QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Sono rimasto subito scioccato e mi sono vergognato”

Un focolaio di scabbia nelle città universitarie provoca non solo prurito infernale, ma anche imbarazzo. Eileen (23) Vive in una casa per studenti e da quasi un anno cerca di sbarazzarsi della scabbia. nell’ultimo Grazie Lei racconta la sua storia.

Niente più energia

“Ho dormito con il mio amico, ma non ho chiuso gli occhi a causa del prurito”, dice Eileen. La mattina dopo si è scoperto che soffriva anche lui. All’inizio ho pensato ai pidocchi, ne avevo sentito parlare da uno dei i miei coinquilini prima. Fino a quando non ho visto protuberanze rosse sul mio corpo. In preda al panico ho chiamato il mio medico che mi ha chiesto di inviare foto. Diagnosi: scabbia. Sono rimasto scioccato e non ho osato dire nulla ai miei amici durante quel primo periodo di peccato. Solo il mio amico e i miei coinquilini lo sapevano.

“Molte persone pensano che tu sia sporco a causa della scabbia. Pensi spesso immediatamente a tutte quelle piccole creature che strisciano sotto la tua pelle e depongono le uova lì, dove si schiudono nuovi acari. Il dottore mi ha dato una crema alla permetrina. Ho dovuto strofinarmi con quello sul mento. Mi è stato anche chiesto di mettere i miei vestiti in sacchetti chiusi per tre giorni e poi di lavarli a 60 gradi. Nel frattempo, nonostante la crema, il prurito era così intenso che sono rimasta sveglia tutta la notte. , non avevo energia durante il giorno, il che non è di grande aiuto quando devi studiare e lavorare”.

acari della scabbia

“Ho chiesto al dottore delle pillole speciali di cui avevo letto. Una specie di antibiotico per la scabbia. Per fortuna ha anche visto che stavo annegando. Con pillole speciali contro la scabbia e sonniferi sono tornato a casa. Grazie ai sonniferi, se Sono fortunato, sono riuscito a dormire tutta la notte e non mi sono accorto del prurito per un po’. Ma non appena ho aperto gli occhi, è ricominciato. Mentre dormivo, mi sono grattato i dossi, quindi ho dormito molto con i vestiti addosso. Ero così stanco che non riuscivo a concentrarmi e sono rimasto rapidamente indietro nei miei studi”.

READ  Il cancro alla vescica spesso non viene riconosciuto nelle donne

“Quando ero in aula, stavo molto attento a non graffiare. Niente è più sporco che vedere qualcuno che si grattava continuamente. Nel frattempo, il prurito mi faceva impazzire. Presto divenne evidente che anche molti dei miei coinquilini soffrivano. Proprio come il mio coinquilini di un amico. Da un lato è stato bello: non dovevo vergognarmene. Ma significa anche che prendiamo sempre la massima cura per assicurarci che tutti prendano le misure giuste per sradicare gli acari della scabbia. Queste creature possono essere rapidamente trasferiti l’uno all’altro attraverso il divano e il letto, ad esempio prestando vestiti.

pazzo prurito

“Durante le mie vacanze all’inizio di quest’anno, pensavo di essermi davvero sbarazzato di loro. Avevo portato vestiti puliti dalla casa dei miei genitori e non avevo prurito per un’intera settimana. Ma una volta tornato a casa, l’effetto “non ci vuole molto perché i dossi riappaiano. Soprattutto tra le dita. Alle caviglie e alle cosce. Ho già pianto a letto. Intanto ero trecento euro più leggero per via di tutte le creme e le pillole, e avevo ancora quel dannato prurito. Il mio corpo era coperto di macchie dovute ai graffi.

“Non ce la facevo più e sono andato dal dermatologo. Ha visto che avevo perso ogni speranza e fortunatamente mi ha dato di nuovo coraggio. Mi avrebbe davvero aiutato a liberarmi della scabbia. Il dermatologo ti ha detto di mettere tutto il tuo vestiti in sacchetti ermetici, anche i sacchetti non sigillati Indossati. Non per tre giorni ma per più di una settimana. Sono rimasto anche scioccato dal fatto di aver già preso le pillole otto volte, ma mi hanno comunque dato un’altra dose. Qualsiasi cosa per sbarazzarmi di questa terribile scabbia. “

READ  Nonostante la sindrome di Asherman, Petra ha ancora un bambino

gli abbracci non vanno

“Sembra che sia andato via da un mese. Ci sono ancora un certo numero di coinquilini, anche con il mio ragazzo non tutti sono ancora liberi dalla scabbia. Ecco perché sono ancora così attento. Guardo esattamente dove mi siedo e dove metto il mio vestiti. Le persone che non l’hanno avuto riescono a malapena a immaginare quanto sia grave. Questo prurito è tanto forte quanto il dolore. Ti assale costantemente e ti assicura che non puoi pensare a nient’altro e non puoi lavorare. Non è del tutto buono anche per la tua relazione. Io e il mio ragazzo riuscivamo a malapena a dormire insieme, e coccolarci così spesso era un tabù. Se hai un contatto con la pelle per più di quindici minuti, puoi effettivamente infettare l’altra persona. All’inizio gli amici stavano scherzando dicendo che io dovrebbe prendere una sedia e non potersi sedere sul divano”.

“Fortunatamente, ora ho notato che il tabù è più basso. Agli studenti con lamentele vengono spesso inviati messaggi di testo, chiedendomi come ho fatto a liberarmi di questa ‘super rogna’. Recentemente ho visto una ragazza con le mani rosse e gonfie sulla mano. Lo sapevo subito: ce l’hai anche tu. Sempre più studenti vengono infettati, quindi sanno di cosa stai parlando. Ora è anche noto che non vedi acari della scabbia camminare o saltare. Anche se di recente ho sentito una voce che puoi vedere questi acari camminare se metti la lampada del tuo cellulare sotto il dito. Non ho idea se sia vero e spero di non doverlo testare di nuovo su me stesso”.

READ  L'OMS avverte di più casi di vaiolo delle scimmie

Testo: Kim Boytenhouse | Foto: iStock