QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sorpresa totale all’apertura di Aldi Outlet: i clienti caricano i carrelli, il negozio chiude anche per un cliente contagiato (Deurne)

L’apertura del porto di sbarco temporaneo di Aldi ha subito suscitato una sorpresa il primo giorno. Sabato, Aldi ha aperto un outlet a Deurne per prodotti non alimentari che non è stato in grado di vendere durante il Corona. È in lista d’attesa sin dall’apertura. A mezzogiorno, il posto era diventato così affollato che i clienti erano tenuti alla porta finché le cose non si erano calmate nel negozio.

Come se Deurne e tutta la zona circostante ricevessero un avviso che il negozio Aldi avrebbe aperto sabato. Fin dalle prime ore del mattino, lunga fila per il buffer dove la catena di supermercati vende prodotti non alimentari a prezzi stracciati.

Sono stati forniti parcheggio e sicurezza e anche il personale Aldi è stato schierato per gestire il flusso delle auto, ma è stato comunque difficile far passare tutti attraverso il negozio e aggirare il registratore di cassa in modo tranquillo.

© Joris Heregoods

Il cliente è ferito

Divenne caotico a Merksemsesteenweg, soprattutto a mezzogiorno. Non c’era quasi spazio di manovra nel negozio, anche un cliente è rimasto leggermente ferito. Si è tagliata la mano su uno dei prodotti tra la folla. Poi i dipendenti hanno deciso di chiudere per un po’ le porte del negozio fino a quando l’interno non si è calmato di nuovo.

Ciò ha comportato tempi di attesa di oltre un’ora con code di almeno 150 clienti la cui pazienza è stata messa a dura prova. Nel frattempo, cliente dopo cliente tira fuori un carrello pieno di tavoli da giardino, carillon, valigie e altro ancora. Perché è di questo che tratta questo outlet, i prodotti scadenti che Aldi non poteva vendere durante Corona.

In attesa alle casse.

In attesa alle casse. © Joris Heregoods

“Vale la pena di aderire”

“I prezzi sono molto allettanti, quindi vale la pena aspettare e fare la fila. Abbiamo comprato tavoli da giardino, panchine da giardino, contenitori per bluetooth, vestiti per bambini, tappetino da bagno e rilevatori di fumo. Forse anche altre cose, ma me le ero già dimenticate. Questo bambù il tappeto del bagno costa solo 6 euro e una panchina nel parco 20 euro”, dice Natalie Kikins, 34 anni, all’esterno, che lei stessa lavora presso Aldi.

“Ma dobbiamo anche unirci come clienti in modo da poter acquistare i prodotti. Sono contento di non dover lavorare qui oggi perché è molto affollato all’interno. Non abbiamo potuto fare un solo corridoio nel negozio perché c’era troppo tante persone. Torneremo a casa soddisfatti di tutte queste cose nuove.”.

Natalie Kikins e suo marito.

Natalie Kikins e suo marito. © Joris Heregoods

Numeri di corona

Nel frattempo, Chris D è in coda da oltre un’ora davanti al negozio. “Avrebbero potuto gestirlo un po’ meglio qui. Sto pensando a più registratori di cassa, per esempio. O a venderne una parte online. Probabilmente è anche più conveniente lavorare con un elenco di prodotti in anticipo in modo che tutti sappiano esattamente cosa è in vendita. Ora che i numeri dell’aura sono aumentati di nuovo, non è bello essere qui in mezzo a questa folla”.

Allora perché dovrebbe voler passare il sabato davanti a un outlet affollato? “Sono una persona tenace ea volte devi solo perseverare. Vorrei un ombrellone per il giardino”.

READ  L'Australia fa causa alla Cina all'OMC per i dazi sulle importazioni di vino | Economia