QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sorvoli in elicottero e tributi scomodi: ecco come viveva Druel a casa | le Olimpiadi

Nina Druel è tornata in campagna. La vita di un campione olimpico è come un ottovolante. Il vialetto da qui a Tokyo è la fine di una frenetica corsa del mercoledì. Come ha vissuto Druel il suo ritorno a casa? E come ti senti quando sei sotto i riflettori?

“Siamo atterrati molto presto a Francoforte. Abbiamo dovuto aspettare lì quattro ore prima di volare a Bruxelles. Dopo una breve pausa a casa, sono partita per la festa a Sint-Truiden e poi sono venuta qui in elicottero”, Nina Derwell è impegnata una giornata fuori.

“Sei diventato arrabbiato con Nina?” chiede Karl Vanneukerke.

“Un po’,” rispose Druel. “Non sapevo che sarebbe successo molto con la mia esibizione. Non si ottiene molto a Tokyo”.

“Semen racconta sempre le barzellette più stupide prima della finale”.

Simon Voight, la ragazza di Nina Druel, ha condiviso un simpatico aneddoto sulla sua preparazione per la finale.

“Chiede sempre di chiamarla in una finale. Cerco di mantenere le nostre conversazioni un po’ leggere. Se riesco a fare una bella battuta e farla ridere, so che è pronta per la sua gara”.

La coppia non ricorda la battuta finale olimpica. Divenne dolorosamente chiaro se Nina dovesse ridere ad alta voce. “No, è sempre la battuta più stupida che fa.”

“Le feste a volte mi mettono a disagio”

Nina Druel può contare anche su una bella accoglienza a Tokyo. I Red Lions stavano aspettando il campione olimpico sul ponte del bar irregolare dell’hotel.

“Mi sono sentito molto a disagio in quel momento”, ride Druel. “È la stessa sensazione quando tutti iniziano a cantare il giorno del tuo compleanno. È quando non sai come reagire”.

Nessuna festa in programma in Giappone. “Ma ho mangiato bene”, dice il campione olimpico, la cui medaglia viene mostrata al pubblico in studio.

“Non conoscevo il punteggio di Sunisa Lee quando ho iniziato”

Nell’anteprima finale, molto è stato scritto sul duello tra Sunisa Lee e Nina Druel. L’americano è stato il primo ad agire a Tokyo. vantaggio per i nostri cittadini?

“Penso di sì”, dice Druel. “Partire per primi è davvero difficile, perché i tuoi muscoli sono freddi. La Lee di Sunny non può più adattare il suo allenamento alla competizione. Se non sta andando bene, puoi sempre correre meno rischi”.

Druel stava con le spalle all’esercizio del suo concorrente americano. “Non sapevo quale sarebbe stato per me il punteggio di Sunizza”, dice la ginnasta.

Ma questo non avrebbe fatto differenza per il nostro connazionale. “Mi sono preparato per un esercizio specifico e avrei comunque fatto ginnastica”. Poi Druel ricorda la sua pratica d’oro. Condivide i suoi pensieri al momento della verità… con le urla necessarie.

La ventunenne Nina Druel ha un ricco tesoro di souvenir. I meccanismi “Da qui a Tokyo” avevano in serbo una bella sorpresa per il campione olimpico. Hanno fornito una panoramica della carriera di Darwell. Goditi il ​​risultato.

READ  Il Manchester City perde la finale di Champions League e Kevin De Bruyne | UEFA Champions League 2020/2021