QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Solo io e le mie sorelle sappiamo chi è il padre di mio figlio.”

“Solo io e le mie sorelle sappiamo chi è il padre di mio figlio.”

Immagine: Shutterstock

Mila non si aspettava di rimanere incinta dopo quella serata ubriaca con un uomo sposato. Nemmeno con il suo forte desiderio di avere figli.

Mila (28 anni) è una madre single di un figlio (3).

“Era legato, l’ho capito quando è diventato molto interessante con Sharif durante il terzo tempo nella squadra di calcio per cui giocavo. Lui allenava ragazze giovani e io giocavo in una squadra femminile. Aveva dieci anni più di me, ma questo non cambiava il fatto che l’avessi trovato”. Incredibilmente attraente, tutti coloro che lo avevano addestrato lo adoravano. Non c’è da stupirsi che fosse felicemente sposato da anni e avesse due figlie.

Vuole avere figli

Quando ero ragazzina, sapevo già di voler diventare madre, preferibilmente prima dei venticinque anni. Anche mia madre e le mie zie hanno avuto figli in tenera età. Mi ha regalato un’infanzia divertente, impegnata e divertente, e volevo che fosse così anche per i miei figli.

La mia prima e unica relazione seria è finita quando avevo 23 anni, quindi non vedevo più il mio desiderio di diventare madre realizzarsi rapidamente. Poi, davanti a un’altra Bacardi Coca-Cola, ho iniziato a parlare con Sharif.

“Ho parlato del mio desiderio di avere figli e lui ha parlato dei suoi problemi coniugali.”

Ci conosciamo da anni grazie al calcio, ma le nostre conversazioni sono sempre state superficiali. Adesso metto sul tavolo il mio desiderio di avere figli. Sharif, a sua volta, ha parlato con franchezza dei momenti difficili attraversati dal suo matrimonio. Voleva un terzo figlio e sua moglie aveva finito con quello.

READ  La compensazione da parte delle parti sane del cervello allevia i disturbi del morbo di Parkinson: la corteccia cerebrale subentra dopo la perdita delle cellule che producono dopamina

Non so cosa mi abbia spinto ad aprirmi in questo modo, ma all’improvviso mi sono scese le lacrime dagli occhi. Ovviamente sarei d’accordo nel volere dei figli, avevo solo 24 anni. Ma nei miei sogni mi immaginavo nel “quadro completo” a questa età.

Donatori

La prima casa che ho comprato, mi sono sposata e me la sono fatta regalare, con un bambino in braccio. Non sono single, vivo in un appartamento in affitto, con un ardente desiderio di avere figli e nessuna speranza di una relazione. “Voglio aiutarti”, disse all’improvviso lo sceriffo. Mi sono comportato normalmente, ho pensato. Era già padre e rovinare il matrimonio era l’ultima cosa che volevo. “Pensaci con calma”, ha insistito. “Non farò il padre, guardatemi come un donatore, ma vorrei vedere mio figlio qualche volta all’anno. Poi tra qualche anno vedremo cosa gli diremo di me”.

Ero scioccata. Era serio a riguardo? Allora dovremmo almeno discuterne con sua moglie. È necessario redigere un contratto in qualsiasi forma. E lo volevo davvero, diventare consapevolmente una madre single per un padre che amavo più che semplicemente? Mi sembrava incredibile.

Quella sera da ubriaco

Le tazze di bacon continuavano ad arrivare e, prima che me ne rendessi conto, ero in macchina nel parcheggio deserto dello sceriffo. Entrambi non sono più in grado di guidare o di pensare lucidamente. Il primo bacio ci lasciò indifesi, e il fare l’amore che seguì fu tutto ciò che non mi andò bene. Segreto, proibito, volgare. E incredibilmente delizioso.

“La gravidanza era l’ultima cosa che volevo”

Sulla bicicletta verso casa sembrava un sogno. Fino a meno di quattro settimane fa avevo in mano un test di gravidanza positivo. Nonostante fosse stato lo sceriffo in persona a offrirmelo, l’ultima cosa che volevo da quella serata ubriaca era una gravidanza. Non volevo che pensasse che lo tradivo o che questo avrebbe distrutto il suo matrimonio.

READ  La madre di Margo soffre di demenza: mia madre non è più mia madre

Gli promisi di non pretendere mai nulla, a condizione che gli avrei detto francamente chi era suo padre quando mio figlio fosse stato abbastanza grande. “Questa è la responsabilità che devo assumermi nelle mie azioni”, ha concordato Sharif.

la verità

Ho detto all’ostetrica e alle persone intorno a me che Kafi era stato curato durante una notte con un uomo di cui non avevo informazioni. Solo le mie sorelle sanno cosa sta succedendo. Mi piace nel caso mi succeda qualcosa, quindi sono sicuro che Kavi un giorno saprà la verità. Non gioco più a calcio. Sharif ha visto suo figlio solo in foto. Gli mando un messaggio una volta ogni pochi mesi.

A volte rimango sveglio sentendomi in colpa per le sue figlie, che non sanno di avere un fratello. E anche la moglie di Sharif, che non sa nulla di tutto questo. Tuttavia, non credo che questa sia una mia responsabilità; Mi prendo cura di mio figlio. Speriamo che avrà un fratello o una sorella in futuro.

Questo articolo è in Kek Mama Love Special 2022.

Nella nostra rivista Kek Mama puoi leggere le storie più belle, le rubriche in primo piano e i migliori consigli su moda e lifestyle. Iscriviti ora A soli 29,95€ all’anno e sarai il primo a portare lo splendore a casa tua.