QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Se Mario Draghi diventa presidente, l’Italia potrebbe essere in difficoltà

Chi elegge il presidente?

Possono votare i membri del Parlamento (951 senatori e rappresentanti) e 58 rappresentanti regionali. Un totale di 1.009 voti elettorali saranno espressi alla Camera dei Rappresentanti questo pomeriggio. Si verifica uno per uno durante un rituale che richiede tempo prima dell’infezione.

Non esiste un elenco di candidati, quindi gli elettori scrivono semplicemente il loro nome preferito su una nota vuota, che chiamano “spilla da insalata”. Ogni turno di votazioni dura almeno alcune ore, dopodiché il Presidente del Parlamento prende le note anonime dal piatto e le legge.

Nei primi tre turni è richiesta una maggioranza di due terzi, ma i 673 voti richiesti non sembrano probabili per nessun candidato. Forse per questo è solo giovedì, quando arriva la quarta giornata e il turno, che ci sarà una vera tensione: da lì in poi basterà più della metà dei voti (505).

Ma le elezioni potrebbero richiedere molto tempo. Non è detto che un successore venga annunciato il 4 febbraio, quando scade ufficialmente il mandato del presidente Sergio Mattarella. In tal caso, il suo mandato è prorogato fino all’elezione di un nuovo presidente.

Chi ha le carte migliori?

Ufficialmente, qualsiasi italiano di età superiore ai 50 anni che gode dei diritti civili può essere presidente. A volte dall’insalatiera compaiono i nomi più strani: attori, personaggi dei cartoni animati, ex calciatori.

C’è poca certezza in quanto i parlamentari non sempre aderiscono alla disciplina di partito nel voto anonimo. Inoltre, il Parlamento ha 94 membri “fluttuanti”, il cui comportamento di voto è estremamente imprevedibile a causa della mancanza di affiliazione al partito.

Tuttavia, da settimane un nome è stato prominente tra i bookmaker: Mario Draghi. Il presidente del Consiglio ha l’appoggio del Partito Democratico di centrosinistra e parte del Movimento Cinque Stelle. Il leader del partito ed ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte si oppone perché teme per la sopravvivenza della coalizione.

Lo stesso Draghi non ha rilasciato dichiarazioni esplicite sulle sue ambizioni presidenziali. Ha già lasciato intendere che il governo può andare avanti senza di lui, ora che ha ricevuto miliardi dal Fondo Corona per l’Italia.

Anche l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi desiderava da tempo essere presidente, ma sabato sera ha annunciato le sue dimissioni su pressione dei colleghi di destra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Lo stesso ex primo ministro ha affermato di avere abbastanza sostegno, ma si è dimesso dalla “responsabilità nazionale”. Berlusconi ha aggiunto che non sostiene Draghi come presidente perché vuole mantenerlo come primo ministro.

Subito dopo le dimissioni di Berlusconi, un altro nome ha cominciato a cantare a squarciagola nella macchina dei media: Pier Fernando Cassini. L’ex leader della Democrazia Cristiana ha sostenuto il primo governo di Berlusconi nel 1994. Più tardi nella sua carriera si è spostato verso il centro politico e oggi appartiene a un partito scissionista centrista. Il politico veterano ora sembra essere il principale rivale di Mario Draghi.

Cosa accadrà se Draghi diventa presidente?

Se Draghi rinuncia alla carica di primo ministro, il governo di unità nazionale che ha formato potrebbe essere in pericolo. Lo stesso presidente del Consiglio può pensare che il governo possa continuare sotto un altro leader, ma la realtà è più complicata. Nell’ultimo anno, Draghi è servito più di una volta come fattore unificante in una coalizione di governo eterogenea e frammentata che include tutti i partiti tranne Fratelli d’Italia di estrema destra.

Ecco perché questa volta l’Unione Europea attende con impazienza le elezioni presidenziali italiane. Se Draghi dovesse lasciare il governo, sarebbe segnato dal dissenso e da una campagna anticipata per le elezioni parlamentari del 2023.

La partenza di Draghi molto probabilmente non porterà a una votazione anticipata perché la maggioranza del parlamento non è interessata a questo. Per ragioni elettorali, ma anche per interessi personali.

Alle prossime elezioni si ridurrà drasticamente la dimensione dei vertici del parlamento italiano, tanto che buona parte dei politici non tornerà di certo ai suoi comodi seggi. Se durano almeno fino al 5 settembre 2022, hanno diritto a una pensione parlamentare, quindi è molto importante per loro evitare lo scioglimento anticipato. Dopo l’estate, la campagna partirà e non vale più la pena portarla avanti.

L’epidemia colpirà ancora questa grande folla?

Se i sondaggi iniziano oggi, circa 40 voti elettorali risulteranno positivi in ​​quarantena. Viene loro concessa un’eccezione: possono recarsi in aeroporto con il proprio mezzo di trasporto Paga Vai fuori dal Parlamento per votare lì.

L’eccezione non si applica ad alcuni voti elettorali non vaccinati di Sicilia e Sardegna. Non possono prendere una barca o un aereo per Roma senza un certificato di vaccinazione, quindi è probabile che il loro voto vada perso nonostante le critiche dei costituzionalisti.

READ  Il regista premio Oscar Paul Hawkis è stato arrestato in Italia con l'accusa di molestie sessuali