QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Sig. White Hat paga le criptovalute rubate dopo…

Martedì un hacker finora sconosciuto è riuscito a rubare un importo record di circa 613 milioni di dollari (520 milioni di euro) in criptovaluta dalla piattaforma di scambio Poly Network. Dopo aver supplicato su Twitter, “Mr. White Hat” ha restituito a poco a poco la merce virtuale rubata all’azienda.

Il 10 agosto è apparso un messaggio accattivante sull’account Twitter di Poly Network, una piattaforma in cui gli utenti possono scambiare criptovalute tra loro. “Caro hacker, il team di Poly Network vorrebbe contattarti e esortarti a restituire i fondi rubati”, si legge nella dichiarazione.

La lettera affermava anche che si trattava della somma più alta mai rubata nella storia del mondo della “finanza decentralizzata” (criptovalute, che non sono sotto il controllo delle banche centrali).

“Ogni Paese considera ciò che hai commesso un grave crimine economico e sarai perseguito per certo. I soldi che hai rubato appartengono a decine di migliaia di persone comuni. Dovresti contattarci per trovare una soluzione”.

E questa iniziativa ha dato i suoi frutti, anche se l’hacker afferma di aver sempre avuto l’intenzione di restituire i soldi rubati. “Ho già annunciato questa decisione prima di mezzanotte, in modo che chiunque creda in me possa dormire sonni tranquilli quella notte (emoji).”

È uno dei tanti messaggi che l’hacker ha nascosto nei documenti della transazione e utilizzato per restituire parte dei fondi alla piattaforma. L’hacker di criptovaluta di maggior successo ha mai risposto “solo per divertimento” quando gli è stato chiesto perché ha attaccato la rete Poly.

Un “hacker etico” – cappello bianco in inglese – si è imbattuto in una vulnerabilità nel codice del computer che controlla le transazioni da una criptovaluta all’altra. Nelle sue stesse parole, “Mr. White Hat’ solo per segnalare questa vulnerabilità. Alla fine, c’era il timore che il dipendente di Poly Network avrebbe usato la mancia per derubarsi. Inoltre, l’hacker voleva che l’azienda sentisse effettivamente l’avvertimento imparare da lui».

READ  Uova di gallina velenose a causa di una "droga miracolosa" tossica: una figura centrale ...

Poly Network ha avuto giorni spaventosi, ma nel frattempo la parte del leone dei soldi rubati è stata restituita all’azienda. Su Twitter, Poly Network afferma che “l’integrità della proprietà acquisita è la spada di Damocle che pende sopra il mondo delle criptovalute”.