QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sei capi di partito fiammingo si scontrano nel dibattito Foca

I capi del partito di CD&V, Open Vld, N-VA, Vlaams Belang, Groen e Vooruit si sono scontrati per la prima volta da secoli durante un dibattito fisico lunedì sera. Questo a volte richiedeva molto lavoro.

Bart de Wever, Tom van Greiken, Joachim Cowens, Ejbert Lachart, Mirem Almachi e Conner Rousseau si incrociano lunedì sera all’Henri Le Beauve Chamber Theatre di Bruxelles-Bozar. Ad eccezione del PVDA, tutti i partiti fiamminghi con rappresentanza in Parlamento erano presenti lunedì sera al dibattito organizzato dall’organizzazione di imprenditori Voka in onore dell’inizio dell’anno politico ed economico.

Ai capi del partito è stato permesso di discutere fisicamente per la prima volta da molto tempo e chiaramente volevano dire qualcosa. Voka ha precedentemente toccato cinque argomenti, ma i sei non sono andati oltre il mercato del lavoro, il clima e l’energia prima che il tempo scada.

formazioni

I boss non avevano in serbo grosse novità sostanziali, anche se Lachart (Open Vld) ha lanciato una proposta per consentire alle persone di firmare un contratto dopo due anni di inattività impegnandole a seguire corsi o formazione. Van Groeten (Vlaams Belang) ha suggerito di esentare le persone con più di 50 anni da questo, il presidente di CD&V Joachim Coens ha sostenuto un “approccio olistico” con molta attenzione alla lavorabilità.

Le persone devono essere in grado di conciliare lavoro e famiglia. È meglio attirare con un vasetto di miele piuttosto che un vasetto di aceto. Miram Al-Massy (Verdi) ha anche sottolineato che le misure di scorta sono importanti per far lavorare le persone e tenerle lì. “Quei genitori che hanno figli disabili e che non prendono gli scuolabus: queste sono le persone che vogliono lavorare, ma non possono”.

READ  Accordo politico sul passaporto europeo Corona

uscita principale

E per quanto riguarda l’energia, presto si è acceso il dibattito sull’eliminazione graduale delle armi nucleari. Bart de Wever, presidente del consiglio di amministrazione di N-VA, ha citato l’attuale ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten (Groen) del 2009 in cui ha affermato che chiudere cinque centrali nucleari nello stesso anno equivale ad “accendere una candela”, ha affermato che N-VA è al governo da anni “ma non ha fatto nulla per preparare un’uscita nucleare”.

Abbiamo scelto la sicurezza dell’approvvigionamento, l’accessibilità e la sostenibilità. Ho un ministro che è stato al lavoro fin dal primo giorno per vedere dal disordine in cui sono caduto come possiamo raggiungere questi tre obiettivi”, suonava acutamente.

2025

Nell’accordo di alleanza, il governo federale si impegna a eliminare gradualmente le armi nucleari nel 2025, ma valuterà comunque la situazione a novembre. In caso di problemi di sicurezza dell’approvvigionamento, le due centrali nucleari più piccole potrebbero in linea di principio restare aperte, anche se l’operatore Inge Elektrabel ha deciso da tempo di annullare ulteriori investimenti per prolungare la vita dei reattori.

Per il presidente di Vooruit Conner Rousseau, è comunque importante monitorare l’accessibilità. Ma ora abbiamo l’energia nucleare e di fatto abbiamo i prezzi dell’energia più alti d’Europa. Quindi non ha senso dire che dobbiamo tenere aperte le centrali nucleari a un costo ragionevole.