QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sempre più persone sono completamente vaccinate e sempre più sono ricoverate in ospedale, come è possibile?

Torniamo ad agosto 2020: l’anno scorso c’erano circa 300 pazienti contagiati dal virus negli ospedali belgi. Il primo picco delle curve dell’aura era dietro di noi.

Ora, a un anno e due dal picco, i numeri degli ospedali sono di nuovo in forte aumento: ieri c’erano 494 pazienti con il virus in ospedale, 124 dei quali in terapia intensiva. Ma, come dice l’epidemiologo Bowdoin Catrie Al “mattino”, la situazione è ancora favorevole.

È chiaro che la campagna di vaccinazione riuscita nel nostro Paese sta facendo il suo lavoro, mantenendo basso il numero dei decessi. Questa è una grande differenza rispetto allo scorso anno.

le ragioni

Ma perché il numero degli ospedali è così alto in questo momento, anche se quasi l’80% della popolazione adulta è stata vaccinata contro il coronavirus? Si vedono in Sciensano diverse possibili cause.

“Prima di tutto, rispetto allo scorso anno, c’è molta meno mentalità di sopravvivenza”, afferma Bowdwin-Katrie. Poiché restiamo molto meno nella nostra stanza durante questo periodo di vacanza e viaggiamo di nuovo – dentro e fuori dal Belgio – gestiamo più persone e quindi aumenta il rischio di infezione. I nostri contatti sono aumentati anche a causa del relax degli ultimi mesi.

non vaccinato

Sebbene molte persone siano già state vaccinate negli ultimi mesi, Katri afferma che molte non sono state ancora vaccinate, “sicuramente in alcune zone, tra cui Bruxelles”.

Queste persone sono ancora a rischio di ammalarsi gravemente a causa del coronavirus e di finire in ospedale dopo essere state contagiate. Ciò è dimostrato anche dagli ultimi numeri: “Meno del 3% di tutte le persone in ospedale sono completamente vaccinate”, afferma Bowdoin-Cattri. In altre parole: non tutti i pazienti COVID-19 che finiscono in ospedale sono (ancora) stati completamente vaccinati.

Meno del 3% di tutte le persone in ospedale sono completamente vaccinate.

Katrey sottolinea inoltre che molti di coloro che sono stati vaccinati di recente non sono ancora completamente protetti. Questo è particolarmente vero per i giovani. Il ricercatore ritiene che i numeri diminuiranno ulteriormente nel prossimo futuro se i vaccini saranno completamente protetti, anche se resta da vedere cosa porterà l’inizio dell’anno scolastico.

READ  "Molti genitori avranno i propri figli".

Deltavariante

Un ulteriore fattore per i numeri in aumento è la variante delta del coronavirus, che è diventata prevalente negli ultimi tempi. Questa variante del virus è considerata molto più contagiosa delle varianti circolate lo scorso anno. Informazioni recenti indicano che neanche i vaccini fermano bene la diffusione.

“Ma fortunatamente, c’è ancora un’ottima protezione contro il numero di morti e malattie gravi”, rassicura Bowdoin. “Vediamo che le persone ricoverate in ospedale non vengono indirizzate alla terapia intensiva con la stessa rapidità”.

Grande

Mentre un numero relativo di ventenni e trentenni non vaccinati è ancora ricoverato in ospedale, sembra che le persone molto anziane vaccinate da molto tempo non siano ben protette dal coronavirus. Questo è diventato evidente nelle ultime settimane in un centro di assistenza residenziale a Zaventem. Sette residenti sono morti entro due settimane dall’epidemia di virus.

Boudewijn Catry avverte che seguiranno epidemie nelle strutture di assistenza residenziale, perché gli anziani, nonostante la vaccinazione, non producono più anticorpi. L’epidemiologo conclude che questo è qualcosa che dobbiamo accettare fino a un certo livello.

Ascolta la conversazione con Boudewijn Catry su “The Morning” su Radio 1 Select.

Fonte: vrtnws.be e “giorno”