamina B12, acido folico o, a lungo termine, si sviluppa l’osteoporosi. A volte un aborto spontaneo da carenza di ferro è dovuto alla celiachia. Nei bambini osserviamo una crescita obliqua. Tuttavia, la diagnosi è molto semplice utilizzando un campione di sangue che misura gli anticorpi contro il glutine. Si tratta solo di inserire due croci aggiuntive sul modello di laboratorio del prelievo di sangue. È importante che tu abbia mangiato glutine al momento dell’analisi del sangue.

Possiamo attribuire la celiachia a una dieta unilaterale o a una dieta manipolata artificialmente?

WellinÈ vero che la celiachia è una malattia dei ricchi, ma non ci sono prove scientifiche che il cibo industriale abbia un ruolo. Ciò che è notevole è che la malattia è più comune in paesi come l’Italia, ad esempio, dove si serve più pasta e quindi si mangia più glutine. Ma non esiste un unico creatore. Diversi elementi e la loro reciproca interazione dovrebbero svolgere un ruolo. Ad esempio, vengono presi in considerazione anche alcuni virus e stress. Ma sono necessarie ulteriori ricerche su questo. Uno dei motivi che è chiaramente identificato è una predisposizione genetica. Anche se questo non significa che la presenza di determinati geni causi la malattia senza ulteriori indugi.

I potenziali sintomi della celiachia variano notevolmente, rendendo difficile l’individuazione della malattia.

L’unico trattamento possibile per la celiachia è seguire una dieta priva di glutine. Quanto è salutare una tale dieta?

WellinPer la celiachia non c’è tolleranza assoluta alla dieta senza glutine. Ciò ha un impatto significativo sul paziente e sulla famiglia. Per questo è così importante seguire una dieta variata e sostituire saggiamente gli alimenti contenenti glutine. Scegliete un pane senza glutine e ricco di fibre, mangiate molta frutta e verdura e aggiungete noci e semi alla vostra dieta. In passato, ai prodotti senza glutine venivano aggiunti molti zuccheri e grassi per compensare la perdita di glutine, mettendo i pazienti a rischio di aumento di peso. Al giorno d’oggi, si fa un grande sforzo per fare il pane non solo gustoso, ma anche sano. Ma proprio come con il cibo normale, anche i biscotti senza glutine contengono grassi e zucchero. Quindi non mangiarne troppo.

READ  "Se sospetti il ​​vaiolo delle scimmie, vai al pronto soccorso, non dal dottore." | vaiolo delle scimmie

Negli ultimi anni è emersa anche la diagnosi di “sensibilità al glutine non celiaca”. Condizioni reali o piuttosto rumore?

WellinLa sensibilità al glutine non è solo propaganda, è una diagnosi di esclusioneQuando escludiamo la celiachia o l’allergia al frumento, assumiamo la sensibilità al glutine. Ciò riguarderebbe dalla metà al 13% delle persone con sensibilità al glutine. Questi pazienti spesso si sentono meglio quando eliminano il glutine, ma la domanda è se sia a causa del glutine o di altre sostanze presenti nel grano che potrebbero essere il colpevole? Ad esempio, il grano contiene anche fruttani che causano molti problemi alle persone con sindrome dell’intestino irritabile. Insomma, la causa della sensibilità al glutine resta un grosso punto interrogativo.

Molte persone che hanno una malattia celiaca non provata mangiano cibi senza glutine perché vogliono perdere peso. buona idea?

Wellin: Ovviamente perderai peso se lasci intatti pane, pasta e cracker, ma se sostituisci quei prodotti con alternative senza glutine, non farà molta differenza per il tuo peso. Ridurrà solo le dimensioni del tuo portafoglio.

Per aiutarti nel tuo percorso verso una possibile diagnosi di celiachia, Schär ha creato un autotest che può effettivamente dare la prima indicazione: https://www.schaer.com/nl-be/help-center/symptom-test

Segui Catherine Willens su Instagram: https://www.instagram.com/simplyglutenfree_katrien/