QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sembra che il virus del Nilo occidentale sia scomparso dal nostro Paese

Produzioni ANP | Fonte: ANNP

Amsterdam

Alcuni anni fa, nel nostro paese c’è stato un putiferio per il virus del Nilo occidentale, ma in due anni non è stata rilevata alcuna infezione tra i donatori di sangue. Sanquin Blood Supply ora probabilmente smetterà di tenere aggiornato questo virus a partire dal 1 dicembre.

Due anni fa sono state riscontrate alcune infezioni da virus del Nilo occidentale a Utrecht e dintorni, a causa delle punture di zanzare locali. Non era affatto inaspettato. Da anni il virus si sta spostando più a nord. È un virus diffuso da zanzare e uccelli. In meno dell’1% delle persone colpite, l’infezione può portare a gravi disturbi del cervello e del sistema nervoso. Può essere trasmessa anche da donatori di sangue, che non la conoscono.

Ma Sanquin Research ha testato più di 75.000 donazioni provenienti da aree a rischio olandesi nel 2020 e nel 2021 e non ha riscontrato alcuna contaminazione. Solo una volta sembrò che avesse colpito, ma alla fine si rivelò un malinteso. Si è scoperto che si trattava di un’infezione con il virus Yosotho, che è innocuo per l’uomo.

Se il virus del Nilo occidentale appare negli esseri umani in un secondo momento, Sanquin può riutilizzare rapidamente il protocollo di test. Neanche tutto è stato vano. “L’esperienza con le epidemie di virus e l’installazione di nuove apparecchiature di test ci aiuta a prepararci per i virus in futuro”, ha affermato Sanquin.

READ  Perché la scoperta delle grotte in Laos ha un impatto importante sull'acceso dibattito sulle origini del COVID-19