QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Solo 15 dei 60.000 partecipanti ai principali eventi di test nel Regno Unito sono risultati positivi all’estero

Solo 15 dei 60.000 partecipanti ai principali eventi di test nel Regno Unito, spesso senza maschere facciali o distanze sociali, sono risultati positivi al coronavirus. Lo ha riferito venerdì il ministero della Sanità britannico.




Per ospitare eventi di massa questa estate, il governo di Boris Johnson ha testato nove eventi principali con misure di mitigazione del coronavirus a maggio. Comprendeva tre partite di calcio allo stadio di Wembley (21.000 spettatori), il Gala dei Brit Awards alla O2 Arena (4.000 spettatori), la finale della Coppa del mondo di biliardo e diversi eventi a Liverpool, tra cui un rave party di 3.000 persone e un festival musicale.

Tutti i presenti erano risultati negativi al Covid-19 nelle 24 ore precedenti gli eventi. In alcuni eventi, non erano richiesti una maschera per la bocca e l’allontanamento sociale. Dopo la serata hanno dovuto fare un altro test PCR a casa. Solo 15 dei 60.000 partecipanti erano positivi.

Il risultato è coerente con il tasso di contagio tra la popolazione britannica, che, secondo gli ultimi dati, è di 22 contagi ogni 100.000 persone.

Il ministero della Salute ha dichiarato: “Questi progetti sono scientificamente progettati e monitorati per ridurre il rischio di trasmissione del virus ai partecipanti”. Funziona a stretto contatto con i concorrenti nel Regno Unito per garantire che chiunque abbia un risultato positivo del test possa essere rilevato.

Dal recente allentamento delle misure sul coronavirus di martedì, i centri culturali e gli stadi in Inghilterra hanno consentito fino a 1.000 spettatori all’interno e fino a 4.000 all’esterno. Le regole di distanziamento sociale si applicano ancora a questi eventi.

READ  Joe Biden è il primo presidente degli Stati Uniti a riconoscere il genocidio armeno e la Turchia convoca il suo ambasciatore nel paese all'estero

Il governo spera di revocare tutti i regolamenti entro il 21 giugno, se la pandemia rimane sotto controllo. Tuttavia, le autorità sono preoccupate per il rapido sviluppo della varietà indiana, che è più contagiosa.