QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Shell lancia un caricabatterie per veicoli elettrici da 1.000 kilowatt

Shell lancia un caricabatterie per veicoli elettrici da 1.000 kilowatt

Il tempo da 0 a 100 per le auto inizia a diventare meno importante del tempo da 10 a 80. Il primo riguarda la velocità di marcia, mentre il secondo riguarda il tempo necessario per caricare la batteria dal 10 all’80%. La Shell compie un passo importante per ridurre questo tempo da 10 a 80. Il nuovo caricabatterie per auto elettriche (illustrazione) della Shell ha una capacità di 1.000 kilowatt. Ce n’è solo uno.

Le auto elettriche non sono ancora pronte a gestire un’esplosione di energia così grande. Ciò è legato alle dimensioni, alla composizione chimica e alla temperatura della batteria, poiché ora può gestire un massimo di 350 kilowatt. Ecco perché il nuovo caricabatterie per veicoli elettrici di Shell è destinato esclusivamente all’uso su camion e imbarcazioni. Il sistema di caricamento è dotato di due bracci di caricamento separati. Uno dei bracci rotanti è destinato alle navi elettriche, mentre l’altro braccio è destinato alla movimentazione di camion e autobus elettrici pesanti.

Il potente caricabatterie utilizza energia verde

Il caricabatterie da megawatt è ancora in fase di test, ma i gestori possono già utilizzarlo. Il caricabatterie non riceve energia da V-Power o da un generatore diesel. L’energia per le stazioni di ricarica Shell proviene da 3.600 pannelli solari. L’azienda petrolifera spera di avviare un cambiamento.

“Non ci sono ancora molti camion e navi elettrici, quindi stiamo investendo in un mercato che sta crescendo rapidamente”, afferma Hilmar van den Doll, che lavora nella divisione veicoli elettrici della Shell. Si spera che presto i marchi automobilistici saranno in grado di gestire la capacità di ricarica di un caricabatterie rapido. La ricarica può essere veloce quanto il rifornimento?

READ  Nonostante i guai, Johnson & Johnson continua a vaccinare: un nuovo record la prossima settimana di 607.000 iniezioni nelle Fiandre interne