QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sei “Amici di Le Fontainas” riportano in vita l’iconico caffè queer

Sei “Amici di Le Fontainas” riportano in vita l’iconico caffè queer

Uno di loro è il professor Steve Jacobs, che insegna al La Cambre College of Arts: “Vogliamo assolutamente che questo posto sopravviva”, dice. “È stato un luogo importante per le persone LGBT da quando molti ne hanno sentito parlare. Un caffè dove tutti erano i benvenuti e vogliamo continuare così”.

Il vecchio Le Fontainas era un popolare luogo di vita notturna nella comunità LGBTQIA+ di Bruxelles, situato sul Kolenmarkt.

Il gruppo punta a riaprire i battenti alla fine dell’estate. “Ma l’intera faccenda è molto complicata e non posso ancora fornire una data di apertura specifica”, afferma Jacobs. Al bar sono ancora in corso i lavori di restauro. “Il tetto si è rivelato non sufficientemente stabile dal punto di vista strutturale. I servizi igienici erano un vero punto debole del vecchio caffè, che è stato completamente ristrutturato.”

Raccolta di fondi

Per questo motivo i promotori hanno creato anche un sistema di crowdfunding, e sta andando bene. All’inizio di maggio erano stati raccolti solo 800 euro, ma ora hanno raccolto quasi 4.000 euro, ovvero il 39% del loro obiettivo. “Questo è più di quanto mi aspettassi, perché il crowdfunding di un’azienda è un po’ delicato”, risponde Jacobs. “Ma siamo così grati, anche se siamo un po’ sopraffatti, per il sostegno che la comunità LGBT ha da offrire”.

La squadra ha anche una certa esperienza. Tre dei sei promotori avevano già lavorato presso il bar, compreso lo stesso Jacobs. “Ho lavorato lì per sei anni dall’inizio”, dice. Ricordiamo che la prima versione di Le Fontainas è stata inaugurata nel 2001.

Sebbene i promotori si preoccupino principalmente di preservare il luogo, vogliono anche introdurre una serie di innovazioni, come ad esempio “un servizio di caffè migliore che inizi anche prima”, afferma Jacobs. Sta anche pensando di organizzare più eventi, come vetrine di artisti locali e serate con DJ. “Abbiamo intenzione di mettere il nostro bar a disposizione anche delle associazioni che vogliono, ad esempio, offrire proiezioni di film o organizzare un concorso tra pub.”

READ  Riusciremo a festeggiare il Natale nonostante gli alti numeri di Corona? I vaccini funzionano come dovrebbero? Il virologo Stephen van Gucht risponde | interni

Locale, stagionale, sostenibile

Inoltre, è in lavorazione anche un nuovo menu: «Siamo ancora alla ricerca di uno chef, ma sappiamo già cosa vogliamo fare: una cucina con prodotti locali, stagionali e sostenibili».

Gli amici del bar hanno anche avviato un crowdfunding per sostenere l’attività durante il periodo del Corona. Ma il supporto in quel momento si rivelò essere una goccia nel mare. Il caffè è fallito nel dicembre 2023.