QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Si sono dribblati: questi top player hanno saltato anche un torneo importante a causa di disaccordi interni

Si sono dribblati: questi top player hanno saltato anche un torneo importante a causa di disaccordi interni

Potrebbe essere il miglior portiere del mondo e qualche settimana fa vincitore della Champions League con il Real Madrid, ma Thibaut Courtois non sarà presente agli Europei. Non è il primo grande giocatore a saltare un torneo importante a causa di una disputa con la federazione o con l’allenatore della nazionale. Questo non era sempre sbagliato.

Karim Benzema (Francia): Campionato Europeo 2016 e Coppa del Mondo 2018

Attraversiamo il confine con la Francia per il predecessore più recente e forse più famoso di Thibaut Courtois. Nel 2015, Karim Benzema era all’apice della sua vita: al Real Madrid, assumendo la guida quasi ogni settimana e vincendo trofei.

Anche il caso di Mathieu Valbuena. Il compagno di squadra della nazionale di Benzema è stato ricattato con un sex tape, e lo stesso Benzema avrebbe avuto un ruolo discutibile nella questione.

In Francia, Benzema divenne immediatamente persona non grata. Didier Deschamps, pressato o meno dalla Federazione francese, non lo includerà nella selezione per l’Europeo del suo paese. Senza Benzema, la Francia è comunque arrivata in finale, ma ha perso contro il Portogallo.

Karim Benzema non gioca da anni con la nazionale francese a causa di un caso di ricatto legato ad un sex tape.

Eric Cantona (Francia): Campionato Europeo 1996

Karim Benzema non è stato il primo francese a rendersi impossibile con la nazionale. Eric Cantona ha fatto scalpore in Premier League con il Manchester United a metà degli anni ’90.

Ma ovunque vada Cantona, le polemiche non sono mai lontane. Nel 1988 fu espulso dalla Nazionale perché definì l’allenatore della nazionale Henri Michel “un sac de merde” (un sacco di merda).

In vista degli Europei del 1996, l’allenatore della nazionale Aime Jacquet voleva costruire tutta la sua squadra attorno a Cantona, che sarebbe diventato anche il capitano della squadra. Ma nel gennaio 1995, il simpatico francese scattò durante una partita di campionato contro il Crystal Palace. A Cantona è stato mostrato un cartellino rosso e ha preso a calci uno spettatore con un calcio di karate mentre usciva dal campo.

Cantona è scampato per un pelo a una pena detentiva ed è stato sospeso per 8 mesi. In quel periodo perde il posto in Francia a favore di un giovane e promettente centrocampista del Bordeaux… Zinedine Zidane.

READ  In attesa del duello tra Ganna e Küng nella cronometro europea, guardalo qui dalle 17:00 | Campionato europeo di ciclismo 2022

Senza Cantona, la Francia sarà eliminata dalle semifinali degli Europei in Inghilterra ai rigori. In quel torneo, Jacquet gettò le basi per i successivi successi, tra cui il titolo mondiale del 1998.

Cantona

Foto rara: Eric Cantona con la maglia della nazionale francese.

Ruud Gullit (NED): Coppa del Mondo 1994

Pallone d’Oro, due Coppe dei Campioni con il Milan, Campione d’Europa con l’Olanda,… L’elenco dei riconoscimenti di Ruud Gullit, sia individualmente che nel suo club, risale ai tempi in cui i Mondiali del 1994 erano ormai alle porte.

Nonostante Gullit abbia quasi 32 anni, è ancora la grande stella di una squadra che comprende Dennis Bergkamp, ​​​​Ronald Koeman, Frank Rijkaard e i fratelli De Boer.

Ma il carismatico Gullit si scontra con l’allenatore della nazionale Dick Advocaat sulla tattica. Advocaat mantiene uno stile di gioco offensivo, mentre Gullit vuole giocare più difensivamente.

Pochi giorni prima che gli olandesi si recassero negli Stati Uniti, la bomba esplose. Gullit dice ad Advocaat che non andrà. Nella stessa Coppa del Mondo, la squadra olandese non è riuscita a raggiungere i quarti di finale contro i futuri vincitori del Brasile.

Gullit

Ruud Gullit è stato uno dei campioni del Campionato Europeo del 1988, che la nazionale olandese è riuscita a vincere.

Michael Laudrup (Denver): Campionato Europeo 1992

È una storia nota nella storia degli Europei di calcio: poiché la Jugoslavia si ritira a causa della guerra civile, la Danimarca viene frettolosamente richiamata.

Nacque il cosiddetto “Beach Team” (perché molti giocatori si stavano già godendo le vacanze). Sono diventati letteralmente improvvisamente campioni d’Europa.

Tra i giocatori famosi dell’epoca c’erano i nomi di Peter Schmeichel, Fleming Povlsen e dei fratelli Laudrup. Tuttavia, solo Brian Laudrup si recherà in Svezia.

Michael Laudrup, allora pilastro del Barcellona di Johan Cruyff, non se la sentì di interrompere le sue vacanze, anche perché non era d’accordo con l’allenatore della nazionale Richard Müller Nielsen. Un errore di calcolo storico da parte dei due più grandi giocatori di Laudrup.

Laudrup

Michael Laudrup (a destra) in una partita contro i Red Devils.

Gerd Müller (tedesco): Campionato Europeo 1976

Per 40 anni Gerd Müller è stato il capocannoniere di tutti i tempi della nazionale di calcio. “Der Bomber” ha segnato 68 gol in sole 62 partite internazionali, numeri fantastici.

READ  Il Real Madrid presenta la City CL Cup, lettere Hazard: "L'anno prossimo darò tutto!" † Champions League

Il numero dei gol sarebbe stato molto più alto se Muller non si fosse ritirato dalla Germania Ovest nel 1974, quando aveva solo ventotto anni.

Il motivo è tanto doloroso quanto divertente. Dopo il titolo mondiale vinto nel loro Paese, le mogli dei giocatori non sono state invitate al banchetto celebrativo. Molti Bobo possono portare con sé le loro mogli e questo non piace a Müller.

La Germania Ovest, ad esempio, dovrà fare a meno della macchina da gol nei prossimi grandi tornei. La finale sarebbe stata raggiunta agli Europei del 1976 (Panenka decise la finale), e la Coppa del Mondo del 1978 sarebbe stata facile.

Mueller

Le ultime foto di Gerd Muller con la maglia della Nazionale dopo la finale dei Mondiali del 1974.

Roy Keane (irlandese): Coppa del Mondo 2002

Al giorno d’oggi, Roy Keane è noto per le sue analisi difficili, e un quarto di secolo fa quelli erano i suoi contrasti difficili.

Come centrocampista del Manchester United, Keane era abituato a raggiungere il successo, ma in Irlanda ha dovuto guidare la squadra quasi da solo.

Ma è riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo del 2002 con l’Irlanda a spese dell’Olanda. Ma Keane non può accettare il dilettantismo praticato dalla Federcalcio irlandese. In un’intervista mascherata da lettera infuocata ha criticato tutto e tutti, compreso il ct della Nazionale Mick McCarthy.

Kane può fare le valigie immediatamente. Senza il loro fuoriclasse, gli irlandesi se la passerebbero male in Giappone e Corea del Sud. L’Irlanda perde contro la Spagna solo ai rigori negli ottavi di finale.

Ken

Il lavoro incessante di Roy Keane con l’Irlanda.

Johan Cruyff (olandese): Coppa del Mondo 1978

Personalità forti, personalità difficili: questo sembra essere il filo conduttore di questa lista. Possiamo inserire anche Johan Cruyff in questa categoria.

Nel 1974 tenne per mano l’Olanda nel cammino verso la finale della Coppa del Mondo 1974, persa contro la Germania Ovest.

Quattro anni dopo, la vendetta in Argentina? Non è così, perché Cruyff – proprio come Willem van Hanegem – rifiuta di cadere sotto l’influenza del regime dittatoriale del paese ospitante.

READ  Perché spegniamo la radio durante la retromarcia nel parcheggio | Mobilità

Almeno questa era la spiegazione data anni fa. Ma nel 2008, lo stesso Cruyff rivelò il vero motivo della sua perdita. È rimasto traumatizzato da un rapimento nella sua casa di Barcellona poco prima della Coppa del Mondo. “A volte altre cose nella vita sono più importanti del calcio.”

Anche senza Cruyff, la prestazione dell’Olanda non è male, anche se la squadra olandese perde la finale della Coppa del Mondo per la seconda volta consecutiva.

Cruyff

Johan Cruyff, qui in azione ai Mondiali del 1974.

Bernd Schuster (tedesco): Coppa del Mondo 1986

8 anni di Barcellona e 2 anni di Real Madrid: questi sono in poche parole gli anni ’80 di Bernd Schuster. In quel periodo il tedesco era considerato uno dei migliori centrocampisti al mondo, salendo per tre volte sul podio del Pallone d’Oro.

Ma all’età di 24 anni, la sua carriera internazionale era effettivamente finita. Le cose iniziarono bene nel 1980 con il titolo europeo conquistato, grazie alla vittoria in finale sui Red Devils.

Ma l’enfant terribile Schuster è quasi sempre in contrasto con la società tedesca. Si rifiuta di giocare una partita internazionale contro l’Albania per ospitare la nascita del suo secondo figlio, cosa che a quanto pare all’epoca era ancora un enorme scandalo.

Poco prima del Campionato Europeo del 1984 iniziò la partitella contro il Brasile. Il Barcellona non vuole rinunciare al suo giocatore, visto che il giorno dopo affronterà il Rayo Vallecano.

Alla fine si è deciso che Schuster avrebbe giocato 45 minuti. Lui – saggiamente, a quanto pare – salta la festa post-partita. Ma il sindacato la pensa diversamente. Ci sono minacce che Schuster non potrà più giocare per la Germania. Un tentativo di appianare le rughe è fallito a causa di qualche malinteso

Schuster

Walter Mewes cerca di fermare Bernd Schuster nel Campionato Europeo del 1980.

Ada Hegerberg (NO): Coppa del Mondo 2019

Chi pensa che solo gli uomini siano in contrasto con la propria nazionale (l’allenatore) non conosce la storia di Ada Hegerberg.

Calciatore europeo dell’anno UEFA 2016, Pallone d’Oro 2018 e capocannoniere di tutti i tempi in Champions League: Hegerberg è da anni al vertice della piramide calcistica.

Non dobbiamo nemmeno tornare indietro di 10 anni, ma nel 2017 il calcio femminile non era ancora dove è oggi. Hegerberg ritiene che la federazione norvegese mostri poco rispetto per la squadra femminile, anche a livello finanziario.

Ecco perché ha deciso di dire addio alla Nazionale nel 2017, all’apice della sua fama. Con Hegerberg la Norvegia raggiunse la finale degli Europei nel 2013, ma senza di lui non sarebbe riuscita a sopravvivere nemmeno alla fase a gironi 4 anni dopo. Solo dopo 5 anni tornerà dal pensionamento internazionale.

Hegerberg

Ada Hegerberg in un duello con Fiamma Rossa Helen Jacques.