QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sebastian, 39 anni, ci racconta come ci si sente ad avere il vaiolo delle scimmie: “Due settimane all’inferno”

I festeggiamenti del Pride sono iniziati a New York il 24 giugno. Cohn era consapevole del potenziale problema del vaiolo delle scimmie e ha provato la vaccinazione, ma non ha funzionato.

“Ho fatto sesso con diversi uomini durante il fine settimana. Una settimana dopo, il 1 luglio, ho iniziato a sentirmi molto stanco. Avevo la febbre alta con brividi e dolori muscolari, e i miei linfonodi erano così gonfi che sporgevano di due centimetri dalla mia gola, come dice. “Prima ho fatto un autotest per il Covid: negativo. Poi ho iniziato a sospettare del vaiolo delle scimmie. Ho scritto a un amico: ‘Sto solo seduto qui ad aspettare che compaia l’eruzione cutanea.'” “All’inizio era così pungente e pruriginoso. A questo punto non avevo paura. Mi è stato detto che sarebbe stato mite, ed ero una persona sana e non avevo condizioni di base. Ma non avevo idea di quanto fosse grave. “

Leggi anche. L’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara emergenza per il virus del vaiolo delle scimmie, Van Ranst: “Questo è pericoloso, ma di calibro diverso da Corona”

Pochi giorni dopo, ha riportato ferite lievi su tutto il corpo. “All’inizio sembravano punture di zanzara, ma si sono sviluppate in vesciche perforate che alla fine sono scoppiate, lasciando squame e una cicatrice. Erano sulla mia testa, sul mio viso, sulle mie braccia, sulle mie gambe, sui miei piedi, sulle mie mani, sul mio busto, la mia schiena e cinque solo sul gomito destro. Al culmine ne avevo più di cinquanta. L’uomo aveva anche febbre, orticaria e dolore in molti punti. Pochi giorni fa, è stato testato in ospedale per il vaiolo delle scimmie e le malattie sessualmente trasmissibili. Ben presto ottenne un risultato positivo per la gonorrea, ma i risultati del test del vaiolo delle scimmie non furono imminenti.

READ  Quante calorie puoi mangiare di più quando sei incinta?

(Leggi di più sotto il tweet)

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

“urlato”

Cohn descrive come non riusciva a dormire la notte a causa del dolore e del prurito. Era solo e frustrato dalla situazione. Ha detto che le piccole lesioni dentro e intorno all’ano si erano trasformate in ferite aperte e il dolore era atroce. “Ho letteralmente urlato quando sono andato in bagno. Anche mantenere pulita l’area, come lavarmi, è stato molto doloroso”. Anche la sua gola ha cominciato a gonfiarsi, costringendolo ad andare al pronto soccorso e a ricevere antibiotici.

Alla fine gli è stato detto che aveva il virus del vaiolo delle scimmie. Ma si è scoperto che ottenere medicine era quasi impossibile. È stato inviato da un posto all’altro senza alcun risultato. Alla fine fu accettato per un trattamento sperimentale. Si è rivelato essere un successo. Le vesciche si sono seccate e può andare di nuovo in bagno senza dolore. Ma Cohn rimane in isolamento. “Non posso dirti quanto sono stanco del mio appartamento”, dice.

Ma l’uomo avverte anche. “Temo che questa potrebbe essere un’altra malattia endemica, soprattutto tra i gay, se non abbiamo già superato quel punto. Temo che rimarremo bloccati per sempre”.

(sgg)