QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Se occuparsene è sempre una decisione congiunta”.

“Se occuparsene è sempre una decisione congiunta”.

Il trattamento laser nei bambini, come negli adulti, è il trattamento appropriato per una serie di condizioni. Poiché il trattamento laser è spesso doloroso, è possibile un trattamento ambulatoriale Porta a un’esperienza traumatica per un bambino piccolo. Per la dermatologa Claire van Eijsden, questo è un motivo per consigliare l’anestesia generale. Tuttavia, questo è sempre preceduto da un intenso processo decisionale condiviso con il paziente ei genitori.

Come per gli adulti, le indicazioni per la terapia laser possono essere suddivise in disturbi vascolari e del pigmento, tumori benigni e alcune condizioni rare. Nei bambini, il puntatore laser è più spesso congenito e sintomatico. Laddove un adulto è presente all’ora della consultazione e può sottoporsi immediatamente a un trattamento sperimentale, van Eijsden si occupa prima di tutto di un giovane paziente e dei genitori, dice. Poi guardo le opzioni di trattamento, ma c’è sempre molto da discutere con il paziente e i genitori. Ad esempio, le lussazioni sono spesso visibili, come le macchie di vino porto, ma non tutti i bambini ne soffrono. I genitori possono anche reagire in modo molto diverso a questo. Per alcuni si calcola che abbiano paura che un bambino sia vittima di bullismo; Quindi vogliono iniziare il trattamento in anticipo. Altri genitori preferiscono aspettare che il bambino sia abbastanza grande da decidere da solo”.

Assistenza senza traumi

L’età del bambino è importante anche per un altro motivo. Svolge un ruolo importante nel determinare il metodo di sollievo dal dolore. Il trattamento laser è spesso doloroso e può portare a un’esperienza traumatica nei bambini piccoli in regime ambulatoriale. Pertanto, l’anestesia generale è preferita per van Eggesden e colleghi. Van Eggesden: “Sappiamo per esperienza che i bambini che sono stati trattati altrove con la terapia laser in regime ambulatoriale a volte sviluppano una tale paura da non poter essere visitati successivamente dai medici. Oltre a prevenire tale trauma al bambino, è quindi importante continuare a fornire una buona assistenza.” La domanda di follow-up è se sia meglio aspettare che il bambino sia un po’ più grande e poi essere trattato in regime ambulatoriale. Anche la cura senza traumi è essenziale perché i trattamenti laser devono essere ripetuti molte volte spesso. Van Eggesden: “Puntiamo anche a un’assistenza ambulatoriale senza traumi. Attraverso parole positive e rassicuranti, ma anche, ad esempio, attraverso la distrazione con musica o video e la presenza di un genitore durante il trattamento”.

READ  Sii molto vigile con i disturbi gastrointestinali negli autistici

Anestesia generale

Dopo la sua formazione medica presso l’UMC di Amsterdam, van Eijsden ha lavorato per due anni e mezzo in una clinica specializzata in terapia con luce e laser. Poi ho iniziato a formarmi come dermatologo all’Erasmus MC. Anche la terapia laser ha avuto il suo vivo interesse qui. Il trattamento laser pediatrico in anestesia generale è disponibile nei Paesi Bassi presso Erasmus MC e Amsterdam UMC. Entrambi gli ospedali dispongono di sale operatorie attrezzate per il trattamento laser. Laser a colorante pulsato per malattie vascolari da anidride carbonica2Laser per applicazioni ablative. A proposito, non è organizzato di giorno in giorno. Van Eijsden: “Ci è voluto molto tempo prima di allestire la sala operatoria per i laser. Devi sistemare le cose più piccole, anche se si tratta di un diverso tipo di presa”.

Impatto sulla famiglia

Ho conosciuto la dermatologia pediatrica nel secondo anno di formazione. Il fatto che come dermatologa pediatrica tu abbia a che fare non solo con un paziente più giovane, ma anche con i genitori, rende questa professione stimolante ed entusiasmante per lei. Le malattie del paziente possono avere un impatto significativo sulla famiglia. La professione di dermatologo pediatrico è una professione notevole che richiede il processo decisionale congiunto (SDM). “Io solo non decido se trattare. È sempre una decisione congiunta tra me e i genitori o il paziente”. Spesso rimandi una decisione per un po’ in modo che le persone possano pensare alle possibilità. “Il mio obiettivo è sempre quello di fare le scelte giuste per questo paziente e per i genitori, senza traumatizzare il bambino”.

Clinica pediatrica Sturge-Weber

La maggior parte dei trattamenti laser nei bambini riguarda anomalie vascolari capillari (flamus nevi), colloquialmente note come macchie di vino, soprattutto sul viso. Questo a volte è associato alla sindrome di Sturge Weber. Altri sintomi di Sturge-Weber includono aumento della pressione oculare e anomalie neurologiche nel cervello. Quasi tutti i bambini con la sindrome di Sturge-Weber sviluppano l’epilessia. Circa il 75% dei bambini ha il primo attacco nel primo anno di vita. Ogni mese c’è un’ora di consulenza privata all’Erasmus MC per i bambini con la sindrome di Sturge-Weber. La dermatologa Claire van Eijsden è una delle dottoresse di questa ora di consultazione multidisciplinare, che sta conducendo con la neurologa pediatrica Suzanne Kodij e le pediatre Karen Bendels de Heus e Margrethe van der Lugt. I bambini di tutto il paese vengono in clinica.